Il Consiglio regionale del Lazio costa più di Obama

di REDAZIONE

Il Messaggero sta continuando la sua benemerita campagna contro gli sprechi alla Regione: sotto la sua lente è finito il Consiglio Regionale che costa ai contribuenti laziali 24 euro all’anno per ciascuno, quando in Emilia Romagna il costo è soltanto 10!  Qui il nuovo articolo di Mauro Evangelisti. Tutti, ma proprio tutti, i consiglieri regionali hanno detto che erano d’accordo. Quelli della minoranza, gli stessi che hanno governato fino a tre anni fa, hanno tuonato: si passi dalle parole ai fatti. Quelli della maggioranza, gli stessi che da tre anni hanno i numeri in Consiglio per fare i tagli, hanno tuonato: bene ha fatto la Polverini a chiedere di eliminare gli sprechi. Il balletto è cominciato dopo l’intervista di ieri della presidente della Regione, Renata Polverini, al Messaggero.

Intervista in cui ha spiegato: «Il Consiglio regionale costa 140 milioni di euro all’anno. Io ho eliminato gli sprechi in giunta, ora anche il Consiglio regionale faccia la propria parte, riduca consulenze e compensi vari. Oppure intervengo io».

Ma cosa raccontano i numeri del Consiglio regionale, quello che ha almeno il doppio di commissioni (e dunque di poltrone) rispetto a qualsiasi altra regione? Si può partire dal dato complessivo, elaborato dalla Regione: la macchina dell’assemblea elettiva del Lazio ha avuto un costo complessivo nel 2010 di 138.593.703 di euro, che nel 2011 sono diventati 141.395.795. Le simulazioni sul tavolo della Polverini danno un responso allarmante: ogni cittadino del Lazio spende 24 euro all’anno per mantenere il Consiglio regionale, l’Emilia-Romagna neppure 10, la Toscana 14,5. Polverini non è stata tenera neppure con il presidente del consiglio regionale, Mario Abbruzzese (che pure è espressione della sua maggioranza). I dati parlano chiaro: otto collaboratori per la Polverini e 115 mila euro di spese di rappresentanza, zero per le consulenze direttamente dipendenti dalla presidente; Abbruzzese invece ha uno staff di 18 collaboratori, un milione e mezzo di euro di spese di rappresentanza e 466 mila euro per le consulenze.

Pietro Alviti’s weblog

FONTE ORIGINALE: http://www.sora24.it

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

3 Comments

  1. Diego Tagliabue says:

    Non mi aspettavo altro, ma, per favore, lasciate fare ai parassiti i loro porco comodi. Altrimenti siete “razzisti”.

  2. renato brando says:

    in francese quando si vuol dire imbroglio si scrive ” imbroglio” in italiano per l’ appunto , . Non c’è che da esserne fieri. Si arriverà forse quando si vuol indicare il termine parassita a scrivere “parassita”. E che dire a proposito dell’ internazionale termine ” mafia” ?

  3. renato brando says:

    quanto costerà il consiglio regionale della campania e della sicilia e della val d’ aosta ?

Leave a Comment