Il presidente Grasso lascia il Pd. L’ex magistrato non ce la fa a mandar giù il Rosatellum

grassoLa decisione di Pietro GRASSO di lasciare il gruppo Pd al quale è iscritto dall’inizio della legislatura e che aveva confermato anche dopo l’elezione alla presidenza del Senato arriva poco dopo l’approvazione della legge elettorale che ieri aveva già lasciato intravedere, durante il dibattito sulle fiducie al ‘Rosatellum’, il disagio dell’inquilino numero uno di palazzo Madama. Messo alle strette dal senatore M5S Vito Crimi, che lo aveva esortato a dimettersi “per non rendersi complice” e potersi così appuntare una medaglia al petto, anche rispetto alla ‘sua’ Sicilia, GRASSO aveva replicato con toni e parole più ‘veementi’ del solito. “Non ho bisogno di medaglie ma ho il senso delle istituzioni. Come tutti sanno -aveva detto GRASSO- il motivo per cui non ho accettato la candidatura in Sicilia è stato per potere continuare, con senso delle istituzioni, a espletare la mia funzione in quest’assemblea”. E ancora, quasi a prefigurare le somme che si apprestava a tirare da questo passaggio cruciale della legislatura: “Ritengo che questo sia il mio compito in questo momento. Le mie decisioni personali sono altra cosa. In questo momento io faccio il Presidente del Senato e vado avanti con il mio compito. Quali che siano le mie decisioni personali e le mie intime motivazioni -aveva sottolineato GRASSO- posso dire che può anche essere più duro resistere e continuare, piuttosto che abbandonare con una fuga vigliacca. Si può esprimere il malessere, ma non è detto che, quando si ha il senso delle istituzioni, si debba obbedire ai propri sentimenti. È chiaro?”. Oggi, forse lo è di più.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment