Il “Buon Ano” di Monti: minipatrimoniale su conti e risparmi

di GIANLUCA MARCHI

Un anno che sta finendo all’insegna delle tasse e della spremitura dei cittadini italiani, che testimone può passare al 2013 che arriva? Ovviamente nello stesso segno. Babbo Natale Mario Monti ci lascia sotto l’albero in sostanza una mini patrimoniale sui risparmi. Altro bottiglie fatte stappare:  il 31 dicembre la mitica Agenzia delel Entrate dell’altrettanto mitico Attilio Befera passerà infatti al setaccio tutte le giacenze, conti correnti bancari e postali, libretti, polizze vita, applicando la nuova imposta di bollo sugli investimenti. Una sorta di baratto dell’1 per mille, destinato a rincarare alla fine del 2013, quando il prelievo diventerà dell’1,5 per mille senza limiti. In media per ogni milione posseduto dai titolari lo Stato porterà a casa 1.500 euro.

A farne le spese saranno i risparmiatori medi, famiglie con due redditi fissi e alcune decine di migliaia di euro messi da parte in banca, tra conti correnti e depositi in titoli e obbligazioni. Come ha spiegato nel dettaglio il quotidiano la Repubblica, per un patrimonio finanziario di circa 80 mila euro, per esempio, il prelievo si aggirerà sui 100 euro alla fine del 2012 e sui 140 euro alla fine del 2013. Chi, al contrario, ha in banca un risparmi consistenti per 500 mila euro verserà circa 500 euro nel 2012 e 740 euro nel 2013. Saranno invece risparmiati dalla tassazione i conti correnti base, aperti per legge a chi ha un reddito fino a 7.500 euro annui, e a quelli con meno di 5 mila euro, circa la metà dei circa 23 milioni di conti bancari o postali, mentre su tutti gli altri conti correnti sarà applicato un prelievo minimo, che passerà, già alla fine del 2012, dai 22,8 ai 34,2 euro. Tutti gli altri investimenti finanziari subiranno la tassazione senza sconti: dal 1 gennaio 2013, per esempio, l’imposta di bollo sui titoli sale allo 0,15%, arrivando all’1,5 per mille, senza più il tetto a 4.500 euro, che resta solo per le società giuridiche.

Questo tanto per farci l’ennesimo regalino di fine anno. Ma anche la legge di stabilità appena varata contiene le sue belle chicche, alcune delle quali nel segno della presa per i fondelli. Per esempio sono previsti alcuni minimi sgravi per le famiglie con i figli a carico, roba da poche decine di euro, intendiamoci. Ma non sia mai che i magri bilanci della gran parte dei cittadini possona godere anche solo della notizia di qualche beneficio: no, assolutissimamente no. E così la legge prevede un aggravio delle addizionali per i Comuni e per le Regioni (soprattutto quelle che hanno un deficit sanitario, cioè quasi tutte): siccome lo Stato continua a tagliare i loro trasferimenti, gli enti territoriali non avranno altra chanche che applicare queste addizionali e allora spariranno, come un millimetro di neve al sole, i benefici degli sgravi.

Questo il lascito, tra tutti gli altri, del Tassator Cortese, alias Mario Monti. Però i gonzi continuano a riempirsi la bocca della recuperata credibilità internazionale che ci ha regalato il professore bocconiano. Certo, lo “psiconano” ci aveva sputtanati più di quanto già facciamo da soli con i nostri comportamenti da “pecoroni”: ma non è con la “credibilità” che si mangia e e che si ribalta uno Stato ladro la cui sopravvivenza è consentita solo dall’asservimento di noi cittadini. BUON ANO A TUTTI, si proprio con una “n” sola, per la nostra imperitura volontà di prenderlo in quel posto…

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

10 Comments

  1. Daniele says:

    E’ incredibile come gli Italiani sappiano farsi del male:pur di non vedere Berlusconi sono pronti a tenersi Monti.Lui sarebbe felice di poter continuare a sodomizzarci continuando a ritenersi un grande statista.Il grande statista lavora per fare grande il proprio paese,non per distruggerlo guidato dalla Germania e dalla finanza internazionale.Tutti gli tirano la giacca per averlo alleato:roba da matti!!! Stando così le cose,nessun partito tradizionale avrà il mio voto:è ora di rompere il meccanismo perverso!

  2. Veritas says:

    Non lo chiamerei Tassator Cortese. L’aggettivo “cortese” non se lo merita affatto. Io l’ho sempre visto come iun funzionario di pompe funebri, sia pure di un certo livello. Stasera ho sentito dalla tv che Maroni aveva parlato di “Monti e la sua Agenda di pompe funebri:::: Dunque qualcuno la pensa come me!!!

    Quello vuole essere eletto senza fare campagna elettorale, vi rendete conto? Infatti non sarebbe in grado di farla, lui puo’ parlare alle banche o agli alti papaveri ma non potrebbe mai affrontare il popolo e questo lui lo sa.

    Quanto al furto prossimo venturo sarà ora che qualcuno si svegli per fare un a Class action perchè credo proprio che in questocaso la costituzione “piu’ bella del mondo” sia praticamente ignorata.
    E che vergogna farla “celebrare” da un comico!!!

  3. lory says:

    qui tutti se la prendono con Monti, anche con la Fornero molta gente è arrabbiata ” compreso io ,” ma guardate che tutte queste manovre da rapina sono state avvallate in toto senza se e senza ma in primis da Fassina, Damiano, Bersani, Cicchito, Cazzola,Casini ,Fini ecc. ecc. quindi la colpa di tutte queste tasse sono da addebitare a questa classe di farabutti politicanti senza scrupoli ,gente da patibolo !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  4. Carlo says:

    Sono proprio dei pezzi di MERDA…..per cortesia non mi abbreviate la parola merda perche proprio di questa si tratta…..

  5. morte tua vita mia says:

    pago 10.000 euro per uccidere Monti, sono gli ultimi risparmi di una vita. In questo Stato del non diritto mi rimane il “dovere” di far fuori un DELINQUENTE.

  6. Antonio Turci says:

    Stato ladro? Certo ma lo Stato non é una persona fisica quindi di per sé non puó rubare. Allora sono le persone fisiche che lo fanno a mezzo dello schermo statale. I furti? Siamo abituati al denaro, certo, ma ve ne sono ben altri e complessi (deresponsabilizzazione, fiancazzismo istituzionale, raccomandazioni, stipendi senza lavoro, ecc ecc)

  7. paolo says:

    ma quale credibilità internazionale. basta guardare l’affaire marò!!!

    • gigi ragagnin says:

      non parlatemi dei marò (i cosiddetti lagurari, di quale laguna poi). si tratta di truppe di occupazione, in missione all’estero, rimpatriati per licenza natalizia.

  8. Lucky says:

    e allora……..evviva San Marco!

    Sereno Natale a tutti.

Leave a Comment