Il fumo, lo Stato e l’agonia imposta dall’erario del vizio

fumettoevasionedi ROSANNA MARANI – Ritengo che il sacrosanto divieto di fumo appena definito dallo Stato così premuroso nella tutela della nostra salute, nasconda un messaggio occulto. Si, credo che lo Stato voglia avere il privilegio di ucciderci, evitandoci il fastidio del suicidio. Già, produce le sigarette, le vende e ci guadagna. Permette le emissioni inquinanti degli allevamenti intensivi e delle auto, non bonifica i terreni inzuppati di percolato, sorvolando sul proliferare di orti rigogliosi di tossine, è complice dell’avvelenamento quotidiano con cui imbandiamo la nostra tavola e ci guadagna. Si allea con le lobbies industriali che sradicano alberi e onde per profitto petrolifero, lascia intatti i mostri dell’abusivismo, favorendo disastri, alluvioni, ammorbamenti e ci guadagna. Dunque, dimostra la sua sollecita cura nell’indirizzarci alla morte che più gli aggrada, ma dopo aver tratto il massimo guadagno dalle nostre malattie ed avere ottemperato ai suoi debiti di (dis)onore, restando in combutta con le case farmaceutiche. Ah, non ci permette di praticare l’eutanasia, poiché preferisce sogghignare sotto i baffi dell’Erario, mentre assiste alla nostra lenta agonia.

Print Friendly

Recent Posts

2 Comments

  1. marco preioni says:

    Lo Stato è una entità giuridica alla quale viene dato corpo dalle persone. Non ha senso prendersela con lo “Stato”. Bisogna prendersela semmai con le singole persone che di volta in volta male lo rappresentano; facendo nome e cognome, ogni volta, e docunentando la responsabilità.
    Altrimenti è miserabile qualunquismo, che svilisce l’ attendibilità di chi pronuncia generico disprezzo.
    Io me la prendo semmai con quelli che hanno proposto la nuova norma per il divieto di fumo in auto e con quelli che voteranno a favore. I loro nomi comparranno in calce agli atti normativi, dalle dichiarazioni di voto in Parlamento, dalla divulgazione elogiativa della legge promossa. Sono quelle persone, nomi e cognomi, che per me rapparesentano la cattiva impersonificazione, pro tempore, dello stato.

  2. Ric says:

    Lo stato non siamo più noi ma gli altri ; tutti quei soggetti che a qualsiasi titolo lucrano sulla salute , lavoro e vita altrui . Se non ora , una rivoluzione a quando ? L’invasione antropologica determina mutazione razziale e forma un pensiero debole senza personale dignità : capre puzzolenti e morenti . Basterà scappare in Svizzera ?

Leave a Comment