Il populismo ucciso dal Coronavirus

di Luigi Basso – Non può essere sfuggito il fatto che politici esperti e navigati come Salvini, Zaia e Fontana siano incorsi simultaneamente in una serie di gaffes da competizione fantozziana.
Salvini col cesto di salami, la mascherina di Fontana, i topi di Zaia. Insomma, cose mai viste. Trattandosi di politici di grande furbizia, la questione merita riflessione.

A me pare evidente che tutti questi personaggi sono andati in tilt e questo è dovuto al fatto che da politici di professione hanno capito che il coronavirus ha ucciso il loro cavallo di battaglia: il populismo.
Ora sono come completamente impazziti, perché tutti hanno potuto vedere che l’Italia fuori dalla globalizzazione fallirebbe in 5 giorni. Figurarsi una eventuale italexit di cui straparlano i populisti.
Le imprese italiche sono legate alla globalizzazione come un malato alla flebo e anche solo l’idea di uscire dalla UE e dall’euro è fuori dalla realtà. Come la vicenda del Coronavirus ha mostrato a tutti.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

LA POLITICA DEL LAVARSI LE MANI. GLI INADEGUATI AL COMANDO

Articolo successivo

Una grande lezione dal pronto soccorso di Napoli