Il partito di Mauro e Bodega, Grammatica: c’ero ma non c’ero

di TONTOLO

Questa proprio non mi era ancora capitata, ma vabbè, non bisogna sorprendersi di nulla. Il 30 maggio scorso L’Indipendenza ha pubblicato un mio articolo dal titolo “Siamo gente comune, il partito arancione di Rosy e di Bodega”. Nel pezzo scrivevo:

“Se ai cerchisti dovesse andare male, un partito in cui rifugiarsi ce l’hanno: si chiama “Siamo gente comune. Movimento territoriale”. L’hanno fondato Rosy Mauro e Lorenzo Bodega. Non ha voti ma ha già la sua quota di finanziamento pubblico in quanto parte del Gruppo Misto del Senato. Adesso ha anche una sede. Dieci giorni fa è stato infatti inaugurato a Oggiono (LC) il “Bodega Art Café”, che il Bodega medesimo ha così descritto: «Questo vuole essere un luogo di incontro aperto a tutti, nessuno escluso. Un’attività nuova che si occuperà tra le altre cose anche di cultura ma cultura sarà anche fare politica».

All’inaugurazione si sono presentati tutti i big presenti e futuri del nuovo partito. A tagliare il nastro arancione (il verde sembra momentaneamente sparito) c’erano oltre al Cavaliere della Repubblica e Senatore Bodega, Rosy Mauro, il senatore leghista Armando Valli, Luciano Grammatica, Piero Moscagiuro (in arte Pier Mosca), e Marta Casiraghi, di fresca trombatura alle amministrative. La presenza di Roberto Castelli era solo evocata da Sonia Besana (compagna del Bodega ed ex del Ministro) e da Giuseppe Magni, suo solido sodale”.

Insomma, davo la notizia della nascita del nuovo partito, che molti avevano visto come il naturale approdo di Umberto Bossi in probabile uscita dalla Lega, ma di recente liquidato dal “Senatur” come un insieme di due gatti che non vanno da nessuna parte.

Detto questo, un paio di giorni fa il direttore Marchi riceve una lettera dall’avvocato Andrea Stangalino di Como che scrive per nome e per conto di Luciano Grammatica (ultimo a sinistra nella foto a fianco), citato nell’articolo come presente all’inaugurazione del Bodega Art Café. Cosa scrive il legale. Cito testualmente: “Il sig. Grammatica si dissocia fortemente dal contenuto dello stesso pezzo giornalistico e mio tramite fa alcune precisazioni. In tale articolo si fa cenno al fatto che il mio assistito sia uno dei possibili big del partito denominato “Siamo gente comune. Movimento territoriale”, fondato dalla Senatrice Rosy Mauro edal Senatore Bodega. Il mio cliente intende sottolineare che era andato all’inaugurazione del locale intitolato “Bodega Art Café” di proprietà di una amica e non altresì alla nascita di un futuro partito politico. Lo stesso si è ivi recato a titolo personale e perché invitato dalla signora Sonia Besana proprietaria del nuovo bar.

Il signor Grammatica ribadisce che egli, a tutt’oggi, è fieramente militante della Lega Nord e tesserato della stessa da molti anni”.

L’avvocato Stangalino nella sua lettera poi cita la presenta all’inaugurazione del Café anche dell’on. Michela Vittoria Brambilla per dire che non può essere avvenuta con l’intenzione di lasciare il Pdl per entrare nel nuovo partito. Quindi tiene a ribadire che l’intervento del signor Grammatica è avvenuto esclusivamente a titolo personale e minaccia di adire a vie giudiziali per i danni “patiti e patiendi” se la precisazione non verrà riportata con eguale evidenza.

Caspita, ci tremano i polsi. La precisazione, caro Avvocato, come vede l’abbiamo data. E tuttavia ci incuriosisce una cosa: quali sarebbero i danni potenziali per il suo cliente? L’abbiamo forse diffamato attribuendogli la potenzialità di essere un futuro big di SGC? Mi pare un po’ improbabile, a meno che Lei e il suo cliente non riteniate il Movimento Territoriale di Bodega e Mauro un’associazione a delinquere e allora non si capisce perché Grammatica si sia presentato anche a titolo personale a una cerimonia che tutti sapevano avere comunque un sapore politico.  Oppure, più concretamente, il danno che il suo cliente potrebbe subire è quello di aver perso o perdere qualche potenziale “cadrega” per il solo fatto che un giornale ne ha registrato la presenza a una certa inaugurazione?

Comunque, per rassicurare l’eminentissimo avvocato Stangalino, ribadisco che Luciano Grammatica non c’era, anzi c’era ma è come se non ci fosse. I bene informati e un po’ maligni raccontano che si fosse travestito. Di cosa lasciamo alla fervida fantasia dei nostri lettori immaginarlo…

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

5 Comments

  1. Arcadico says:

    SGC?

    Mi viene in mente … acronimo spiritoso di …siamo già cotti.

    A parte la battuta spontanea e simpaticamente acre è a tutt’oggi ancora solo una scommessa sul fallimento ventennale della politica leghista.

    Ok per la notorietà acquisita in Lega!
    Ok per i folto seguito dei fedelissimi!
    Ok per le non poche relazioni personali!

    Ma il programma quale è?

    Azzardo un ‘facciamo già politica … vorremo continuare a farne dell’altra’!

    Ora magari, oggi, sono particolarmente ispirato e cattivoncello ma a me pare un pò poco per coalizzare il voto di centro destra presente sul lecchese.

    Anche se le ‘scuffiate’ della Lega sul territorio (parlo da felicemente epurato 2009) sono talmente tali e tante, (non ci siamo fatti mancare proprio nulla qui nel lecchese), da aprire praterie di voti in libera uscita facilmente intercettabili!!!

    P.s. Vuoi vedere che con una botta di … gli va pure bene?

    Scommessa per scommessa vediamo cosa saprà anche fare l’UPA acronimo di UNIONE PADANA ALPINA del anche qui ex deputato bergamasco leghista Giovanni Ongaro da ALBINO (Bergum) nelle cui file milita il mitico e puro (per gli addetti) Cristiano FORTE!!!

    Ai posteri la visione del seguito.

    • donferrante says:

      SGC raccoglierà sicuramente l’illuminato consenso di molti delusi dalla Lega Nord, che sceglieranno un senatore….fuggito dalla Lega dopo la peste e l’espulsione della Mauro!
      Che nobiltà, che dignità, che uomo tutto d’un pezzo…
      Visto i risultati delle precedenti elezioni…non me ne stupirei!
      Molti lecchesi, purtroppo, sono capponi di Renzo.
      Il programma, come dichiarato sin dal lontano 1993, sarà certamente “circonciso” !!!

  2. Il Lucumone says:

    All’inaugurazione del “Bodega Art Café”, in Oggiono, c’era uno sparuto gruppetto di personaggi in cerca d’autore, probabilmente convinti di aprire uno “scivolo” al capo che, irriconoscente come sempre, li ha poi sbertucciati !
    Qualche giorno dopo una manciata di persone ha inaugurato, in un quartiere di Lecco, la sede del SinPa, ma non risulta che si sia cantato “Kooly Noody”!
    Confesso la mia ignoranza, spero perdonabile: non so chi sia Luciano Grammatica, cognome che mi ricorda, con nostalgia, Emma ed ancor più Irma Gramatica (una sola M), grandi attrici e signore, oggi dimentoicate in un bordello di guitti!
    Caro Tontolo, mi piacciono i tuoi pezzi, mi complimento e ti suggerisco di leggere il “Corriere della Sera” del 9 settembre 1999, a pagina 11.
    Continua così!

  3. jimmie says:

    I danni “patiti e patiendi” appartengono ai molti che avevano creduto nella lega nord quale movimento anti-parassitario. Oltre a non aver fatto niente l’apparatkit ha prosperato tramite l’inappropriato uso di risorse ad uso personale (leggi furto).
    Che il sig. Grammatica scaldi ancora un po’ una delle troppe poltrone a libro paga dei cittadini. E, dato e non concesso che ne sia padrone, che il Grammatica insegni un po’ di grammatica ai quei poltronati quaquaraqua leghisti che si son fatti vanto di storpiarla ad libitum.
    jimmie
    http://www.yourdailyshakespeare.com

  4. Gian says:

    mah cerchi di parare il colpo e metterla sul ridere, ma mi sa che grammatica e avvocato la vincono non un secco 2 a 0, ma per lo meno la vincono ai punti…

Leave a Comment