Il capocomico Leoni e le coincidenze “segno del Cielo”

di TONTOLO

Nella puntata della scorsa settimana del cabaret che ogni venerdì alle 12,20 i “Cattolici padani” allestiscono su Radio Padania Libera (da non perdere!), il capocomico Giuseppe Leoni si è prodotto in una esilarante gag di tema storico: uno dei suoi cavalli di battaglia. Ha raccontato – volteggiando disinvolto fra un oltraggio al congiuntivo e uno sberleffo alla consecutio temporum – che alla manifestazione di Venezia uno dei suoi gli ha fatto notare la straordinaria coincidenza fra la data di Lepanto e la ricorrenza della festa della Madonna del Rosario. Colpito dalla sopraffina intuizione, il Leoni ha sottolineato ispirato come la cosa possa essere letta come un segno del Cielo, una gioiosa manifestazione della Provvidenza che utilizza anche le coincidenze sul calendario per perseguire i suoi fini. Poffarbacco! Qualcuno dei suoi brillanti parrocchiani potrebbe a questo punto fare ancora più felice il Leoni facendogli notare l’altrettanto straordinaria coincidenza fra la festa del 2 giugno e la ricorrenza del Referendum istituzionale oppure – giusto per fare un altro esempio più adatto all’audience – come la celebrazione del Natale coincida prodigiosamente con il simbolico compleanno del Bambin Gesù. Il calendario è pieno di questi prodigi. Eppure non serve essere paolotti per sapere che la Festa del Rosario è stata istituita proprio per ricordare la vittoria di Lepanto: al mio bar lo sanno tutti. Ma non il piissimo Leoni, che crede solo nelle coincidenze provvidenziali, come quella fra il fatto che lui sieda (invisibile) in Parlamento dal 1987 (e sia il ras dell’Aeroclub d’Italia) e la sua affettuosa amicizia con il Bossi e con la di lui signora.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

18 Comments

  1. Alberto Pento says:

    Maglio un leone crinito e affamato in casa che un Leoni leghista alla porta!

  2. Lucia says:

    Sign.Tontolo,che palle!!!!

    Se non vuole sentire il Leoni a Radio Padania può sempre ascoltare un’altra radio,Il suo sarcasmo su Leoni e sui cattolici è proprio “spirito da patata”.
    Capisco che lei mastica ogni giorno i libri di storia e al suo paese anche al bar sanno che la festa della Madonna del Rosario è stata istituita proprio dopo la vittoria di Lepanto,.Avrà sentito senz’altro il Leoni parlare,sbagliando,di coincidenza ma dovrebbe anche avere sentito nella stessa trasmissione parlare proprio della istituzione della festa e della usanza,da allora,di suonare a mezzogiorno le campane in tutte le chiese.
    Si dà il caso che anch’io abbia sentito la trasmissione altrimenti mi berrei le panzane che lei elargisce a piene mani.
    Per sua ulteriore informazione le faccio sapere che al mio paese la festa della madonna del rosario è anche una festa rionale,del centro della città ,e nella tradizione viene chiamata “la Vittoria” .Ed esattamente come per altre feste di santi,coneSan Giorgio,San Martino,La Madonna Addolorata o San Rocco anche la Vittoria veniva usata come riferimento temporale.In una canzone popolare si dice:”sto chi fin a la Vittoria”

    Al mio paese quando ascoltiamo qualcuno parlare non ci aspettiamo che sia preciso preciso e capiamo quello che vuole dire senza andare a pesare le parole.

    Mi stia bene

    • gianluca says:

      Non è costretta a leggermi
      Tontolo

    • Marco says:

      Sig.ra Lucia, dove sarebbe la “panzana”?
      Lei stessa, che ha seguito la trasmissione, conferma che il clamoroso errore di Leoni c’è stato!

      • Lucia says:

        La panzana consiste nel fare un pezzo basandosi su una imprecisione di linguaggio,probabilmente dovuto al fatto che Leoni non si basa su un testo scritto ma di solito improvvisa i suoi interventi.
        L'”errore clamoroso” lo vede solo lei.
        Infatti chi avesse seguita tutta la trasmissione avrebbe capito benissimo che Leoni parlava della coincidenza tra l’anniversario degli eventi di Lepanto,della vittoria delle forze cristiane da cui poi la terminologia di festa della Vittoria applicata alla festa della Madonna del Rosario ecc ecc ….e il fatto di essere a Venezia nella stessa data.

        Questa è la coincidenza che Leoni ha sottolineato.non quella di cui parla il nostro piccolo tontolo/gianluca che trova corretto e molto “indipendente”estrapolare una frase e farci un colorito pezzo senza curarsi che ciò che scrive sia vero
        Solo chi è in malafede può pensare che Leoni parlasse di un’altra coincidenza soprattutto durante una manifestazione politica.
        Solo a un piccolo tontolo si può perdonare la definizione di “brillante parrocchiano”appiccicata a chi ascolta una trasmissione di cattlici che hanno l’unico torto di chiamarsi padani.
        ,Ed ecco perchè il tutto è una panzana,caro Guanluca
        .Se preferisce si può chiamare il tutto “disonestà intellettuale”.La conosciamo bene perchè la vediamo applicata da anni a tutto quello che fa la Lega,Ma che ci sia anche qui….è una novità .
        O no?

        • gianluca says:

          C’entra poco o nulal la Lega qui. Semplicemente noi riteniamo che Leoni sia un personaggio squalificato e squalificante. E’ più contenta così?

        • Marco says:

          Sig.ra Lucia, lei nel precedente intervento ha scritto “Avrà sentito senz’altro il Leoni parlare,sbagliando, di coincidenza” facendo capire che stava confermando quanto riportato dall’articolo; ora cambia versione affermando che il Leoni si stesse riferendo solo alla coincidenza con la manifestazione leghista.

          Boh, per me ha le idee un po’ confuse…

          • Lucia says:

            E lei non ha sentito la trasmissione,

            Del resto lo stesso tontolo ha confermato che ritiene Leoni un personaggio squalificato e squalificante.Dunque l’obbiettivo era solo di denigrare Leoni,alla faccia della verità.

            Leoni disse che aveva parlato di questa coincidenza di date con qualcuno incontrato alla manifestazione di Venezia.E’ del tutto evidente di quale coincidenza si trattava.A Venezia non ci si va per sentire una lezione di storia.Basta andare al bar del paese di Tontolo…e comunque di queste vicende parlano i parroci nelle chiese,Leoni parla di politica.
            Mi stia bene anche lei

        • Crapa de legn says:

          Gentilissima signora (?) Lucia, Lei ha perfettamente ragione!
          La disonestà intellettuale dei giornalisti contro La lega è proverbiale: questi disgraziati si sono inventati la valigetta del Doney, la Fallibanca di Padania, il villaggio dei Puffi in Croazia, gli aiuti a San Milosevic, le flebo al governatore Bankit, le quote latte…in polvere, le quote delle indennità che ritornano, i lingotti di cioccolato, i diamanti di ghiaccio, le lauree del Club di Topolino, i fantasmi restauratori di ville, gli aiuti ai poveri Tanzaniani, il maialum, gli incarichi distribuiti al Circolo dei Castori, le famiglie ballerine….!

          Tanto, troppo fango buttato su una Lega adamantina che venera i suoi eroi immolatisi per la causa…

          Gentilissima signora (?), appurato che Lei si occupa delle locali tradizioni popolari, accolga con spirito costruttivo questo detto della mia terra:

          LUCIA, CIAPEL SOTT E METEL VIA !!!

          • Lucia says:

            Le confermo che mi può tranquillamente chiamare signora,senza mettere alcun punto interrogativo.,.L’età me lo consente.Fossi più giovane potrei concederle il dubbio.Sa.siamo fatti tutti di carne ed ossa.
            Ma una crapa de legn così volgarotta non avrebbe trovato alcun gradimento se non con adeguato compenso.
            Lei deve essere abituato a pagare sempre o a fare tutto in proprio.Vada a fare un giretto.Ci sono ancora in giro per le strade e magari le fanno uno sconto ,un tre per due o una raccolta punti per clientela fidelizzata.
            Vada a farsi….friggere.

            • Crapa de legn says:

              Cose c’entrino la prostituzione e la masturbazione con la Lega lo sa solo Lei, che se ne dimostra esperta ! !

              Stante la sua età avanzata, “ciapel sott” era un augurio !

              Usi bene la scopa, dalla parte giusta, mi raccomando !

  3. Paolo L Bernardini says:

    I semilavorati del sapere servono ai semilavorati della politica, e ai semilavorati delle loro produzioni (politiche). Requiescat in pace!

  4. Dan says:

    Il fatto che sto tizio succhi dalle nostre tasche da 25 e passa anni a quale santo del calendario è provvidenzialmente riferito ?

    San Barabba ? Alla Madonna dell’Arco (a Napoli protettrice dei ladri, dove se no…) ?

  5. Don Ferrante says:

    Da 25 anni Leoni ci rappresenta nel Parlamento romano !

    Da 10 anni guida l’Aero Club d’Italia !

    E’ riconosciuto come una delle menti più brillanti della Lega Nord ! Ipse dixit !

    Le sue interpretazioni della storia e delle tradizioni non devono farci sbellicare dalle risa !

    Dobbiamo invece essere preoccupati, perché
    molta brava gente, compreso qualche redattore e qualche commentatore de “l’Indipendenza”, crede ancora di poter affidare il nostro destino a statisti così !

    • gianluca says:

      Ci illumini sui suoi candidati statisti, così saranno tutti più tranquilli, anche i preunti redattori de L’Indipendenza che appoggiano Leoni…

      • Don Ferrante says:

        Il Pdl potrebbe puntare su Lupi, che ci sa fare, è ciellino e, per ora, sta allineato e coperto ! Moratti e Gelmini non hanno il fisico della Minetti né l’accavallata della Brambilla: quaresima !

        In Lega non vedo personaggi presentabili oltre al sindaco Fontana, ma è troppo targato e varesizzato: serve qualcuno che raccolga da Sondrio a Mantova….!
        Castelli, il povero simpaticone, prenderebbe una cartonata; Salvini è per uso interno, una “rusumada” per tener su i militanti !

        Direttore, “statisti così” significa “tali, siffatti, simili” ed è ovviamente riferito ad altri “geniali” uomini della Lega che spesso vedo portati in palmo di mano
        sulle vostre colonne, mi riferisco cioè a quei quaquaraquà che scodinzolavano attorno all’Umberto, al capo indiscusso, a quelli che gridavano “la Lega è Bossi e Bossi è la Lega” ed ora lo svillaneggiano !
        Non è dignitoso, soprattutto per chi come me, prima, e come Lei, dopo, ha abbandonato il Carroccio, prenderli in considerazione !
        Mi stia bene !

Leave a Comment