Il baby pensionato compagno Vendola. E lui replica: barbarie contro di me

di REDAZIONEnichi_vendola_

“Dopo anni di lotte a favore dei lavoratori passati tra i banchi di Montecitorio e la buvette della Camera, dopo migliaia di chilometri macinati nelle auto blu finalmente il compagno Vendola è giunto alla pensione. Toh, il compagno Niki! Ho saputo quanto prende di pensione e gli ho mandato questo messaggio: http://bit.ly/1GnHvZtCondividete questa vergogna. Alla veneranda età di 57 anni e dopo ben dieci anni di contributi versati come governatore della Puglia Baby Vendola si trova ora a dover vivere con soli 5.618 euro lordi al mese”. Lo scrive il blog di Beppe Grillo che lancia l’hastag #babyVendola ripreso da molti parlamentari M5S.

“Avrebbe dovuto averli tra tre anni, ma fortunatamente grazie a una legge regionale gli è stato possibile cominciare ad incassare subito – prosegue il blog del leader M5S – Con una pensione da fame come questa arrivare a fine mese sarebbe difficile per Baby Vendola, se non avesse anche un assegno di fine mandato di 198.000 euro dopo dieci anni come governatore della Puglia. I lavoratori che hanno votato Baby Vendola per anni gli augurano la migliore vita possibile, in attesa della loro pensione minima a 66 anni o con 42 anni di contributi”.

LA REPLICA DI NICHI VENDOLA – “Se fossi ricco come Beppe Grillo – replica il leader di Sel – volentieri rinuncerei al vitalizio. Sono stato eletto deputato in cinque legislature e presidente di regione per due legislature e tutti sanno che non mi sono arricchito e che non ho rubato. Sono orgoglioso del fatto – aggiunge – che la mia sia l’unica regione non coinvolta in rimborsopoli. Vendola parla di “ennesimo linciaggio per “denigrare le persone”: ma “l’unica cosa a cui non mi rassegno è la barbarie”.”Il mio partito – ha proseguito Vendola – si è battuto sempre e in ogni sede contro tutti i privilegi. La Puglia ha abolito i vitalizi a partire dal 2013. Ricordo a tutti, però, che il trattamento economico degli eletti nelle istituzioni, ciò che oggi appare appunto come privilegio, è stato concepito come una barriera alla corruzione degli stessi: ora vedo che il mio vitalizio fa più scandalo delle tangenti a Galan! E osservo con tristezza il fatto che ai comici miliardari – insiste Vendola – continua a dare scandalo pure il mio orecchino. Credo che si capisca quanto questa effervescente polemica contro di me sia null’altro che l’ennesimo linciaggio di chi pensa che la lotta politica non sia combattere le idee, ma denigrare le persone. Faccio politica ormai da oltre quarant’anni e devo dire che l’unica cosa a cui non mi rassegno – conclude Vendola – é la barbarie”.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

2 Comments

  1. Giancarlo says:

    Sono tutti degli ipocriti impuniti.
    Anche agli italiani piacerebbe farsi lo stipendio da sé e concedersi dei privilegi senza chiedere a nessuno.
    O no ?
    Dunque almeno tacciano questi ipocriti che vivono alle spalle degli italiani, perché all’età che ha VENDOLA è vergognoso e basta che possa godere di una baby pensione.
    Dove sono i suoi 40 di contributi ?? dove sono i suoi 67 anni d’età ??
    Tirano fuori frasi e parole come barbarie…….quando si tratta di lor signori, ma quando si tratta di noi
    cittadini ( sudditi per loro ) allora niente diritti, niente favoritismi, ma solo tasse e se potessero ti toglierebbero anche la pensione faticosamente conquistata con tanti anni di lavoro onesto…..
    Silenzio prego ha parlato nessuno !!
    WSM

  2. Franco says:

    Questo egregio signore, come tutti i lavoratori andati in pensione non dovrebbe più occuparsi del suo “lavoro”. Dopo 40 anni di teorie politiche incula grilli, finirebbe di rompere le balle con teorie astruse senza senso e fuori tempo. A casa a far la calza e a contar i fagioli nel barattolo come con la Carra’! Una super vergogna.

Leave a Comment