“Identità e Ius Soli”: se ne parla a Milano dopo la tragedia di Lampedusa

di REDAZIONE

“IDENTITA’ vs IUS SOLI, i Movimenti identitari europei e lo ius soli” è il titolo di un convegno che si tiene sabato a Milano a caura della Fondazione Federalista per l’Europa dei Popoli, presieduta dall’eurodeputato della Lega Nord Mario Borghezio.

L’argomento diventa di straordinaria attualità dopo la tragedia che ha visto morire decine e decine di immigrati africani al largo di Lampedusa. L’accaduto sta dando fiato soprattutto a coloro che vorrebbero cancellare la legge Bossi-Fini e comunque qualsiasi limitazione all’arrivo in Italia di quelli che adesso si usa chiamare “migranti”. Diversa, invece, la posizione della Lega espressa anche, ma non solo, dallo stesso Borghezio: “La tragedia umana che si è consumata nelle acque di Lampedusa pesa come un macigno sulla responsabilità morale anzitutto della Commissione europea, perché fino ad oggi non ha mai dato risposte concrete alle nostre richieste di accordi per impedire la partenza delle carrette della morte. Subito dopo, però, viene la responsabilità dei demagoghi di Stato – dalla Boldrini alla Kyenge – che continuano in maniera irresponsabile a diffondere dalle loro cadreghe istituzionali messaggi che non possono non essere recepiti dai disperati di tutto il mondo se non come un appello del tipo ‘venite qui che vi accogliamo tutti a braccia aperte'”.                                                                                  

L’appuntamento è per le ore 14.30 all’Hotel dei Cavalieri di piazza Missori 1 a Milano. La prima parte del convegno sarà riservata alle relazioni di numerosi ospiti internazionali. A partire dalle ore 18 si aprirà un dibattito sul tema “DAL PERICOLO IUS SOLI ALLA SVOLTA DI PUTIN”, moderato dai giornalisti Gianluca Savoini e Max Ferrari.

Il programma dettagliato del convegno cliccando qui a fianco: CONVEGNO IUS SOLI

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

45 Comments

  1. L'incensurato says:

    Anche questo convegno meritava di venire registrato e riproposto qui..

  2. Silvia says:

    Rettifico: la sig. Boldrini ha lavorato(?) per l’UNHCR.

  3. Silvia says:

    Io mi chiedo perché queste immigrazioni di massa dal continente africano si stia verificando dagli ultimi 15/16 anni. Potrebbe essere che le grandi compagnie petrolifere e minerarie abbiano tutto l’interesse a scacciare questi poveri disgraziati e chi non se ne va viene massacrato dai miliziani al servizio di questi criminali? Oltre al tam tam mediatico di certi buonisti che mette a repentaglio le vite di questi disgraziati. Che poi qui arrivino anche criminali, non importa ai buonisti, in primis l’ UNCRC che non ha mai denunciato i massacri e lo sfruttamento di questa gente, vero sig. Boldrini?

  4. Veritas says:

    P.S. : Non si vuol proprio capire che questi popoli vanno aiutati a casa loro.

  5. Veritas says:

    Ho ascoltato un’intervista al politologo Edward Luttwack su radio 24 ed è stato categorico:se si vogliono evitare tutte quelle tragiche morti di stranieri nel Mediterraneo bisogna evitarne la partenza.
    I conduttori erano assai silenziosi e si limitavano ad ascoltarlo: ma questo principio è stato proprio quello seguito da Maroni quand’era ministro dell’interno.

    A me sembra che la cosa giusta sarebbe aiutare questa gente a casa loro : ma i politici italiani ed europei non si rendono conto che la densità dei nostri paesi è al massimo e, soprattutto, che manca il lavoro per i residenti?

    E il Papa Francesco, gridando “Vergogna”, con chi ce l’ha? Nel mio piccolo ho sempre pensato che, se Dio ha creato tanti popoli diversi anche somaticamente e li ha piazzati in territori diversi, stiamo quasi creando del disordine: mi sembra strano che la Chiesa non abbia un pensiero di questo genere.
    :

  6. luigi bandiera says:

    E le toghe non sanno che pesce pigliare. Non sono mika pescatori, loro..?

    Si, dico, ci sara’ un colpevole sopra gli scafisti o no..?

    Qua da noi, i vari “vengono qua a fare quello che noi non si vuol piu’ fare”; “quelli che dicono “sono una risorsa”; E ecc., sono da inforcare perche’ sono i colpevoli.

    Ma in I_TAGLIA vige il DIRITTO ROMANO e le colpe sono sempre del nemico. Oggi i nemici sono quelli che non vogliono invasori in casa.

    Tuttavia chiamare in aiuto l’europa o URKA e’ voler fare i romani nella veste del Ponzio Pirlato.

    Dai, fate un ponte nel Mediterraneo e siamo a posto.

    E pensare che i barconi, se passano in Libia prima di arrivare a Lampedusa, passano vicini alle isole greche… europa ne’..?

    Poi vicino a Malta (non edile) e nessuno si ferma…

    Loro vedono solo gli amici i_tagliani e arrivano tutti la’.

    Forse e’ meglio decidersi e presto a cambiar nome a questo “NOSTRO PAESE”: da i_taglia a ISLAFRITALIA.

    Sim sala bim

  7. Silvia says:

    Io sinistroide o bacia banchi????
    Sono Friulana e orgogliosa di esserlo, della mia lingua, della mia cultura e delle mie tradizioni e rispetto le altre Nazioni. Disprezzo invece qualsiasi persona che maltratta la mia terra (politici arraffoni e traditori)
    Sono indipendentista convinta nonché apartitica perché mi hanno cresciuta così.
    .

  8. Silvia says:

    Ma no, Lucia, non mi riferivo certo a te ma al mio post, quello di http://www.inilossum. it.
    Scusa, ma io non volevo certo offenderti, e’ che con lo Smart e’ un casino:(

  9. lucia says:

    Silvia,mi spieghi dove lo vedi il fascismo nel mio post? Se non condividi la mia analisi,me ne faro’una ragione ma almeno esponi la tua magari evitando giudizi arroganti.

  10. Carlo De Paoli says:

    Ora, per questi poveri disgraziati ci saranno le esequie di stato, un minuto di silenzio in Parlamento e in tutte le scuole della repubblica: hanno arrischiato e sono morti.
    Ma anche i nostri imprenditori arrischiano; impiegano capitali, i loro, quelli privati, lo stato, questo stato, li rapina nella misura del 70% e più, loro ed i loro dipendenti, sono sospinti sull’orlo delle miseria e del fallimento fino a che questi non ce la fanno più e si uccidono.
    Quante centinaia sono finora?
    I parassiti che vivono in Parlamento quando si accorgeranno di loro ed indiranno in loro memoria il lutto nazionale?, e qualche minuto di silenzio nelle scuole per commemorare il “sacrificio” di questi poveri disgraziati, oltretutto perseguitati da una azienda criminale che assume i metodi della malavita organizzata per “cavar sangue dal muro” ed ottenere il “pizzo” da questi nostri colleghi di lavoro?
    E se non lo fanno i nostri aguzzini perché non lo si può fare noi?
    Non potrebbe essere un argomento, questo, del genocidio cioè, perpetrato contro la nostra civiltà e noi stessi da questi servi dei banchieri da inserire nella prossima conferenza di Milano all’Hotel dei Cavalieri?

  11. fabio ghidotti says:

    Borghezio festeggia sempre l’anniversario della battaglia dell’Assietta (una “gloria” piemontese…).
    Max Ferrari parla come se la “coscienza nazionale” delle Fiandre fosse nata per reazione alla massiccia immigrazione islamica in Beglio…(cfr convegno di Varese del 26 Maggio scorso)
    Cosa c’entrano questi due con l’indipendentismo? Hanno finito di prenderci in giro, loro e quelli che li appoggiano!
    Poi qualcuno si meraviglia che Giancarlo Pagliarini si occupi d’altro, cioè di cose serie? Intanto le sue “50 buone ragioni per l’indipendenza” che aveva scritto (in una passata era geologica) con il fu Gilberto Oneto, non le cita più nessuno…

  12. erik says:

    @fabrizio dalla villa
    Io sono nato a Milano da famiglia veneta, dove ho vissuto solo un paio d’anni. Se mi dai del lombardo offendi me e anche i lombardi semplicemente xk non lo sono, non mi sento tale e non lo voglio essere. Figuriamoci se uno viene dall’africa, asia ecc.!! Ma neanche dopo 18 anni! Le uniche eccezioni sono gli adottati che hanno completamente la nostra cultura.

  13. Silvia says:

    Io no: un ragazzo può già sceglierlo se diventare “cittadino italiano” a 18 anni compiuti. E ne conosco tanti che non gliene frega un tubo di avere il passaporto italiano, credimi.
    Non lo vorrei avere neanche io, così come siamo ridotti, che senso ha?

  14. Io sono favorevole allo jus soli. Se una persona nasce in Italia, anche da genitori stranieri, se frequenta le scuole italiane, e ha amicizie italiane, perché mai non dovrebbe essere italiano? Ciò a prescindere dalla posizione di Tizio, Caio o Sempronio.

  15. Silvia says:

    Come mai gli emigrati e i profughi non si fermano in Grecia?
    Quando il Papa ha detto “Vergogna” a chi si riferiva? A questa ministra?

    http://www.blitzquotidiano.it/rassegna-stampa/livio-caputo-boldrini-solo-parole-1642317/

  16. Silvia says:

    Cavolo, l’ultimo link e’ fascista…beh, nn importa, si devono sentire tutte le campane…
    Scusate:(((

  17. lucia says:

    Io ho l’impressione che sotto sotto,approfittando del clamore suscitato dalla tragedia di Lampedusa,si abbia l’intenzione di chiedere la regolamentazione del traffico di uomini.In fondo si è regolamentato l’aborto,per evitare l’aborto clandestino e il relativo rischio per la donna e lucro esentasse per gli esecutori,si è inventata la morte cerebrale per regolamentare il prelievo di organi ed evitare il traffico clandestino di organi e il relativo rischio sanitario per il ricevente e conseguente lucro esentasse per i trapiantatori,si preme per regolamentare la prostituzione per evitare il rischio per il consumatore,lo scandaloso spettacolo per le strade che devono essere decorose e anche tassare il lucro degli sfruttatori,cosa ci sarebbe di strano nel regolamentare anche il traffico di uomini?L’importante è che avvenga in sicurezza,alla luce del sole e del fisco e che i disgraziati non rischino la vita e che non ci siano sfruttatori.Sul traffico di uomini sono nate le monarchie europee.La tragedia è che la Chiesa è complice.Come del resto lo era quando il traffico andava dall’Africa al nuovo mondo.Ridicole le lacrime da coccodrillo.Piangono perché hanno perso gli assistiti e i futuri schiavi,altro che balle!!Che tristezza.

    • Dan says:

      Regolamentare il traffico di uomini è possibile: semplicemente si impone al migrante di avere un contratto di lavoro in tasca quando si presenta alle nostre frontiere e di essere in condizioni igienico sanitarie accettabili.

      Hanno dovuto farlo i nostri nonni (e non erano nel 2013, non avevano bagni schiuma, antibiotici, telefoni e computer) quindi possono e devono farlo pure loro.

      Chi si presenta sul barcone e “mo mi mantieni” va preso e rispedito indietro e che si apra pure tutte le falle che vuole nella barchetta o incendi le coperte che gli passano per mano: o alle nostre regole o fuori dai coglioni.

      • lucia says:

        caro Dan,quello di cui lei parla è la regolamentazione degli ingressi negli stati,quelli che ancora così si possono chiamare.
        Il traffico di uomini ,quello di cui pavento la regolamentazione,è il commercio o comunque l’uso a proprio vantaggio degli esseri umani.Insomma io temo che si voglia regolamentare la schiavitù.Posto che oramai dovrebbe essere chiaro che la scusa della fuga dalla povertà e dalla miseria del sud del mondo è appunto una emerita scusa buona per le scolaresche da indottrinare,così come l’idea che questa gente scappi dal suo paese perché c’è la guerra e per non morire di guerra va a rischiare di morire in mare è buona per i direttori della caritas e le anime belle sempre disposte a versare una lacrima e ad alzare schifiltosi il sopracciglio davanti a chi non piange con loro,non vorrà credere che questa gente si imbarca spontaneamente?
        Perchè spendere tanti soldi e rischiare tanto se con molto meno può entrare legalmente e magari finire anche per diventare ministro?E perché indebitarsi per partire?Sono africani,ma mica scemi.L’alternativa è che in realtà siano schiavi,costretti a questi spostamenti per mille e più motivi,magari ricattati o magari ,perché no,.catturati.Altrimenti non si spiegano i bambini non accompagnati e le donne incinte.O crede che le donne africane siano diverse da noi e godano come pazze all’idea magari di partorire in mare come bestie o comunque con persone che non parlano la loro lingua e a cui non riescono neanche a dire di quanti mesi sono,se hanno dolore e non capiscono quando dicono loro quando devono spingere o quando no.O crede che siano davvero scimmiette capaci di partorire da sole nelle foreste strappando da sole la placenta?E come spiegare l’impossibilità di avere da parte di queste persone,per quanto danneggiate,denunce dei responsabili del loro disgraziato imbarco?In fondo,una volta arrivati,dovrebbero essere liberi anche di denunciare chi li ha sfruttati e magari ha causato la morte di amici e parenti avendolo abbandonati in mareE’ evidente che hanno paura a parlare.

        Se così fosse si spiegherebbe meglio perché viene da più parti richiesta la sicurezza dei viaggi,addirittura con la proposta di imbarchi controllati per evitare la perdita del prezioso carico e la insistente richiesta di eliminare dalla legislazione il maggior numero di ostacoli al permanere di queste persone,in primis la abolizione del reato di clandestinità seguito poi dalla automatica imposizione alla prole,e dunque ai genitori,della cittadinanza per ius solis.Che poi queste persone non trovino affatto accoglienza ,che poi la popolazione autoctona entri in rotta di collisione con i nuovi arrivati per una legittima difesa di se stessa ,non è affatto un problema per chi considerando la persona come una merce,proprio come merce è considerato il feto,un organo umano o una donna o un bambino da vendere a chi ha soldi se serve a soddisfare il sentimentalismo di plastica ,pieno di melensaggine e vuoto di sostanza che regge l’amore omosessuale,non ha alcuna remora a tacciare di razzismo e punire con la legge Mancino,che prevede il carcere, chiunque,autoctono e solo autoctono, si opponga a questo stato di cose.Mai sentito imputare secondo la legge Mancino una persona di colore o comunque straniera che abbia atteggiamenti razzisti nei confronti di un italiano.Abbiamo inventato il razzismo selettivo!!
        Sembra assurdo,ma la storia continua a ripetersi.Ma noi non vogliamo vederlo e pensiamo che noi siamo migliori di chi ci ha preceduti e non facciamo gli stessi errori,che ben conosciamo e invece continuiamo imperterriti .Queste persone dovrebbero essere aiutate a tornare a casa ,altro che farle diventare italiane a tutti i costi.Ecco perché parlo di lacrime di coccodrillo e insopportabile ipocrisia soprattutto da parte della Chiesa..
        Io la penso così.

  18. Silvia says:

    Oh Signore, continuamo a farci del male:
    Stavo dormendo sul divano con la tv accesa e ho sognato che facevo “zapping” su rai3 e ho visto il faccione di quel democristianone del mortadella (ma non faceva le sedute spiritiche per evocare l’anima di Moro? Cosa gli avrà risposto?:)
    Professor Mortadella: lei, letta, alfano, giovanardi, basta altrimenti mi viene il voltastomaco…
    “Siamo in crisi economica”…memoria corta?
    Professore…

    http://www.romanoprodi.it/biografia
    No, troppo buona…(Franzoni? Questo nome mi ricorda qualcosa…)

    http://www.nwo.it/disastri.html

    http://www.inilossum.it/politica16.html
    Basta…non vedo l’ora di svegliarmi per andare a dormire.

  19. pierin says:

    si devono impedire le partenze (migliaia d euro a testa dove li prendono?) e si deve smettere con sta pagliacciata d accoglierli tutti. saran anche voti per qualche partito… ma porcamiseria siam già incasinati per conto nostro e piu ne richiamano peggio è.
    concordo le accuse alla minjstra dell integrazione per ste povere anime disperate che non ci son piu

    • Dan says:

      Prima che voti sono soldi.
      Associazioni, onlus e ultimamente lo stesso papa con i conventi prendono dallo stato italiano qualcosa come 45 euro al giorno per clandestino che riescono ad ospitare. Soldi cash pagati subito.

      Come fa questa gente a costare 45 euro al giorno ? Viene ospitata nei tre stelle ?

  20. Silvia says:

    http://voxnews.info/2013/09/30/la-svezia-ordina-ai-bambini-transessualizzatevi/#/2013/10/03/accoglienza-e-buonismo-causano-nuova-tragedia-centinaia-di-morti-a-lampedusa/

    Grazie, Papa Francesco, grazie on. Boldrini (ce ne sarà anche per lei), signori …
    http://voxnews.info/2013/09/30/la-svezia-ordina-ai-bambini-transessualizzatevi/#/2013/10/02/le-ingerenze-delleuropa-giro-di-telefonate-per-convincere-a-votare-fiducia/
    Siete dei criminali e non possiamo neanche fidarci dell’ ONU(ma quando mai).
    A voi non interessa nulla dell’identità dei Popoli, di qualunque Paese siano, dagli Svedesi ai Congolelesi. Pagherete caro, pagherete tutto…

  21. Iacopo says:

    Ma è lo stesso BORGHEZIO che all’ultimo evento spacciato come “indipendentista” ha invitato movimenti europei di estrema destra NON indipendentisti (identitaires francesi che sono tutti ex Front National, Plataforma per Catalunya che è anti-indipendentista, ect)??
    Lo stesso Borghezio che in un video a telecamera nascosta, consigliava a dei post-fascisti francesi di spacciarsi per localisti e regionalisti per arrivare al potere (“come abbiamo fatto noi” ha anche detto) ??
    http://www.youtube.com/watch?v=HfRE4pg_rSk

    BASTA dare credito e voti a questa gente che finora è stata la nostra rovina!

  22. giancarlo pagliarini says:

    Gianluca, mi interessa (anche perchè mia moglie è nata a Milano nel 1948 da genitori armeni che erano a Milano dal 1920, ma ha potuto diventare italiana solo quando ha compiuto 18 anni e da piccola ha sofferto un pò: non capiva perchè era considerata “diversa” dagli altri bimbi) ma domani come sai (ti ho mandato ieri notte programma e volantino) sono a Feltre a parlare di Costituzione Svizzera, federalismo , riforma degli enti locali e “del federalismo che è una opportunità anche per la montagna”. Sarà interessante anche la relazione del sindaco di Longarone sulla “esperienza di un percorso di fusione tra comuni” che confronteremo con quello che fanno in Svizzera. Se hai tempo e voglia perchè non pubblichi volantino e notizia? Un pò di pubblicità non guasta mai. Forse non l’hai ricevuta: adesso ti rimando la mail di ieri notte. Ciao. Paglia

    • Iacopo says:

      Paglia, ma davvero ci credi ancora che questo paese sia riformabile dall’interno? sono 30 anni che ci si prova senza aver ottenuto il nulla assoluto. Come si arriverà al federalismo se per questo ci vuole la maggioranza parlamentare (quindi anche coi voti del sud) e questa non ci sarà mai?
      Poi non eri un convinto indipendentista?

      • giancarlo pagliarini says:

        Iacopo, con cittadini informati e consapevoli si ottiene qualsiasi cosa. E’ una roba che si chiama “cultura”. io continuo a fare e a dire le stesse identiche cose che facevo e dicevo quando ero in Lega: con gli slogan e le polemiche non si va da nessuna parte. Ciao

        • Iacopo says:

          ma 30 anni di questa “informazione” a cosa hanno portato? Anche se tutti i cittadini del nord fossero convinti non otterremmo comunque nulla perché quelli del centro-sud non lo vorranno mai…e allora come si fa a continuare cosi??

  23. salvo says:

    risate matte.

    • L'incensurato says:

      Non ci andare che tanto non ci capiresti un c.: c’e’ la Zanicchi che parla di Ppe su radio 24 per quelli come voi. Padania Libera.
      Con Bossi. Sempre.

      • Iacopo says:

        si, con Bossi, Salvini, Calderoli e Borghezio…abbiam visto tutto quello che abbiamo ottenuto (il nulla assoluto) con personaggi del genere…

  24. Tito Livio says:

    Già il solo fatto che parla Borghezio costituisce un grosso disincentivo.

    • gianluca says:

      Ma smettiamola con ste prese di posizione a priori: se uno è interessato all’argomento, lì ci sono tante persone che ne parleranno e forse vale la pena ascoltarle. Se poi uno non vuole ascoltare Borghezio, si alza ed esce dalla sala. Diamo atto a lui almeno di organizzare una cosa su cui molti di voi non sono affatto in antitesi

      • Tito Livio says:

        Certamente ma il fatto che l’evento sia organizzato dalla Fondazione Federalista(creata dal fantomatico parlamento del nord) per l’Europa dei Popoli presieduta dal sig. Mario Borghezio è, almeno per me, un grosso elemento a sfavore per recarsi a tale convegno. La mia posizione è a priori nei confronti di Borghezio e non di quelle persone, magari intelligenti (auspico ce ve ne siano nella fondazione) che interverranno.

      • Iacopo says:

        a priori? è da decenni che ci sorbiamo le sparate di borghezio, nocivissime per la nostra causa, e dovremmo stare ancora ad ascoltarlo??

        • gianluca says:

          Ascoltate gli altri se vi interessa il tema…

          • lory says:

            chi non è interessato ad ascoltare il brutto cattivo Borghezio può sempre ascoltare le puttanate dei buonissimi Letta,Bersani,Casini e anche di Monti.

            • fran says:

              k son quelli ke ham n trovati i fondi per aerei militari e trovato euro per slot machine ?? e non poki euro

            • Tito Livio says:

              Perchè bisogna sempre metterla in DESTRA VS SINISTRA? perchè se uno non apprezza Borghezio deve per forza apprezzare il PD o gli altri? e se dicessi che mi fanno ribrezzo un po’ tutti?

      • Gianfrancesco says:

        sono d’accordo, anche a me stufano certe prese di posizione a priori.

        il confronto si fa sulle idee e non sui nomi, se borghezio dice una cosa giusta gli do ragione, se ne dice una sbagliata gli do torto. punto, il resto sono inutili vanità.

        • lory says:

          d’accordo,qui qualcuno che scrive secondo me non ha niente a vedere con l’indipendentismo sono solo degli infiltrati sinistroidi o a limite dei bacia banchi .

Leave a Comment