IL QUIRINALE SI VANTA: “SPENDIAMO COME NEL 2008”!

di REDAZIONE

Qualcuno la chiama cura dimagrante, ma il mucchio di denari che servono a far funzionare il palazzo di Napolitano è ancora esorbitante. Prendiamo quel che riportano le fonti ufficiali.

La dotazione a carico del bilancio dello Stato per il Quirinale è di 228 milioni di euro, pari a quella del precedente esercizio finanziario, già inferiore di 3.217.000 euro rispetto a quella del 2009, si legge sul sito del Quirinale. Tale dotazione è stata confermata anche per il 2013 nel bilancio pluriennale 2012-2014. La dotazione del Quirinale è quindi sostanzialmente pari a quella del 2008, a fronte di un’inflazione che da allora ha già raggiunto la misura dell’8,4 per cento in base all’indice dei prezzi al consumo.

Tale risultato, spiega il sito del Quirinale, è stato reso possibile grazie ad una serie di provvedimenti di riforma dell’ordinamento interno e di riorganizzazione amministrativa adottati dall’inizio del settennato e puntualmente indicati nelle note illustrative dei precedenti bilanci. Queste le misure più significative che hanno consentito rilevanti economie di spesa: blocco del turn over del personale di ruolo, progressiva riduzione del personale distaccato, comandato e a contratto, introduzione del regime pensionistico contributivo, soppressione del meccanismo di allineamento automatico delle retribuzioni a quelle del personale del Senato, blocco degli stipendi e delle pensioni al livello del 2008 fino al 2013, riduzione delle indennità di distacco e di comando, limitazione della corresponsione degli straordinari alla carriera ausiliaria con la previsione di un tetto massimo, soppressione di alcune indennità, insieme a un’attenta revisione di tutti i comparti della spesa per beni e servizi.

Nel corso del 2011 si è inoltre provveduto alla riforma delle pensioni di anzianità, la cui disciplina è stata allineata a regime ai princìpi dell’ordinamento generale, attraverso il progressivo innalzamento dei necessari requisiti anagrafici e di anzianità contributiva e la contestuale applicazione di significative riduzioni dei trattamenti pensionistici nella fase transitoria. Si è infine data puntuale attuazione alle manovre approvate dal Governo a partire dal 2010, compresa l’applicazione del contributo di solidarietà del 5 e del 10 per cento anche alle indennità di funzione del Segretario generale, dei Consiglieri e Consulenti del Presidente nonché ai compensi del personale a contratto e l’estensione pro rata a partire da quest’anno del regime contributivo a tutto il personale di ruolo che fruisce del regime retributivo.

Scrive l’estensore della dote di bilancio: “Si è data puntuale attuazione alle manovre approvate dal Governo a partire dal 2010, compresa l’applicazione del contributo di solidarietà del 5 e del 10 per cento anche alle indennità di funzione del Segretario generale, dei Consiglieri e Consulenti del Presidente nonchè ai compensi del personale a contratto e l’estensione pro rata a partire da quest’anno del regime contributivo a tutto il personale di ruolo che fruisce del regime retributivo”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

5 Comments

  1. Gian says:

    Prima o poi, quando arriveranno i cavaliri dell’apocalisse, trascineranno napolitano e tutto lo stuolo di leccaculi all’Inferno. ho una bottiglia di ottimo champagne per L’occasione

  2. floriano says:

    L’INQUILINO SCLEROTICO DEL COLLE CHE NON PAGA NEANCHE L’AFFITTO, CI DOVREBBE SPIEGARE IL FURTO PERPRETATO AD OPERA DEL’INFAME E BECERO D.L.n°1 DEL 24/01/210- art 35 commi 8-9, IL QUALE RECITA, A TUTELA DELL’UNITà ECONOMICA DELLA REPUBLICA, ecc..( DANDO ATTO ALLA SOSPENSIONE DEL’ART. 7 DEL D.L. del 07/AGOSTO/1997 n°279, SULL’AUTOGESTIONE DELLE FINANZE COMUNALI) TUTTI I COMUNI DOVRANNO VERSARE IN UNA PRIMA TRANCHE ENTRO IL 29/FEBBRAIO/2012, IL 50% DELLA LORO LIQUIDITà DI CASSA,DIROTTAMENTO IN FORMA DI CONTO VERSO LA TESORERIA DI STATO, LA SECONDA TRANCHE, ENTRO IL 16/APRILE/2012, IL PROVVEDIMENTO AVRà DURATA A FAR DATA DEL 31/12/2014,

    MI RIPETO, CAMBIANO I TEMPI (150ANNI), CAMBIANO I PERSONAGGI (I SAVOIARDI DI ALLORA), MA IL SISTEMA DI METTERE ALLA FAME IL POPOLO SOVRANO RIMANE SEMPRE QUELLO; RUBARE RUBARE RUBARE E ANCORA RUBARE!!!!!!!!
    LADRI SCHIFOSI.
    VI DOMANDO E VI CHIEDO BANDA DI INFAMI:

    DOVE E COME ANDRANNO A FINIRE I COMUNI?

    COME FARANNO A GESTIRE I FABBISOGNI DELLE COMUNITA?

    MA ANCOR PEGGIO, MI CHIEDO CON QUALE CORAGGIO CHIEDERANNO ALTRE TASSE, PER FAR FRONTE DEL SOCIALE?

    MA QUELLO CHE MI INTERESSA DI PIU’,
    NOI CITTADINI RIDOTTI ALL’OSSO, RIUSCIREMO A SOPPORTARE PER L’ENNESIMA VOLTA QUESTA ORRENDA ED INFAME TORTURA DI SALASSO CONTRO LA NOSTRA DIGNITA’?

    IO CREDO DI SI’,

    PERCHE’ CI PIANGIAMO ADDOSSO, PUR CONOSCENDO LA NOSTRA FORZA, CI LAMENTIAMO, DEL CARO VITA, LITIGHIAMO CON LA MOGLIE, CON I FIGLI, CON I COLLEGHI DI LAVORO, CONTRO LE RUBERIE DEL POLITICO DI TURNO,

    MA NON TIRIAMO FUORI I COGLIONI PER RIVENDICARE I NOSTRI DIRITTI LA NOSTRA DIGNITA’ DI UOMINI LIBERI, CON LA NOSTRA AUTODETERMINAZIONE!!!!
    SVEIA POPOLI PRIMA CHE ANDEMO A FONDO CON STA MERDA D’ITAGLIA.

    W L’AUTODETERMINAZIONE DEI POPOLI
    W IL VENETO INDIPENDENTE
    W SAN MARCO

  3. Al Quirinale spendono oggi come nel 2008 che era un’enormità e malgrado la situazione attuale ???
    Moltie persone e famiglie spendono la metà rispetto al 2008 e tantissime imprese non “spendono” nemmeno più perchè fallite stritolate dal peso dell’APPARATO che sono costrette a mantenere..
    Talmente fuori dalla realtà che scambiano per sacrificio il non aver aumentato lo scialacquio; ammesso sia vero.

  4. firollo says:

    Chiedete un poco al geniale Calderoli chequalche mese fa ha detto che la Lega è molto amica del presidente e che Napoiitano è un vero federalista e che c’è stima e amicizia con Bossi, chiedete a lui di intercedere…ah ah che risate!

  5. Domenico says:

    Costa sempre troppo. Che bisogno ha il presidente di consiglieri e consulenti? Si rivolga all’avvocatura dello stato, se ha bisogno! 228 milioni di euro sono 450 miliardi di lire, circa un sesto della nuova autostrada Milano Brescia. Che però è molto più utile….

Leave a Comment