Il latte di capra è la soluzione ai problemi dell’euro!

cobas latteHanno scritto su Facebook…

di GIUSEPPE REGUZZONI – Piccolo sondaggio. Le trattative per entrare nell’euro furono condotte da Prodi, e sappiamo come sono finite. Quelle per uscire, OGGI sarebbero condotte da Gentiloni e Alfano (URCA!!!). Proviamo allora a lavorare di fantasia. Un litro di latte prima dell’euro costava 1500 lire circa. Oggi costa 1, 50 Euro, cioè ca 3000 lire. Secondo voi, se oggi si uscisse dall’euro, quanto costerebbe un litro di latte: A) 3000 nuove lire B) 1500 nuove lire C) 6000 nuove lire

Il latte di capra è sano, buono e può facilmente essere prodotto da ciascuno di noi. Una capra si può tenere sul balcone o in giardino, una mucca no. La capra è un po’ come il gatto, poco esigente e affettuosa. La capra rasa e concima il prato senza costi aggiuntivi né manutenzione. Soprattutto, però, la capra è la soluzione ai problemi dell’euro (creati da altre capre, costose e improduttive).

Print Friendly

Recent Posts

One Comment

  1. giancarlo says:

    Ben detto, ma dobbiamo constatare che siamo circondati da capre.
    Se poi andiamo a roma in certi palazzi di bel aspetto non solo sono pieni di capre ma all’esterno si sente pure la loro puzza.
    Capre o non capre entrare nell’euro con un cambio di 1 euro = 1936,37 lire è stata una pazzia e se all’epoca un DM. valeva 990 lire…… LA CAPRA che ha fatto questa operazioni mi sa dire perché noi abbiamo dovuto “smenarci” il doppio dei tedeschi ?????
    Quindi sappiamo benissimo perché l’euro è stato un massacro per la nostra economia.
    La verità è che poiché eravamo sull’orlo del DEFAULT l’euro avrebbe potuto tenerci a galla.
    Cosa che è avvenuta e che all’inizio per certe operazioni immobiliari o commerciali l’euro è risultato “salvifico ed interessante”. Oggi ci accorgiamo che quel cambio non ha risolto nulla ed oggi siamo messi peggio di quando siamo entrati nell’euro.
    Quindi se uno + uno fa due…….credo che l’europa e la BCE che con Draghi ci sta tenendo a galla, non ci salveranno se continueremo ad avere dei PIL ” fasulli per non dire irrisori” ed un debito pubblico costantemente in aumento.
    La povertà sarà sempre più ampia, i salari al ribasso, i giovani se ne andranno all’estero, pure i pensionati e qui resterà solo un deserto africano abitato da africani.
    WSM

Leave a Comment