“Il Nord ha fatto beneficenza al Sud: risultato è corruzione e impiegati statali”

nord sud1

di GIULIO ARRIGHINI – Se lo dicono gli indipendentisti, i federalisti, i cittadini del Nord, che il Sud ha ricevuto beneficenza dal Settentrione senza ricavarne nulla, anzi, è stata alimentata la corruzione, e se lo dicono gli autonomisti che la politica culturale ha la puzza sotto al naso quando si tratta di difendere chi fa impresa, è naturalmente razzismo da osteria, padanismo da due lire, bassoleghismo, egoismo, populismo, provincialismo. Un isterimo di -ismi che non finisce più.

Poi, ti capita di leggere il pensiero dell’economista Deirdre McCloskey, autrice di una storia della classe media, e che afferma: “Troppi uomini di cultura disprezzano chi produce ricchezza. Che errore”. Ma ancora più intrigante quando dichiara, come ha fatto in una recente intervista a “Il Giornale”, che “il risultato della beneficenza, così come dei soldi trasferiti dal Nord al Sud dell’Italia, sono solo corruzione e un eccesso di impiegati statali”.

Ha detto tutto, la McCloskey. Ha anche aggiunto nei suoi libri, che tre sono le virtù dell’era generata dalla buona borghesia: virtù, dignità, uguaglianza. E’ vero, negli ultimi due secoli ha funzionato così. Ma in Italia? Hanno sfruttato il capitale, non le buone idee. Hanno fatto un patto scellerato con il potere, con lo stato, contrabbandando l’intraprendenza con la dipendenza e la servitù politica.

La borghesia anziché fare da propulsore, ha fatto da negoziatore con lo Stato e la sua burocrazia. Ha accolto Napoleone per la seconda volta.

Guardate cosa ha affermato Confindustria circa il referendum sulle riforme di ottobre. Se non passerà, sarà recessione. Ovvero, se non passerà la legge che massacra le autonomie locali, che trasferisce a una ristretta cerchia di “senatori”, sindaci e altri già nominati, le competenze di negoziazione con l’Europa (che c’azzecca?) se tutto questo non sarà legge, allora sarà la fine.

Di chi? Dei cittadini, sicuro. Non della borghesia che abbiamo imparato a conoscere, quella che vota Sala e non Parisi, a Milano. Che si porta in casa gli amici dei Fratelli musulmani, a Palazzo Marino. Che ha una visione dell’economia che va a braccetto con chi elogia l’euro e Bruxelles.

La borghesia illuminata, elogiata invece dalla McCloskey, forse in Lombardia è in grande minoranza. Non sta nelle grazie dei non eletti come Renzi, paga più tasse che tutti gli artigiani e piccoli imprenditori d’Europa, e chiude spesso perché lo Stato continua a pretendere la presunzione di reddito chiedendo in anticipo le tasse non dovute.

E’ quella che crede ancora in una nuova cassa del Mezzogiorno. In tutto il mondo la pensano al contrario. Ma se a casa nostra diciamo che non vogliamo essere schiavi di questa prigionia intellettuale borghese da salotto della solita sinistra arricchita, passiamo per primitivi della politica. Ce ne faremo una ragione.

In Gran Bretagna il popolo ha deciso che fare della propria vita. Perché in Italia la borghesia illuminata non ha il coraggio di dire se noi popolino abbiamo ancora diritto al suffragio universale o se invece il futuro è una questione di censo e di intrallazzo?

 

Segretario Indipendenza Lombarda

Print Friendly

Related Posts

9 Comments

  1. Castagno 12 says:

    Per BORBONIA FELIX.
    Lei fa perdere del tempo e non riesce neppure ad essere spiritoso.
    Non esiste lo Stato italiano Centro Nordico perchè a Roma, alla Camera e al Senato, più dell’80 % dei componenti è rappresentato da persone delle Vostre parti. Se poi guardiamo i cognomi, la percentuale aumenta.
    Il Fronte di Liberazione, se esiste, è inadeguato ed inutile.
    Per Voi la coesistenza con il Centro-Nord è dannosa ? Allora venite via. CHIEDETE L’INDIPENDENZA.
    LE “CATTIVE” COMPAGNIE si abbandonano, NON VANNO FREQUENTATE.
    Sia gentile, BASTA !

  2. Borbonia Felix says:

    x castagno 12
    Forse non è a conoscenza del fatto che esiste il Fronte di liberazione della Napolitania che combatte contro lo Stato italiano centro-nordico che ci opprime da 155 anni. eccolo qua’:

    http://fln.napolitania.com/

    • Castagno 12 says:

      Se è vero ciò che Lei sostiene, allora ci spieghi perchè non chiedete di staccarvi da noi.
      E quando il Nord manifesta il desiderio (E NULLA PIU’) di Indipendenza, sostenete, con veemenza, che l’unità d’italia non si tocca, non è in discussione.
      Siete delle Dame di San Vincenzo ?

  3. Borbonico says:

    Mi censurate i post proprio come in Corea del Nord…non avete le palle !

  4. Castagno 12 says:

    Signori, ho solo parlato DI RACCOLTA FIRME !
    Una iniziativa che può anche essere presa da chi non ha fatto il servizio militare.

  5. Castagno 12 says:

    DOMANDA : ” Senza aspettare che la “borghesia illuminata” parli, perchè “il popolino”, non domanda con decisione e chiarezza DI VOLER USCIRE AL PIU’ PRESTO DALL’UE E DALL’€URO ? ”
    Per arrivare ad ottenere il referendum “ITAL-EXIT” i vari Movimenti e dintorni farebbero bene a consultare il Prof. Giovanni Maria Flick (ex ministro di Giustizia). La possibilità di arrivare al voto c’è.
    Non Vi siete ancora stufati di parlare e di scrive a vuoto senza fare nulla di CONCRETO ?
    I Mondialisti stanno preparando una nuova versione dell’Ue, con regole e modalità più restrittive delle attuali. Intanto continuano ad arrivare altri invasori: il 26 Giugno ne sono arrivati 3324, per un totale di 10.000 in 4 giorni.
    Non è proprio il caso di “aspettare la borghesia” che non intende parlare, è assurdo perdere altro tempo con rimproveri e critiche TOTALMENTE STERILI !
    Nella tempesta dovrebbe emergere il livello dell’equipaggio. E chi dovrebbe essere il comandante ? QUESTO E’ IL DRAMMATICO PROBLEMA !

  6. Paolo says:

    Noi non siamo la Gran Bretagna!

Leave a Comment