Il prefetto di Bergamo cerca casa per i profughi. Ma nessun vertice per i nostri su una strada

di GIULIO ARRIGHINIraccontami_una_favola

Leggo la notizia ma non mi stupisco. Il prefetto di Bergamo Francesca Ferrandino ha inviato una lettera di convocazione a 64 sindaci della Bergamasca, invitandoli a partecipare a una riunione, martedì pomeriggio in Prefettura, sul tema dell’accoglienza ai profughi.

E qui mi fermo. E chiedo: c’è altrettanta premura nel convocare vertici con le amministrazioni comunali per dare una mano alle nostre famiglie che non ce la fanno più? Poi vado avanti a leggere: “I continui, significativi flussi migratori di cittadini stranieri provenienti dai Paesi del Nord e Centro Africa, nonché dai Paesi del Mediterraneo – si legge nella convocazione – e la conseguente necessità di reperire strutture capaci di consentire l’ospitalità e l’assistenza temporanea, hanno posto in luce la necessità di delineare efficaci percorsi operativi in grado di far fronte alle numerose criticità che si palesano nell’ambito dell’attività di accoglienza”. “In tale contesto assume un ruolo rilevante – prosegue la lettera ai sindaci – il rapporto di collaborazione tra Istituzioni, allo scopo di garantire, nel rispetto dei ruoli, l’adempimento delle attività connesse”.

Allora, ripassiamo le parole chiave del prefetto:

necessità… ospitalità… necessità… assistenza…… efficaci… criticità… attività… accoglienza…adempimento…

Parole sante, a senso unico. Ce lo spiega, eccellenza?

 

Segretario Indipendenza Lombarda

Print Friendly

Recent Posts

4 Comments

  1. Roberto Porcù says:

    Tutti gli amministratori pubblici chiedono più risorse da gestire.
    Gli emigranti sono una risorsa ed allora che se li gestiscano, nel tinello di casa.
    Bisogna guardare più lontano del proprio naso, emigranti, zingari, furti nelle case, … non sono “il problema”.
    Bisogna cacciare a pedate sul sedere i papponi accasati in ogni nicchia del potere e della pubblica amministrazione.
    Cacciarli e confiscare loro il denaro accumulato.
    Lo ha fatto la rivoluzione francese e lo ha fatto quella russa.
    Gente nuova poi il problema dell’immigrazione lo risolve facilmente, come tutti gli altri paesi europei.

  2. Dan says:

    Oh sentite, gli italiani che stanno male, quelli che dormono in macchina, che mangiano quando e se alla caritas, come mai non si sono ancora organizzati e non hanno ancora occupato una di queste strutture che ospita i clandestini ?
    Questi signorini qua, nonostante siano mantenuti e coccolati, non ci pensano due volte a bloccare le strade ma gli italiani ? Niente.
    E allora dove sta il problema ? Dove sta l’urgenza di risolvere un problema per gli italiani ?
    Quante volte bisognerà ribadire che in italia un problema è considerato tale solo quando manda a farsi fott… il quieto vivere e l’ordine pubblico ?

  3. GPaolo says:

    Se nessuno protesta, vuol dire che va bene così!

  4. Antonio says:

    Ma i prefetti chi sono? Ah si controllano che vi sia il tricolore ben esposto nelle piazze in nome dell’ Italia l’ occupante nel londardoveneto. E normale che non pensino ai nostri cittadini siamo una colonia da sfruttare. Ci rienpiono di immigrati per far confusione cosi adesso si sente con orgoglio siamo italiani. ( non sono razzista) ma quale paese manda la marina militare a prendere profughi diciamo clandestini
    Per poi mantenerli a spese nostre e non riesce a portare a casa i due maro in india? Ce qualcosa che non va! E un piano gia stabilito per creare confusione… e ai nostri profughi andati in merica dopo l’ arrivo dell’italia che a portato guerre e tasse e fame chi si ricorda? Ah gia l’italia e senpre stato un popolo di migranti. O la gente si sveglia o sara troppo tardi.socconberemo ma di brutto…

Leave a Comment