Il flop del Tfr in busta paga: solo 567 lavoratori stanno con Renzi

di CASSANDRATFR

Su un campione di 1 milione di lavoratori, la scelta di liquidare il TFR in busta paga e’ stata effettuata solo da 567, ossia lo 0,0567%. E’ questo il risultato dell’adesione dei lavoratori registrata a quasi due mesi di vigenza dell’articolo 1, commi da 26 a 35 della legge 23 dicembre 2014, n.190 (Legge di Stabilita’ 2015), secondo quanto rileva l’Osservatorio della Fondazione studi dei consulenti del lavoro. La norma e’ stata attuata dal DPCM 20 febbraio 2015 n.29 il quale e’ entrato in vigore il 3 aprile scorso. I lavoratori dunque, a partire da questa ultima data, hanno avuto la possibilita’ di presentare la loro istanza per liquidare il proprio TFR in busta paga fino a giugno 2018. Tuttavia per espressa previsione del DPCM la liquidazione in busta paga del dipendente che ha fatto richiesta e’ ammessa a partire dal *mese successivo a quello di presentazione dell’istanza: ossia a partire dal mese di maggio in corso. Proprio in questi giorni sono partite le elaborazioni degli stipendi del mese di maggio 2015 da parte dei Consulenti del Lavoro che interessano 7 milioni di dipendenti e oltre 1 milione di aziende. In questa prima fase sono stati analizzati i dati delle grandi aziende (che mediamente occupano piu’ di 500 dipendenti) e nei prossimi giorni l’analisi si spostera’ sulle micro imprese. Dopo questa prima fase di elaborazione di quasi 1 milione di stipendi il risultato sulla liquidazione in busta paga del TFR e’ il seguente: solo 567 lavoratori ossia lo 0,0567% dei lavoratori interessati ha scelto di liquidare il proprio TFR in busta paga.

Print Friendly

Articoli Collegati

2 Commenti

  1. Dan says:

    Ma anche supponendo che fossero stati molti di più a richiedere l’anticipo del TFR, le aziende avrebbero avuto i soldi per pagarli ? Perchè qui tra montagne di tasse da pagare, linee di credito sparite, crediti spesso inesigibili da parte di altre aziende in cattive acque o dallo stato stesso, quante possibilità ci sono che questo TFR non si sia già volatilizzato ? L’attuale sistema economico è basato su tanti numerini sparsi tra carta e computer secondo i quali i soldi non mancano poi nella pratica è probabile che i soldi veri semplicemente non ci sono più da tempo

  2. luigi bandiera says:

    Il palazzo poggia da sempre verso il basso.
    Cosa volete, non riesco a trattenermi nel ripeterlo.
    Non dico di andare molto indietro ma ai lavoratori (specie i produttivi e non i fittizi) hanno sempre CURATO I LORO INTERESSI.
    Scala mobile: MAGNATA;
    CASSA INPS: MAGNATA (hanno fatto parte con quella non a zero ma sotto zero dell’INPDAP);
    TFR: MAGNATO specie ai piu’ in sonno..!
    E continuano ad aver fiducia del loro CARNEFICE: che sono di Stockolma per caso..??
    E vai con la ripetizione.
    Lo stato komunista italia e’ in mano alla banda dei quattro, qualcuno non ci crede.
    Dai risultati elettorali si evince che c’e’ poca gente che ragiona in un certo modo… ma sono certo che sono molto condizionati.
    Viva l’italia una e indivisibile, dai mone che si fanno abbindolare.
    Salam

Lascia un Commento