/

Toc toc, c’è qualcosa nella testa? Il lombardo esiste solo per l’Unesco

di BRUNO DETASSISlombardia maroni

La codifica della lingua lombarda è già realtà, l’Unesco l’ha riconosciuta peraltro tra le lingue a rischio di estinzione. Per l’Unesco è una lingua da salvare e diffondere, ma non lo è per la Regione Lombardia nonostante i propositi su numerose priorità elettorali. Che attende la Regione Lombardia a supportare attraverso un percorso culturale e scolastico, la difesa del proprio idioma? Nonostante i vantaggi che potrebbero arrivare attraverso i finanziamenti dell’Unione europea, perché si è arenata una bozza di proposta di legge sulla questione? La risposta è banale. Non frega a nessuno, l’identità non è chiaramente dopo due anni di governo, una priorità della giunta. La lingua può attendere. Toc Toc… consiglieri regionali. Qualcuno ha voglia di riaprire quel cassetto e darsi una benedetta mossa per dire che i lombardi ancora esistono e non sono una categoria del passato?

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. Parlarghe ai fioi soeo in talian xe un REATO..!
    Vol dir voer un ZENOSIDIO CULTURAE. Se nol xe reato che kax xeo..?

    Deve tuti na mosa.

    Saeudi.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Napule è.... questo: rifiuti, bancarotta della società pubblica a Castellamare

Articolo successivo

Quelli che in Parlamento non fanno un beato.....