Il PIDGIN in ITALIA, quella lingua per la cultura non elevata assai diffusa ai vertici del Paese: politica e tv

frequenze tvdi GIANLUIGI LOMBARDI CERRI – Il pidgin è un mezzo (lingua)  di comunicazione semplificata tra gruppi umani di cultura non elevata, per scambiarsi informazioni, prevalentemente commerciali. Il pidgin più noto è quello sviluppato oltre un secolo fa dai cinesi, per comunicare con I commercianti inglesi.

Avendo difficoltà, i cinesi, ad imparare l’inglese hanno inventato un modo per farsi capire misto: parole cinesi, parole inglesi, gesti. In tempi più recenti è il linguaggio che usa Renzi per cercare di farsi capire (ahime invano) dal resto del mondo. Veniamo all’Italia . Esiste un pidgin in Italia? Certo lo si può chiamare il pidgin terro-italiano. E’ un linguaggio dalla grammatica e dalla sintassi assolutamente primitive espresse con accenti tipicamente meridionali.

Oltretutto essendo altresì scarsissimo di vocaboli italiani, chi usa questo linguaggio cerca di darsi arie da intellettuale acquisendo vocaboli nuovi di cui, spesso, non conosce il significato. Due esempi che vanno di mada: razzismo e populismo che sono usati distorcendo il loro significato originale .

E’ divertente notare come i terro-dicitori della TV pronunciano “ da intellettuali” i vocaboli di altre lingue per darsi le arie da linguisti. Sono all’ordine del giorno miuller, fiurer , midia, ecc. Dove viene usato il pidigin terro-italico? In incontri pubblici specie dai parlamentari e, ormai comunemente, in televisione.

Se avete la pazienza di vedere pezzi di dibattiti televisivi vi accorgete che I parlanti pdgin sono almeno l’80% della popolazioni italiote. Per quanto attiene i presentatori oserei dire che si arriva addirittura al 90%.

Che significa tutto ciò?

Due cose essenziali.

-che è in atto una operazione di genocidio culturale a danno di chi parla correttamente UNA LINGUA

-che è in atto un programma di progressivo abbassamento culturale dei cittadini.

Questo è di particolare evidenza nei modi e nei programmi di insegnamento , particolarmente sottolineati dalla cosiddetta “buona scuola” che è tutto salvo che buona. Indubbiamente a fianco di queste operazioni si afferma sempre più la tendenza tipicamente meridionale di sostituire alle “sudate carte” la cosiddetta rapida intuizione mediterranea. Intuizione che si estrinseca sostanzialmente in velocissime parlate e, quasi mai, in fatti palpabili. Ma ritorniamo al pidgin  italiota. Che ritroviamo perfino nei film. Si hanno, al proposito, significativi esempi ben oltre l’anglo-farfugliamento di Renzi.

Storicamente clamorosa la scena di Totò e Peppino De Filippo in piazza del Duomo di Milano quando Totò interpella un vigile meneghino da lui considerato straniero a tutti gli effetti. Un altro grosso guaio, che contribuisce a distruggere la lingua italiana è lo spesso inutile utilizzo di vocaboli stranieri. Certo ci sono sttori di specializzazione nei quali la tipologia è tipicamente anglosassone, ma spesso viene usato un termine inglese quando esiste un perfetto termine italiano.

Un paio di esempi: governance (reggitori di una azienda) , quando l’italiana parola governo è calibratissima. Team, quando esiste la parola italiana squadra. A differenza dei francesi i quali, a difesa della propria lingua coniano parole francesi ancora più significative delle originarie parole inglesi…. Tipica la parola francese ordinateur che esprime perfettamente ( e forse anche meglio) il concetto contenuto nella parola computer.

Ogni lingua ha una sua logica che esprime una particolare cultura del popolo che l’ha generata. Basta confrontare la lingua italiana che attraverso frasi subordinate e incisi amplia sempre più il modo di essere compresi. Con la lingua tedesca che, in una frase vengono espressi attraverso opportuni vocaboli i concetti generali che, attraverso prefissi o suffissi dettagliano sempre più il modo di esprimersi.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

One Comment

  1. luigi bandiera says:

    Pensate ai medici… ai matematici, ai fisici, agli astronomi e a tutte le categorie di studiosi che per comunicare tra loro usano ognuno la loro LINGUA.

    Mi penso ai telegrafisti… -.-. .. .- — (vuol dire ciao).
    Io o cominciato a far bene a scuola da quando ho capito che dovevo imparare le varie lingue dei prof per es. di italiano, o di matematica e cosi’ via.

    Pero’ devo ammetterlo, quando parlo e scrivo (sgrafo) in lengoea veneta do’ molto di piu’ nel senso. Come le piante autoctone no..?

    Oggi che forse ho capito (sai, gli intellighentis sono gelosi della loro ignoranza) per prima cosa dico che uno che parla non lo posso giudicare dagli “elementi” o lingua usati/a per esprimersi: pensate ai sordomuti. Dite, che dialetto parlano..? (fermi: non fatevela sotto dal ridere).

    Se non lo sapete siete davvero molto IGNORANTI ed io (ripeto) ho vinto contro i potenti ma ho perso contro..??? Ma si, te pareva dicono a roma da sempre predona, proprio da quella li’: L’IGNORANZA..!

    La peggiore e’ nel RAGGIONAMENTO o nel non capire il SENSO.

    Pero’ io sono dottore per l’italia per cui sono sapiens… (Dite, come lo festeggiano il neo dottore all’uscita del suo sproloquio..?? Dottore… dottore… dottore del bu… ecc. e ecc…).

    Se non la smettiamo di dare la patente di sapiens a chi ha la carta in tasca (oggi la piu’ potente del mondo) noi non AVREMO mai e poi mai un’altra Venezia..!!

    INSOMMA, TUTTO SI BASA SU COME CI SI ESPRIME E NON SUL PEZZO DI M… NO INTENDEVO CARTA che si ha in tasca, MA SUL FARE..!

    La mafia lavora cosi’: io conosco tizio e poi caio e poi l’altro e cosi’ via… fanno gruppo e si impegnano a raccattare. Ovviamente usando cosa..? No un dialetto, stupidini, ma una LINGUA. E quale se non quella MAFIOSA..?

    Beh, cosi’ fanno i politicanti e, quale lingua usano se non la loro e cioe’ la naturale LINGUA POLITICHEISA..?

    Ma devo dirle io ste cose..? Il meno indicato perche’ analfabeta..?

    E a questo punto dite: il cittadino quello che i trova in BASSO (il palazzo poggia…) che kax ne sa di tutte ste kax di lingue..??

    Siccome tutto e’ regolato da leggi sempre piu’ in aumento tanto da SOFFOCARCI, se non avra’ o sapra’ la lingua degli AVVOCATI, dite o kax: come ne uscira’..??

    Sara’ o no come quel nero o un po’ scuro, se riferito a noi, che si e’ annegato nelle acque MAI E POI MAI MERDITERRANEE di VENEZIA..??

    E dato che ci sono, dite, o voi sapiens (si fa per dire ne’) oggi, in ke kax di lingua si parla e a livello mondiale e ma anche a livello locale..???

    Visto che il significato delle parole e’ in discussione, per es.:
    demokrazia = a merrrrdddd o confu totale;
    liberta’ = a jail o galera..?
    E cosi’ via fino ad arrivare di fronte alla nostra naturale REGINA che si chiama..??

    C O N F U S I O N E..!
    – anche
    S O P R A F F A Z I O N E. OPPRESSION.

    Leggiamo o no, nei fatti, che tutto quello che ha e fara’ la komunista SX e’ il bene (vome la faccia della medaglia no) e tutto quello che ha fatto e fara’ la DX (faccia o faccetta brutta), anche solo nel pensare, sara’ il MALE..?
    L’impero romano era di DX o di SX… no perche’ mi sembra che in fatto di krimini ne ha combinati diversi..! O davvero no, cioe’ nessuno..?? E’ sui libri di storia nelle scuole talibane… Molto biforcuto sto gran bel segnale trikolorito..!

    Cari padani e oltre, O DISINCANTO O MORTE… e ce la faranno avere anche lentamente per farci soffrire meglio e di piu’..!

    TROMBaaa..!
    Suona sta kax di sveglia no..?

Leave a Comment