Il 2013 si apre con tre nuove tasse. E ti pareva!

di REDAZIONE

Tre nuove tasse al debutto, e in cambio maggiori sconti per i figli e la promessa che gli importi della lotta all’evasione saranno utilizzati per abbattere le imposte a famiglie e imprese. Se il 2012 e’ stato l’anno dell’Imu, il 2013 vedra’ l’arrivo di tre ”nuove” imposte. E per i contribuenti non si preannuncera’ certo come un anno da prendere alla leggera. La pressione fiscale, in base alle ultime previsioni
del governo, salira’ dal 44,7% dell’anno appena concluso al livello record del 45,3%.
Le nuove tasse guardano soprattutto alla casa e agli investimenti finanziari. Scatta da subito l’Ivie, l’imposta che si paga sugli immobili all’estero, mentre bisognera’ attendere marzo per la Tobin Tax sulle transazioni finanziarie. Ma a caratterizzare l’anno sara’ soprattutto la Tares, la nuova tariffa sui rifiuti che si preannuncia come un balzello di rilievo: si paghera’ sulla grandezza degli immobili, mandera’
in pensione la vecchia Tarsu e assorbira’ la Tassa di Igiene Ambientale.
Oltre le note dolenti, bisogna tenere presente che fino a giugno sara’ possibile usufruire di maggiori sconti sui lavori di ristrutturazione (dopo la detrazione scende dal 50 al 36%) e scattano i nuovi sconti per i figli a carico. C’e’ poi l’aspettativa di un calo delle tasse su famiglie e imprese: il fondo per il calo delle tasse arriva dal 2013 e sara’ rimpinguato con la lotta all’evasione che vedra’ in campo il
nuovo redditometro.
Ecco tutte le novità:
  – ADDIZIONALI IRPEF: Le regioni potranno applicare la maggiorazione dell’addizionale comunale anche ai redditi bassi (prima congelata per il 2013). Slitta inoltre al 2014 il quoziente familiare per l’aliquota Irpef regionale.
– AUTO AZIENDALE: La deducibilita’ per le auto aziendali scendono dal 27,5 al 20%. Non cambia comunque il beneficio per le auto in uso promiscuo (al 70%) e per quelle esclusivamente strumentali (al 100%).
– AFFITTI, MENO SCONTI PER PROPRIETARI: Si riduce dal 15 al 5% la deduzione forfettaria sui redditi delle locazioni ai fini Irpef. La norma non riguarda chi affitta con la cedolare secca.

– BONUS IRAP: L’aumento dello sconto riconosciuto alle societa’ per ciascun dipendente e quello previsto per i ”piccoli” salta al 2014.
– BOLLO SU CONTO CORRENTE: Non pagheranno i cittadini con depositi sotto i 7.500 euro, per gli altri l’imposta e’ di 34,2 euro per le persone fisiche e di 100 euro per le societa’. Si paghera’ anche sulle comunicazioni ei prodotti finanziari: l’imposta sara’ nel 2012 dell’1 per mille.
– COOP SOCIALI: Rinviato al 2014 l’aumento dal 4 al 10% dell’Iva su alcune prestazioni assistenziali svolte dalle cooperative sociali.
– DETRAZIONI FIGLI: Lo sconto ‘nominale’ sale fino a 950 euro per i figli sopra i 3 anni e di 1.220 per gli under-3. Salgono a 400 euro le detrazioni per i figli disabili. Inoltre per i contribuenti con piu’ di 3 figli a carico la detrazione e’ aumenta di 200 euro per ciascun figlio a partire dal primo.
– DONAZIONI E RELIGIONI: Sara’ possibile destinare l’8 per mille dell’Irpef ma dedurre dal reddito deduzioni fino a 1.032,91 euro anche per la Chiesa apostolica in Italia e per la Sacra Arcidiocesi ortodossa d’Italia ed Esarcato per l’Europa Meridionale.
– DONAZIONI E ONLUS: Quelle effettuate a favore di Onlus e iniziative umanitarie realizzate da enti individuati da un apposito decreto sono detraibili al 24% (contro il 19% precedente)
– ESTERO, IMMOBILI: Scatta la nuova Imposta sul valore degli immobili all’estero. Va pagata dai residenti in Italia con proprieta’ all’estero. L’aliquota e’ dello 0,76% del valore dell’immobile.
– FATTURA: Arriva la fattura telematica, con una piena equiparazione a quella cartacea e un adeguamento alle nuove regole Iva previste da una direttiva comunitaria del 2010. L’effetto sara’ quello di aumentare le operazioni che dovranno essere registrate.
– FONDO CALO TASSE: Mini dietrofront sul fondo per il taglio delle tasse, che arriva pero’ dal 2013. Non sara’ alimentato dai risparmi di spese per interessi sui titoli pubblici, dei quali lo Spread rappresenta un indicatore. E’ inoltre stabilito che le somme per ridurre la pressione fiscale debbano essere ‘effettivamente incassate’: questo ovviamente richiedera’ tempi piu’ lunghi. Al fondo calo-tasse non affluiranno i recuperi di contributi previdenziali, che invece vendono utilizzati a fini pensionistici.
– GUERRA, PENSIONI: Non ci sara’ la tassazione delle pensioni di guerra e di quelle di reversibilita’, inizialmente prevista dalla Legge di Stabilita’.
– HANDICAP: Salgono di 400 euro le detrazioni per i figli disabili, che diventano cosi’ di 1.620 euro per quelli sotto i tre anni e di 1.350 per quelli sopra questa soglia d’eta’.
– IMU: E’ fissata al 4 febbraio la scadenza per la dichiarazione Imu sugli immobili che godono di agevolazioni e che hanno registrato variazioni di imponibile (per acquisto). Da quest’anno l’imposta va tutta ai comuni, tranne quella sugli ‘opifici’ e altri immobili industriali.
– IVA: Le novita’ scattano dal primo luglio. Resta invariata l’aliquota intermedia dell’Iva (10%), mentre quella del 21% sale al 22%. Ma non e’ detta l’ultima parola e l’obiettivo di togliere questo aggravio spettera’ al nuovo governo.

LOTTA EVASIONE, REDDITOMETRO: Debuttera’ a fine gennaio il nuovo redditometro. Consentira’ di risalire al reddito del contribuente usando 100 diversi indicatori: dai quadri alla retta dell’asilo, dalle spese per la colf all’iscrizione al circolo sportivo, dalle giocate on line ai bot.
– NUOVE ATTIVITA’, START UP: La legge per lo Sviluppo prevede una detrazione per il 2013, 2014 e 2015 e’ pari al 19% della somma investita (25% per quelle in ambito energetico). L’importo massimo detraibile non puo’ superare i 500 euro e deve essere mantenuto per almeno due anni, pena la decadenza del beneficio.
  – OTTANTENNI: Scompare per i contribuenti di eta’ non inferiore a 75 e 80 anni la possibilita’ di ripartire la detrazione sulle  ristrutturazioni rispettivamente in 5 e 3 quote annuali. Tutti devono ripartire l’importo in 10 rate.
– PRODUTTIVITA’: Per detassare il salario legato alla maggior produttivita’ delle aziende arrivano in tutto 2,1 miliardi tra 2013-2015. Spetta ora al governo e alle parti utilizzare il fondo per attuare una tassazione ridotta.
  – RISTRUTTURAZIONI CASA,  SALE SCONTO: La detrazione per le spese di ristrutturazione passa dal 36% al 50%, ma solo fino al 30 giugno. Anche il limite massimo di spesa sul quale calcolare la detrazione sale da 48.000 euro ad un massimo di 96.000 euro
per unita’ immobiliare. Anche per gli interventi sul risparmio energetico il bonus fiscale del 55% termina il 30 giugno, poi si scende al 36%.
   – RC AUTO, ARRIVA FRANCHIGIA: Il contributo del premio assicurativo di responsabilita’ civile per i veicoli al Servizio Sanitario Nazionale puo’ essere portato in detrazione soltanto per la parte che eccede i 40 euro, una franchigia che tagliera’ fuori dallo sconto molti automobilisti.
   – SCALDACQUA: Anche lo scaldacqua sara’ ammesso alla detrazione d’imposta del 55% per gli interventi di risparmio energetico. Lo sconto varra’ pero’ se si sostituisce il vecchio scaldabagno con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria.
   – TARES: Debutta da gennaio la nuova tassa sui rifiuti. Mandata in pensione la Tarsu, arriva la nuova Tares che assorbira’ anche la Tassa di Igiene Ambientale e servira’ a pagare anche altri servizi comunali. Il primo pagamento e’ stato fatto slittare ad aprile ma poi dovra’ essere versata in base alla grandezza dell’immobile e la paghera’ non il proprietario ma il residente.
   – TOBIN TAX: Arriva la nuova tassa sulle transazioni finanziarie. Si paghera’ a partire dal primo marzo sui trasferimenti di azioni e titoli partecipativi e nel 2013 sara’ pari allo 0,22% (allo 0,12% se lo scambio avviene sui mercati regolamentati. Il prelievo scendera’ poi allo 0,2 e 0,1% dal 2014. Sono previste norme particolari per i derivati e per le negoziazioni ”ad alta frequenza”.
– VECCHIE CARTELLE ‘ROTTAMATE’: Le vecchie cartelle, con ruoli resi esecutivi fino al 31 dicembre 1999, se hanno un importo non superiore a 2.000 euro sono annullate.
   – ZERO SCONTO IRPEF: E’ saltata la previsione di riduzione delle aliquote Irpef, inizialmente prevista dal governo nella legge di stabilita’.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

13 Comments

  1. Shoff says:

    la mia pena è che questa gente pensa che sa di economia. Se fosse così …è cattiva gente che lavora a nome dell’Italia ma per conto di qualcun’altro.

  2. Timoteo Bosso says:

    ma questo gruppo di scapestrati pippano, non si rendono conto che stanno facendo fallire tutte le attivita’, e stanno facendo scappare gli imprenditori verso l’ estero, al governo c’ e’ un gruppo dei delinquenti.

  3. Timoteo Bosso says:

    Mi sembra evidente che siamo all’ indecenza, continue nuove tasse e nuovi sistemi che calcolano la redditivita’ presunta alla carlona senza nessuna razionalita’.
    ma quali nuove tasse vogliono mettere questi ladroni degni della banda bassotti.
    DEVONO SMETTERE DI SPERPERARE SOLDI DELLE TASSE IN SCEMENZE ALTRO CHE NUOVE TASSE.
    PRESENTINO UN PROGRAMMA IN CUI ELIMINANO GLI SPRECHI E GLI SPERPERI O SI TOLGANO DALLE PALLE PERCHE’ LA GENTE NE HA PIENE LE SCATOLE, le tasse sono gia’ il doppio di quello che servirebbe eliminando gli sprechi e gli sperperi.
    Il prof. è un emerito somaro da mandare a governare l’ isola del giglio. Auguri di buon anno nuovo.

  4. lombard says:

    Solite cagate di manovre itagliane dove tolgono da una parte per raddoppiare dall’altra con bizantinismi degni solo di un paese del terzo mondo come questa repubblica mafio-romana

  5. Albert Nextein says:

    E’ un’ecatombe.
    Non esistono possibilità che l’economia riparta.
    Può solo ulteriormente decelerare.
    Si tratta di una raschiatura accompagnata da una serie di trappole.
    Una persona dotata di una normale intelligenza, sana di mente non fa impresa in italia.
    Può solo chiudere bottega.

    Mettiamola così, il 2013 sarà un anno di forte deindustrializzazione.

  6. Roberto Marcante says:

    Facciamo saltare in aria il parlamento e palazzo Chigi?

    • Dan says:

      Non capisco perchè rovinare le opere d’arte che ci stanno là dentro: aspettarli semplicemente fuori ? Andarli a stanare quando hanno la faccia da culo di mostrarsi in pubblico è troppo difficile ?

  7. lancillotto says:

    Criminali assoluti e ormai dichiarati.

    L’imposta sugli immobili all’estero è un PIZZO MAFIOSO allo stato puro.

    Spero che stavolta gli scoppi il petardo in mano, una volta per tutte.

  8. Roberto Marcante says:

    Facciamo saltare in aria il parlamento e palazzo Chigi ?

  9. Dan says:

    ” NUOVE ATTIVITA’, START UP: La legge per lo Sviluppo prevede una detrazione per il 2013, 2014 e 2015 e’ pari al 19% della somma investita (25% per quelle in ambito energetico). L’importo massimo detraibile non puo’ superare i 500 euro e deve essere mantenuto per almeno due anni, pena la decadenza del beneficio.”

    In pratica di quali start up stiamo parlando ? Del circo delle pulci ? Del punkabestia con il violino ?

Leave a Comment