I SOLDI SON FINITI, I TRENI LOCALI SI FERMERANNO NEL 2013

di REDAZIONE

Povera Italia, ormai sta sprofondando verso condizioni da terzo mondo. E con l’anno prossimo rischiano di fermarsi del tutto i treni locali, che già spesso e volentieri sono proprio da terzo mondo, senza offendere i paesi meno sviluppati. Non è un’ipotesi generica, ma la concreta eventualità avanzata nientemeno che dall’amministratore delegato delle FS Mauro Moretti.

Se nel 2013 “non ci saranno soldi a bilancio” nel budget delle Fs, “l’unica cosa che potremo fare e’ interrompere il servizio”. Ha detto il capo delle Ferrovie dello Stato dal tavolo di un convegno all’Universita’ Bocconi di Milano. Lo stesso Moretti non ha nascosto, durante il suo intervento, ne’ il rischio che le regioni restino senza trasporto pubblico locale, ne’ che le stesse Fs possano essere denunciate per interruzione di servizio ma “vedremo come andra’ a finire”. Durante l’incontro alla Bocconi, il numero uno di Fs ha spiegato che, per quanto riguarda il servizio regionale, i cosiddetti “ricavi per passeggero/chilometro in Italia sono di 10,8 centesimi di euro contro i 17,2 centesimi del trasporto su gomma”. Moretti ha citato la Germania, con ricavi per passeggero/chilometro a 20 centesimi e la Francia, i cui ricavi sono di 22 centesimi. “Situazione assai diversa è quella inglese – ha concluso Moretti – che vede ricavi per passeggero variare da 33 a 42 centesimi chilometro”.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

9 Comments

  1. ruggero zigliotto says:

    Un tempo mi sarebbe stato sufficiente fare in modo che questa gente andasse a casa… ora li voglio vedere in GALERA! Subito VENETO STATO, subito TRIBUNALI POPOLARI!

  2. Dan says:

    Credo che un treno riusciremo ancora a farlo muovere oltre quell’anno: basta farlo tirare a Moretti con un paio di briglie.
    Con i soldi che succhia, è il minimo che può fare

  3. ingenuo39 says:

    Credo che in qualsiasi Paese del Mondo, Italia esclusa, se un amministratore delegato non raggiunge gli obbiettivi che anno indicato gli azionisti, venga esautorato fermando il suo appannaggio al giorno stesso e senza i bonus promessi e senza liquidazione in quanto non è stato capace (cioè incapace) di svolgere il compito assegnatogli )cioè il suo lavoro). FORZA ITALIA

  4. Gianfranco Lai says:

    casa dice questo signore…. nel sito ufficiale delle ferrovie si parla di bilanci degli anni 2008/2009/2010 in positivo !!!!!!!!

  5. Mauro Cella says:

    Caro Moretti, lasci che le chieda una cosa. A febbraio dovevo recarmi a Modena. Sono andato sul sito di Trenitalia a vedere il costo: andata e ritorno 41€ più spiccioli in seconda classe. A cui aggiungere, una volta arrivato a Modena, il costo del taxi o dell’autobus.
    Ho fatto due conti e ci sono andato in auto. Anche con pedaggi autostradali rincarati di fresco e benzina aumentata per salvare l’Italia ho risparmiato i miei bravi 12€ tra andata e ritorno tutto incluso, senza ovviamente considerare il costo del trasporto locale. Ho un’auto piccola e vado piano ma ho anche risparmiato tempo rispetto a quello tabulato sul sito Trenitalia.
    Perché usare il treno costa più caro che usare l’auto nonostante i mille aumenti?
    E lei ha il coraggio di chiedere altri soldi? Magari dalle accise sui carburanti?

  6. Entità sempre vigile says:

    si fanno paragoni con the United Kingdom? ahahahha oh ferrovie dello stato.. guardate che loro inglesi, hanno dei servizi efficienti, voi se avreste più ricavi avreste solo più stipendio perchè certamente non li usereste per avere dei servizi efficienti, puntuali, puliti, e via dicendo.

    Non paragonatevi ad altri paesi se non avete i requisiti ne la moralità per farlo… you gotta shut up your mouth..

  7. Pippo says:

    Questo imbecille é lo stesso che dopo un disservizio notturno di parecchie ore per una nevicata in pianura padana, qualche anno fa, agli utenti che si sono lamentati per essere stati abbandonati al buio, freddo, senza acqua e cibo, ha risposto in un’intervista tv: ” i passeggeri si portino i panini da casa”.
    Quanto prende di stipendio questo losco figuro? E poi mancano i fondi?

  8. quartadimemsione says:

    qualcuno dovrebbe spiegare a moretti, quando fa le sue dotte conferenze stampa. che il parametro da prendere in considerazione non è la remunerazione per km, ma il costo per km diviso il salario medio. Ovvero quanto incide il trasporto rispetto al salario che uno percepisce. Salterebbe agli occhi che in italia i trasporti sono CARISSIMI, altro che più economici.

    • stefano says:

      milioni e milioni ……soldi buttati al vento ….
      treni demoliti …. sporchi non puliti in balia di graffitati che imbrattano ogni cosa in ogni momento ed ogni dove ….
      CI VUOLE MOLTO A METTERE UN CONTROLLO NOTTURNO ANTI GRAFFITARI ?? quanto costano 2 vigilantes notturni che impediscano lo scempio che poi si cerca di pulire a suon di milioni di euro … ci vuole molto a mettere una telecamera anti vandlismo in un deposito notturno ? costa molto rispetto a quanto va speso per pulite un treno imbrattato? costa molto mettere un buon cane da guardia? che avvisi il vigilantes se entra qualcuno ? a chi giova buttare milioni di soldi ? a chi vanno questi soldi … sporco dentro .. sporco fuori ? .. son le persone che amministrano tutto questo che son sporche !!!! non serve comprare un treno nuovo .. per fare bella figura con gli utenti che utilizzano il servizio …
      anche il neonato… e poi si sente che i soldi sono finiti !!!!!!!!!! continuiamo così facciamoci del male …!!!!

Leave a Comment