Il killer tunisino di Berlino si era radicalizzato in Italia!

Anis Amri, l’unico sospetto della strage che lunedì sera ha provocato almeno 12 morti e decine di feriti, al volante di un tir lanciato sulla folla, a due passi dalla Chiesa del Ricordo, “si era forse radicalizzato nel carcere italiano dopo che aveva lasciato la Tunisia”, ha detto alla Bild Abdelkader Amri, uno dei suoi fratelli rintracciato in Tunisia. “Se sarà provato che era coinvolto, non farà più parte della nostra famiglia”, ha aggiunto. Anche l’Ap è riuscita a mettersi in contatto con un fratello di Anis Amri che gli ha lanciato un appello: “Lo invito a consegnarsi alla polizia”.

Speriamo di trovarlo presto – ha detto la cancelliera Angela Merkel parlando dalla sede della polizia federale criminale a Berlino. E’ noto da molto tempo alle forze dell’ordine, abbiamo ristretto il perimetro delle ricerche. Cerchiamo un terrorista estremista islamista”. “E’ il compito più importante che abbiamo, dobbiamo concentrare il lavoro sui modi efficaci per arrestare l’attentatore. “Stiamo andando avanti con solerzia perché sappiamo che tutti sperano di avere novità presto”, ha aggiunto.

L’attentato è stato rivendicato dall’Isis.

Anis Amri è stato 4 anni in carcere in Italia ed era considerato una persona molto violenta. Dopo aver scontato la pena ha ricevuto un provvedimento di espulsione dal nostro paese. Provvedimento che, però, non è andato a buon fine perché le autorità tunisine non hanno effettuato la procedura di riconoscimento nei tempi previsti dalla legge. Lo si apprende da fonti investigative secondo le quali l’uomo ha successivamente lasciato l’Italia per la Germania.

Secondo fonti di polizia, citate dalla stampa tedesca e britannica, Anis., i cui documenti sono stati ritrovati sul tir della morte, si è impadronito del camion dopo una colluttazione con l’autista polacco del mezzo, Lukasz Urban, 37 anni, morto da eroe tentando di neutralizzare invano il killer. Anis, secondo la Sueddeutsche Zeitung, era arrivato in Italia nel 2012 ed ha poi raggiunto la Germania nel 2015. E’ stato quindi “fermato dalla polizia ad agosto con un falso documento d’identità italiano a Friedrichshafen”, località sul lago di Costanza, al confine con la Svizzera. In quel momento risultava registrato in un centro per richiedenti asilo a Emmerich sul Reno, nell’area di Kleve, al confine con l’Olanda, ma poi il domicilio era stato cancellato dalle autorità. Il giovane, recentemente radicalizzato, avrebbe utilizzato “almeno 12 nomi falsi” tra cui anche “un nome egiziano”, secondo la tv N24.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

2 Comments

  1. luigi bandiera says:

    Cio’, ma semo o no semo… stupidi: BEH, INSTUPIDII SEMO SENSALTRO..!

    A nialtri i ne cava e raixe e a ori, invasori e nemisi, i ghe e fa e SOIDE… per questo i ghe mete anka el tapeo..!!! Viamente rosso. O nero… pa no ofendar i isisssst..?

    Son davero deuxo de sta kax de societa’ kusidita sivie e kulturada. (kulturada o akulturada? O sotokulturada aea taliana maniera..?) Anka parke’ gavemo tanti, anka massa, laureai in gnente e ke i ne kosta e ke pratende de far da “DOGI”.
    Mi digo: a cossa servi mo se ndemo senpre in pexo..?
    R: a farne spendar senpre de pi’ e in tenpo e in skei. (Skeo se ciamara’ ea divisa serenisima veneta a dita del plebisito.eu) (ocio ne’: mai doppie in lengoea veneta, salvo pochissimi casi).

    Ankamasa ideolojie ghe xe in giro… xe ea nostrana rovina ma poki lo kapise specie quei ke se dixe laureai.
    Va specifika’ ke la laurea non serve ea poidega, ansi, la kopa. Viamente lexendo i fati.

    Sani

    • luigi bandiera says:

      Kusi’ tanto par pacioear un fia’.
      Plebisito eu dixe de tor su come nome dea vaeuta veneta el SCHEO. Paroea (o paroeasa) talianixada.
      Se se voese ciamar ea paeanka in veneto vero se dixaria (par skrito o sgrafo) SKEO.
      Parche’ el CH xe tendente al latin e nialtri etno veneti no semo gnanka parenti seben i ne dixe fradei de i taliani. Kusi’, un skifo dopo l’altro…
      Mentre el K xe tipico dee nostrane tere. Come dal resto el TH omeso in tanti kasi.
      Ma semo stai konquistai e specie i inparai (laureai) tende a sgrafar come vol la Talia ndoe i ga leto e podopo forse studia’ serte monae eevandoe al rango de verita’ kulturai. Na stronsada dopo l’altra…
      Eo so, a xe dura da digerir…
      Va kapio ke la Talia ga soeo semena’ SOTOKULTURA.
      A parte ke a se ga fato soa ea kultura de kealtri kome quea de i FIORENTINI, de i VENESIANI e via diskorendo o paciolando, podopo a ga rinomina’ ste vere kulture in, ma no, in kulture taliane, mejo talibane.
      Kosa spetarse da sta xente..??
      OPRESION E BASTA.
      I XE FORESTI..!
      No i pol amarne..!
      Quindi i ne oprime par vivar sora de nialtri.
      I se ga inventa’ un frakax de karike per mantegnerse un vaxo de poder… prafeti, questori, giudici e via discorendo.
      Ke kax de laoro par tornar LIBARI..!
      Altro ke bae de muso…
      EA VERITA’ XE SENPRE SKONTA AL POPOEO E PAR MAN, BOKA e SKRITO dei noti… SCRIBA, FARISEI E DOTTORI.

      El GIUSTO la gavea su ko ori: parke’..?

      Non ho ricevuto ancora una risposta degna di essere tale su questo argomento.
      Arrikveranno in massa… e noi a pensare che forse sono una risorsa…

      Qua se dixe anka: MONE..!!

Leave a Comment