Il governo vuole abbattere il lupo?! Marchesini: zero cultura e rispetto

lupi

di ROBERTO MARCHESINI* – Le recenti dichiarazioni del Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, devono condurci a elaborare una riflessione sul ruolo centrale del lupo nella salvaguardia dell’ecosistema. Tantissimi studi dimostrano che la presenza del lupo è un fattore che determina l’equilibrio e il riequilibrio del territorio. Il Piano Lupo si presenta insensato dal punto di vista etnografico perché è impossibile attuare una caccia selettiva nei confronti del lupo analoga a quella di animali erbivori. Inoltre, compromette i miglioramenti che ci sono stati negli ultimi 46 anni rispetto alla tutela del lupo e quindi alla tutela dell’ambiente. Il lupo è, infatti, una specie di importanza fondamentale per tre serie di ragioni: la prima riguarda la solidità ambientale dell’Appennino, un ambiente che richiede una forte stabilità. Se quest’ultima viene meno, il territorio diviene molto più vulnerabile rispetto a frane, slavine e dissesti idrogeologici. Optare per una logica di equilibrio ecologico di ambienti particolari, come può essere l’ambiente appenninico già martoriato da disboscamenti, sommovimenti tellurici e quant’altro, sarebbe centrale.

In secondo luogo, il lupo contiene determinate specie: il suo abbattimento comporterà l’aumento di queste altre specie e si reputeranno necessarie altre misure di abbattimento. In questo modo, assecondiamo i dettati, gli interessi, di quella che è la lobby della caccia. L’affermazione, da parte di un Ministro dell’Ambiente, “se non facciamo questo(l’abbattimento), il bracconaggio diventerà lo strumento di tutela degli agricoltori”, è inaccettabile.

Dovremmo, inoltre, riflettere sui provvedimenti del Ministero dell’Ambiente. Pensiamo al modo disastroso in cui sono state gestite la questione degli orsi in Trentino, la difesa del territorio e la difesa del patrimonio eco-sistemico d’Italia. Un tempo, gli allevatori e i contadini, si difendevano dal lupo in maniera molto semplice, attraverso cani come quelli della razza maremmana abruzzese, che hanno la capacità di mantenere il lupo nell’ambito silvestre. Del resto, il lupo è un animale particolarmente schivo che non entra mai in rotta di collisione con gli ambienti popolati dall’essere umano, se non in maniera saltuaria, e se accadesse, basterebbe lavorare con il maremmano abruzzese. In conclusione, ritengo l’accaduto una dimostrazione di scarsa cultura ecologica, di scarso rispetto per l’ambiente e di zero rispetto per gli animali.lupo

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

6 Comments

  1. lombardi-cerri says:

    C’è di buono che nonostante le insulse chiacchere di questi pseudoambientalisti la vecchia e sana cultura montanara prevale : una buona doppietta caricata a pallettoni e il problema è risolto!

  2. Luigi says:

    vorrei capire come il luposcongiuri le frane e le slavine sugli appennini.Grazie per la risposta,

    • Stefania says:

      Perché è un regolatore dell’ecosistema. Conserva l’equilibrio della fauna selvatica, essendo in cima alla catena alimentare come predatore. Vada a vedere come il lupo abbia salvato il parco di Yellowstone e modificato persino il corso dei fiumi. Buona ricerca…
      https://youtu.be/36kHRpx97fs

  3. giancarlo says:

    Non sono un laureato in scienze naturalistiche, non sono uno scienziato, non sono un esperto di animali , non sono etc…etc..
    Eppure, non capisco questo accanimento verso i Lupi. Animali fieri, forti, resistenti e particolarmente schivi verso l’uomo che considera un sottosviluppato mentale.
    Qui da noi in Lessinia ( provincia di Verona, prealpi.) hanno reintrodotto il Lupo senza pensare che…..mangia anche lui. Infatti senza selvaggina o selvaggina scarsa, come in realtà è la Lessinia, i Lupi si sono moltiplicati e razziano le mucche, le pecore dei contadini.
    E’ vero esistono anche i cinghiali o le lepri, ma probabilmente queste specie se la devono vedere anche con i cacciatori , i tassi , le aquile , le poiane e qualche Orso o lince di passaggio.
    Insomma perché non si è pensato di immettere sul territorio della Lessinia selvaggina sufficiente al fine di evitare che i Lupi siano costretti ad aggredire animali domestici?
    Mistero !! Come sempre è l’uomo che anche quando vuole fare le cose giuste, commette errori madornali come questo che ho scritto.
    Se introduciamo gli Orsi…..hanno un abitat idoneo a sfamarli ?
    Se introduciamo i lupi……….idem ?
    Se introduciamo le linci….. i tassi , etc..etc.. hanno da mangiare ?
    Basta là come dicono i piemontesi, xè ora de essa intelligenti e no stupidi.
    WSM

    • Paolo says:

      Giancarlo, i lupi mangiano, ma sopratutto devono avere territori dove vivere. Non possono coabitare assieme alle persone in un lembo di terra. Immettere lupi e orsi in un territorio dove ci sono ad esempio100 cervi e magari anche case in pochi km. quadrati non è normale. Questi animali devono avere centinaia di km. incontaminati solo per loro, intendo foreste e non pietraie. E noi non abbiamo!

Leave a Comment