Il governo del nulla entro fine mese avrà finito le risorse

di FABRIZIO DAL COL

Gli uomini di governo? Invece di ordinarsi una comune strategia che sia strettamente necessaria a porre la parola fine allo Stato ladro italiano, ebbene questi presunti statisti, che stanno lì a difendere con le unghie le poltrone di governo, sono tutti  provvisoriamente impegnati in qualche cosa di più importante: commentare i risultati elettorali. E’ sufficiente pensare alle priorità, alle fantomatiche riforme e agli spostamenti delle tasse per capire  quale totale confusione regni tra i banchi del governo. Il migliore tra questi membri di governo? Sarebbe più che normale se il migliore fosse identificato proprio nel premier Letta, ma dato che durante la campagna elettorale il presidente del Consiglio, anche con il contributo del suo partito, per poter dimostrare che l’inversione della rotta in cui era finito il bel Paese era possibile, ha saputo millantare le ricette da libro dei sogni che oggi si scoprono però inapplicabili o fuori tempo massimo.

Dicevano agli italiani che avrebbero stravolto l’agenda Monti, e invece  gli unici ad essere stati stravolti si stanno rivelando proprio loro, dimostrando altresì incapacità a tutto campo e perfino di mettere in pratica l’unica vera soluzione possibile a disposizione, che è quella di dare corpo a tutte le ruberie di Stato, e con tali denari garantire almeno le risorse per la cassa integrazione. Dopo quattro mesi, sono ancora lì, continuano a discutere del nulla, e discutono del niente perché sanno che senza i tagli pesanti nelle pubbliche amministrazioni non sarà possibile incamerare alcun che. Intanto che discutono, l’apparato militare italiano  si garantisce 17 MLD di euro all’anno,  alla faccia di coloro che dovrebbero sbarcare il lunario, e che invece sono costretti a continuare a pagare tutti i balzelli possibili e impossibili per non rischiare di farsi tagliare gas e luce. Il finanziamento pubblico ai partiti? Già sepolto grazie all’intervento politico dei soliti noti che sanno dimostrare delle straordinarie capacità solo quando si tratta di metterlo in quel posto ai Cittadini. Dovevano stravolgere la spending review del governo dei tecnici e invece, nonostante siano già trascorsi quattro mesi dalle elezioni, tutto tace e nessuno ha uno straccio di idea, salvo ragliare inutilmente con slogan inadatti nei talk show televisivi.

Manca qualcosa? Mica ci si può dimenticare della trimestrale di cassa, ovvero di questa sconosciuta che un tempo veniva puntualmente resa pubblica per i primi di maggio, mentre ora appare definitivamente scomparsa perfino nei dibattiti televisivi. E già, ma come si fa a rendere pubblici dati che comprovano minori entrate dalle tasse e di conseguenza  un minor gettito fiscale rispetto all’anno precedente? Facile, si evita di rendere pubblica la trimestrale di cassa e così nessuno ne parla. Insomma, noi poveri Cittadini dobbiamo farla finita, altrimenti questi se ne inventeranno ancora di tutti i colori, e prima che sia troppo tardi, ovvero che alla fine di questo mese quando il governo non avrà più le risorse per andare avanti, riescano ancora a spolpare le ultime risorse disponibili della gente.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

4 Comments

  1. Dino Caliman says:

    Se si ha voglia di risolvere i problemi, potremmo e potrebbero iniziare da qui? https://secure.avaaz.org/it/petition/Eliminare_gli_abusi_di_potere_nelle_PMI/ L’ho postata in vari forum. A tutt’oggi non sono in grado di fare una relazione qualitativa di questa soluzione. Nessuno l’ha commentata! Valida, non valida, I S.I. non possono dialogare tra loro, troppo presto ecc. A chi fà paura? Continuiamo pure a scrivere di politichese in attesa di chissà che cosa.

  2. Roberto Porcù says:

    “Intanto che discutono, l’apparato militare italiano si garantisce 17 MLD di euro all’anno”
    Questa è una conseguenza logica, quando le Sacre Istituzioni sentono freddo ai piedi, ne guadagnano tutti coloro che sono armati al fine di ingraziarseli.
    Un qualcosa del genere avvenne quando si seppe del colpo di stato (burletta) di Borghese.

  3. Albert Nextein says:

    Giugno e Luglio, mesi di furto fiscale.
    Fallimento statale rinviato fino al momento in cui la gente non cesserà di versare tasse.

  4. Stefano Nobile says:

    ci siamo? Hanno negato il prelievo forzoso in banca, che quindi è bell’e pronto. E hanno finito i soldi.
    1+1=2

Leave a Comment