Il Financial Times sconfessa Renzi: nessuna ripresa

case in venditadi Angelo Valentino –  Il mercato immobiliare italiano e’ una notevole anomalia nel panorama di buone notizie economiche su cui il Partito democratico al governo conta per conquistare voti alle elezioni parlamentari del 4 marzo prossimo: lo afferma il quotidiano britannico “The Financial Times” commentando i dati diffusi ieri mercoledi’ 10 gennaio. Un’ampia analisi pubblicata oggi dal giornale della City di Londra, firmata da Valentina Romei, mostra come anche nel quarto trimestre del 2017 i prezzi delle case in Italia abbiano continuato a scendere: e poiche’ oltre il 72 per cento degli italiani abita in case di proprieta’, cio’ contribuisce in larga misura allo scontento sulla situazione economica; in effetti, secondo l’Eurobarometro l’80 per cento degli italiani pensa che la loro situazione economica sia cattiva. La conseguenza politica e’ che il leader del Partito democratico Matteo Renzi ha un bel sgolarsi a sottolineare miglioramenti come la netta ripresa dell’economia, l’aumentato potere d’acquisto delle famiglie e la creazione di nuovi posti di lavoro: a causa dell’agonizzante mercato immobiliare, tra gli elettori stenta a materializzarsi il senso dell’ottimismo.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

3 Comments

  1. FIL DE FER says:

    Sono pensionato con un reddito appena superiore ai 30.000 euro lordi.
    Ebbene dal 2019 secondo i calcoli sopra citati avrò una decurtazione della pensione.
    Alla fine stanno intaccando le pensioni.
    Berlusconi parla di flat tax……sì ma per chi ?
    Salvini vuole azzerare la legge Fornero…..ma alla fine le tasse aumenteranno specie per le categorie più deboli….visti i scaglioni previsti…..una vergogna inaudita ma soprattutto le falsità che dicono tutti.
    La ripresa non ci sarà mai in queste condizioni e con queste politiche politicanti e non pragmaticamente salvifiche. La flat tax ok, ma al 23% c’è già tutta la massa di lavoratori e pensionati, quindi dove sta il beneficio per loro…….a dimenticavo che Berlusconi guadagna di più e quindi si abbassa le tasse.
    Auguri a tutti.
    WSM

  2. giancarlo says:

    IL SILENZIO STAMPA E TV E’ D’OBBLIGO:……siamo in campagna elettorale e le falsità e bugie sono tutte ammesse a fin di bene……solo per i politici caregari.
    WSM

  3. FIL DE FER says:

    Signori miei con l’aumento delle tasse previste da Renzi e Gentolini dove pensiamo che vadano i consumi interni ??????????????????????????????????????????????????????????????
    Riforma scaglioni IRPEF 2019 aliquota e soglia redditi:
    La riforma scaglioni IRPEF 2019, con effetto a partire dal 1° gennaio 2019, dovrebbe vertere sulla riduzione degli scaglioni da 5 a 3, corrispondenti alle seguenti e nuove aliquote IRPEF 2018:
    Esenzione IRPEF 2019: 0% per i Redditi fino a 8.000 euro, che tradotto significa nessuna tassa per i contribuenti che si trovano sotto questa soglia esenzione IREPF;
    1° scaglione IRPEF 2019: aliquota al 27,5% per i redditi fino a 15.0000 euro;
    2° scaglione IRPEF 2019: aliquota al 31,5% per i redditi fino a 28.000 euro;
    3° scaglione IRPEF 2019: aliquota al 42 o 43% per i redditi oltre i 28.000 euro.
    Per quanto riguarda le detrazioni, la riforma dovrebbe portarle a 1000 euro per i lavoratori dipendenti, ad 800 per i pensionati e infine a 200 euro per i lavoratori autonomi.
    In pratica la massa di italiani che lavorano e pagano sempre le tasse……le tasse aumentano altro che diminuiscono. Diminuiscono solo per pochi, pochissimi e sempre gli stessi………….
    WSM

Leave a Comment