Il buonismo spietato che ci ha rovinato la vita

this_is_sparta_wallpaper_by_brendan531-d3bdh7adi SERGIO BIANCHINI – L’Italia è un paese dove ogni volta (o quasi) che avviene una cosa mostruosa si viene a sapere che il colpevole l’aveva già fatta anni prima magari più di una volta. Siamo in un paese dove non c’è l’automatismo spietato della regola, anzi. Forse l’automatismo da noi c’è solo per le  persone brave  e miti.  Formate per secoli alla dedizione ed al perdono,  e che in Italia sono tantissime al punto che pur con uno stato ed una magistratura totalmente allo sfascio il numero di omicidi è tra i più bassi del mondo. Un sistema come il nostro applicato ad altri popoli avrebbe conseguenze catastrofiche. Mille volte ne ho avuto conferma, anche parlando con stranieri civili, compresi marocchini e filippini, che osservano increduli il nostro stato di cose.

Penso che il 99,9 per cento della brava gente, anche mite, in Italia pensi che ci vorrebbe una giustizia rapida e la certezza del castigo e delle procedure, pur elastiche, a cui sottoporre chi delinque. Purtroppo questo resta un sogno ma non perchè i magistrati ed i media siano misericordiosi ma perchè sono spietati verso i normali paolotti che senza alcuna  aggressività si sottomettono mugugnando o pregando ad uno stato che sentono sempre più estraneo.
Quindi la caratteristica italiana, dello stato italiano, non è un buonismo ingenuo, bensì un buonismo spietato ed incurante delle pur minime aspirazioni ad un buon governo delle situazioni, non solo quelle relative all’ordine pubblico ma anche quelle relative al funzionamento minimo di ogni funzione  e servizio statale.

 

Print Friendly

Recent Posts

One Comment

  1. Giancarlo says:

    Parole sante !!!!
    E’ proprio così !!!
    WSM

Leave a Comment