Il prof. Monti curatore fallimentare. Altro che risanamento del Paese…

di FABRIZIO DAL COL

Chi non ricorda il mese di  novembre dello scorso anno quando il paese Italia era ritenuto da più parti a due passi dal baratro e sull’orlo del fallimento? Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, data la situazione di crisi venutasi a creare in quel momento, per cercare una soluzione al disastro finanziario in cui l’Italia si era cacciata, decise  di invocare le forze politiche ad accettare, per il bene del paese, un “governo di tecnici” al quale affidare un incarico finalizzato ad evitare il patatrac finanziario. Come abbiamo visto dopo, Monti fu individuato come l’unico tecnico possibile in grado di rispondere ai requisiti sopra citati e, lo stesso, potendosi avvalere di tecnici divenuti poi ministri sui quali  riporre poi la sua fiducia, ha conseguito imperterrito il suo cammino di risanamento dei bilanci, interpretando alla lettera quello che è stato l’incarico affidatogli, ovvero quell’incarico finalizzato solo ad evitare il patatrac finanziario.

Alla luce dei fatti e dopo un anno circa di governo, in molti ora si chiedono invece se il “curatore fallimentare” Mario Monti e l’allegra compagnia di “ragionieri”  fossero le persone idonee a cui affidare un incarico così delicato e difficile e se non abbiamo invece, attraverso i provvedimenti fin qui presi, travalicato completamente l’origine dell’incarico ricevuto. Per semplificare, le leggi fin qui approvate dal governo, ovvero quei provvedimenti legislativi basati tutti sui tagli alla spesa, non hanno visto coinvolto i tagli ai mastodontici costi generali dello Stato: quelli militari, del pubblico impiego, della burocrazia, della politica, delle consulenze verso terzi, del parastato, delle partecipate dello Stato, etc. Come appare meglio evidente ora  con  la  spending  review a regime, solo il 20 % delle nuove entrate dello Stato è da imputarsi ai tagli, mentre invece il rimanente 80% è esclusivamente da imputarsi all’inasprimento fiscale. Detto ciò, appare evidente come il governo dei tecnici  di cui sopra, alla luce dei fatti e con il debito pubblico nazionale perennemente in crescita, si stia rivelando invece un vero e proprio governo politico. Un governo politico come altri, che ha fallito la sua missione per aver disatteso l’incarico ricevuto al solo scopo di risanare le finanze dello Stato e che invece si è  dimostrato incapace di tagliare laddove sarebbe stato necessario tagliare, venendo così meno agli impegni presi davanti agli Italiani.

Giusto per fare un esempio: che fine ha fatto  Enrico Bondi? Il guru, ovvero l’esperto “tagliatore di teste” che risanò l’azienda Parmalat   e che Monti, da tecnico sopraffino quale ritiene di essere, volle fortemente alla sua corte, si è letteralmente volatizzato, scomparso. In barba al suo incarico e in barba alla pontificata trasparenza, a tutt’oggi non si conosce il costo complessivo  del lavoro fin qui svolto né tanto meno si conoscono gli esiti finali di detto lavoro. C’è da chiedersi se proprio il ruolo “tagliatore di teste” non abbia alla fine costretto Bondi ad eclissarsi. E se per caso Bondi avesse nel frattempo già presentato il suo lavoro completo al professor Monti? Forse non lo sapremo mai, ma poniamo il caso che ciò sia avvenuto, per quali ragioni oggi il premier Monti, alla faccia della trasparenza che ha sempre predicato, non rende pubblico tutto ciò? Che si sia impaurito per i tagli troppo drastici previsti da Bondi sui costi elefantiaci dello Stato? o forse per quelli degli appalti? oppure per quelli del sottogoverno? o magari anche per quei costi derivati dai rami secchi, come lo sono ancora quelli degli enti inutili che invece continuano a sopravvivere in quanto  finanziati dalle tasse? Un vero mistero e  tuttavia  Monti non può ora essere dispensato dal chiarire tutto ciò in quanto, se a mancare sono stati proprio i tagli in profondità, la colpa non può che essere  sua. Quei tagli in profondità che riguardano i comparti dell’organizzazione amministrativa dello Stato centrale a cui tanti Cittadini  hanno sempre guardato con speranza, pare invece che siano stati  scarificati per “ragion di stato”.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

11 Comments

  1. Roberto Porcù says:

    Mi pare di sentire quelli che in una chiesa non sopno mai entrati, sindacare su ciò che il Papa debba o non debba fare o invitare “i cattolici” a fare.
    Monti non ha ricevuto l’incarico dai Cittadini, ma dalla associazione a delinquere di stampo politico-burocratico ben piazzata in tutti i centri di potere. Dal loro Grande Capo ha ricevuto l’incarico e a lui deve rispondere.
    L’incarico era, ed è, di riempire le casse dello stato senza sfiorare le prebende ed i privilegi.
    Men che meno i quattrini legalmente rubati con la nuova legge di finanziamento dei partiti, detta del rimborso elettorale, fatta in totale dispregio della volontà di più del 90% dei Cittadini.
    Tutti i partiti a Monti lo appoggiano e quelli che lo negano è perché sono certi che l’approvazione degli altri è sufficiente.
    Mettetevela via, con la legge vistata allora dal tanghero di Oscar Luigi Scalfaro, non rubarono solo quattrini, ma quella parvenza di Democrazia che c’era in Italia e la costituzione europea, pardon le hanno dato un altro nome, sulla quale i Cittadini italiani non devono esprimersi, ed il governo di Monti, mai votato da alcuno, non sono altro che l’istituzione strisciante del regime della cosca politico-burocratica.
    Factum est illud; fieri infectum non potest. (Plauto)

  2. sebrisi says:

    Non avete creduto opportuno pubblicare la mia lettera.
    Eppure credevo di essere nel giusto chiedendo una
    risposta di maroni. Non ho ancora capito se siete emanazione di Libero o altro o se siete dalla parte della Lega o contro. forse qualcosa di più chiaro sarebbe opportuno. Grazie

    • Leonardo says:

      La cosa chiara è che – come lei dimostra, non non riuscendo ad affibbiarci un’etichetta – SIAMO LIBERI. So che risulta incomprensibile ad un italiano, ma è così.

  3. sebrisi says:

    Ieri sera, seguendo Ballarò, ho saputo dell’approvazione
    della nuova legge elettorale : Chi vince con almeno il 42,5% dei voti godrà del premio di maggioranza.
    La nuova legge è stata approvata e firmata da Pdl,Pd,Udc
    e, …. udite udite, dalla Lega.
    Subito ho pensato agli sviluppi della situazione e questa
    mattina su Libero Quotidiano, a firma di Maurizio Belpietro ed a pag.5 F. Bechis ho avuto la conferma di
    quanto avevo immaginato. Nessun partito raggiungerà
    quella percentuale, per cui tutto ciò avviene preparando il terreno ad un governo Monti (Zombie) bis. Lega Nord
    perchè hai firmato? possibile che nessuno di voi abbia
    pensato al tranello? Ma se tu lasci noi Popolo a chi
    dobbiamo rivolgerci per non essere travolti da questi
    Pinocchioni?
    MARONI abbi la compiacenza di rispondere!!!!

    • Ma davvero c’è ancora gente convinta che alla lega freghi qualcosa dei cittadini? Ma ci hanno davvero rincoglionito a ‘sto punto? Ti chiedi se ci hanno pensato, l’hanno SCRITTA LORO, ma per la miseria quanto lobotomizzati siete?!

  4. Dan says:

    Rimango dell’idea che se c’è mai stata vera crisi, non un solo passo è stato veramente fatto per combatterla.
    Se una famiglia vive nel lusso 365 giorni all’anno e poi si trova sommersa di debiti, la prima cosa che fa è tagliare con i lussi.
    Qua, non un solo politico s’è tagliato lo stipendio, non un solo magistrato o alto dirigente ha rinunciato a qualcosa e si fottano pure idioti come gli esodati.
    La gente d’altro canto ha continuato con il solito teatrino di mugugni quindi… no non c’è mai stata vera crisi.

  5. Don Ferrante says:

    Il grande, impagabile, incredibile pregio del prof. Mario Monti è di aver attratto ed accentrato su di sé tutti gli strali di chi soffre la crisi corrente, lasciandone praticamente immuni i predecessori !

    Bravo e cattivo, capace o incapace, dotto o ignorante, onesto o farabutto…..è riuscito a far dimenticare un pirletta, con in testa solo la patonza, che negava la recessione affermando che i ristoranti erano pieni e gli aerei in overbooking, capo di un altro zifolotto che sosteneva di aver portato il paese fuori dalla crisi….perché era amico di Bossi !

    Il Governo Monti, probabilmente per caso, ha preso provvedimenti che, sempre per caso, mi danneggiano in modo particolare per la mia personale condizione.
    Non lo amo proprio, anzi….

    Però ritengo che il PdL e la Lega dovrebbero fargli un monumento “aere perennius” od assegnargli un premio: il parafulmine d’oro !

    • oskar54 says:

      il problema è che il parafulmine ce lo stanno infilando nel culo e il fatto che sia d’oro non è che sia tanto di sollievo.

      • Don Ferrante says:

        Invero il palo nel didietro ce l’hanno già infilato anni fa coloro che han convinto gli italiani di essere ricchi !

        A furia di spingercelo, il palo ha raggiunto il collo, è entrato nella testa e ci ha fatto spalancare gli occhi sui tecnici, impedendoci contemporaneamente di girarci per vedere gli impalatori…..bianchi (DC, PdL…), rossi (PCI, PSI, PD….) e verdi (Lega…).

        Tutti uguali, tutti lì a spingere !!!

        Non ci resta che stringere…!!!

  6. un Alpino Genuino says:

    Più che “curatore” mi sembra il Prof. Monti sia costretto a fare quello che cazzatore, che tiene al guinzaglio il porcellino i. la minchia, gli dice di fare, cioè è costretto a promulgare le scemenze che i 4 porcellini confezionano.
    Ma cosi lo stato va allo sfascio, attualmente la situazione statale e paragonabile alla francia ante rivoluzione, un gruppo di porcellini e cortigiani mangiano ostriche e bevono pregiati vini francesi e il popolo è alla fame; cammuffando opere demenziali come la tav, da pubbliche succhiano il poco denaro rimasto ai poveri pensionati, ai proprietari di beni immobili e a tutti i non partecipanti al banchetto.
    Sig. prof. Monti vada un poco a studiare o si affidi a consiglieri saggi non a cantautori.
    I migliori saluti prof. Monti.

    • Flit says:

      Mandar Monti a studiare e scrivere “camMuffando” è esilarante !

      Con denigratori come Lei, Monti avrà vita eterna !

      Purtroppo, per la penna !

Leave a Comment