/

Il leghista felice? Un frustrato che digerisce tutto pur di vincere

lega no eurodi RICCARDO POZZI – I sondaggi continuano a reggere, la Lega è sempre  forte e sta ingoiando il resto della destra. Ai militanti storici, quelli che hanno attaccato locandine e montato gazebo per 25 anni, non sembra vero di vedere l’Alberto con la sua spada oltre il 30%.
Far loro notare che, in questa Lega, c’è ben poco dell’antico motore, che non si parla più di responsabilità territoriali, di residui fiscali, dei milioni di rivoli assistenziali e parassitari in cui si divide il fiume di denaro che permette a tre regioni di reggere quasi tutte le altre, serve a poco. Il leghista resta felice del salvinismo e dei suoi tre punti forti: l’immigrazione, l’Europa e l’immigrazione. Perché?
Occam direbbe che la risposta più semplice tende a essere quella giusta: la frustrazione.
Sì, perché il vecchio corso, oltre ai plateali errori di alleanza politica e qualcuno amministrativo, con i vecchi argomenti autonomisti non andò mai sopra l’11% con minimi al 4%.
Lasciando che la frustrazione da impotenza consumasse i militanti e gli elettori più affezionati. Perciò il leghista felice trova meno doloroso dimenticare le istanze originarie e accettare di diventare un partito di destra, accantonando completamente la questione settentrionale, diventando una specie di nuova DC, un po’ meno confessionale e un pò più muscolare. Questo permette a quel che resta di un vecchio movimento autonomista di  installarsi a Roma per i prossimi decenni. Si ma per fare cosa? La lega del 1200 era un insieme di comuni contro un tiranno. Questa Lega cos’è? Il nuovo elettore leghista non lo sa e non se lo chiede.
Il leghista felice ha dimenticato che non ha senso parlare di immigrazione irregolare quando due terzi delle abitazioni in Campania sono portatori di un abuso o completamente abusivi.

La sua felicità elettorale, per quanto comprensibile,  è priva di significato politico come lo è, ormai , il nome di un  partito che ha del tutto smarrito la natura della propria esistenza e il motivo della sua nascita, come il novantenne di quella vecchia storiella che corre dietro alle donne ma, purtroppo, non ricorda più il perché.

 

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. Non ci sono dubbi. Al senso di impotenza, aggiungerei anche la brama di stipendi pubblici (indennità di carica e ruoli di contorno: collaboratori, segretarie, portaborse, consulenti, consiglieri di amministrazione, collegi sindacali, revisori dei conti, etc. etc. etc.) legati agli innumerevoli posti lasciati liberi dai partiti in calo: nelle sedi della Lega ex Nord è tutto uno stappare bottiglie al grido: “Abbiamo più poltrone che culi, dunque venghino siori venghino, che un posto da 2.000 euro al mese non lo neghiamo a nessuno”.
    Il prezzo del biglietto è bassissimo e alla portata di tutti: basta dire Viva Salvini Premier, Viva l’italia dalle Alpi a Lampedusa, Viva la pizza, Abbasso i cattivi dell’Europa e Bossi (vedasi alla voce congresso di Parma con gli insulti al vecchio leader orchestrati).
    E’ ovvio che un simile partito – senza idee, progetti, sena un collante – non può che cadere malamente a terra in poco tempo, direi in pochi mesi.
    La Lega di Salvini è un partito meridionale a tutto tondo: pensiamo a noi e al limite teniamoci una bottiglia anche noi per celebrare lo schianto della meteora….

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Nasce l’Asenblèa Veneta, per avviare un nuovo percorso indipendentista con Lottieri, Bassani e Lovat

Articolo successivo

Federalismo o Federalismo, come dice Miglio