I giudici vogliono indietro 48 milioni dalla Lega? Ecco cosa c’era in cassa quando Bossi ha lasciato: tutto.

foto 2

di STEFANIA PIAZZO – Abbiamo buona memoria. In piena bagarre tra licenziamenti annunciati e cassa integrazione, eravamo andati a spulciare  i bilanci della Lega, prima e dopo la gestione Bossi. Era il 18 gennaio 2015 e pubblicammo una breve analisi delle entrate e delle uscite, come da bilancio pubblico, degli anni bossiani e di quelli immediatamente successivi. Ed ecco cosa ne uscì… Buona lettura.  A proposito, i giudici di Genova vogliono confiscare 48 milioni di euro al Carroccio? C’è chi li ha spesi…. Dopo di lui. 
foto 2

(da lindipendenzanuova del 18 gennaio 2015) – Se vai a vedere sul sito della Lega il rendiconto di gestione, cioè il bilancio, capisci perché l’annunciato licenziamento dei 71 dipendenti, è proprio tutta colpa di Renzi. Ma certo, non puoi avere dubbi.

Che c’è da scrivere più di quello che si è già letto e che per i giornali è notizia, ovvero che la Cgil ha tesserato i dipendenti della vertenza? E allora, proprio perché nulla c’è da aggiungere, vediamo che sta scritto sul bilancio disponibile, per chiunque, sul web. Anche per la Cgil, la Cisl e la Uil, se vogliono. Vediamo dunque nel dopo Bossi e nell’era Renzi che accade.

 

Patrimonio netto: da 35,5 a 21 milioni, meno 14,4 milioni

Non c’è nulla da nascondere se a pagina 4 del rendiconto di gestione al 31 dicembre 2013, si legge che il totale del patrimonio netto è passato dai 35,5 milioni di euro del 2012 ai 21 milioni del 2013, ovvero 14,4 milioni in meno.

Depositi bancari: da 22  a 4,9 milioni, meno 17 milionifoto 4

A pagina 15 del rendiconto si legge che sul fronte dei depositi bancari, si è passati dai 22 milioni del 2012 ai 4,9 milioni del 2013. Ovvero 17.168.005,77 milioni in meno.

Conto corrente e titoli: erano 6 e 10 milioni, e ora?

Sarà vero o meno, come sostengono i  dipendenti, che sarebbero stati informati dai vertici aziendali, che  dei 6 milioni sul conto corrente nel 2013, nel 2014 ne sarebbero rimasti  meno? A dirlo sarà la pubblicazione  del bilancio 2014. Lo stesso varrebbe anche per la voce titoli: le stesse voci riferirebbero  che sarebbero passati da 10 milioni a cifre inferiori. Lo dirà il bilancio 2014. Cura Renzi, ovviamente.

Si attende di vedere la pubblicazione del bilancio 2014. Così da capire, conti alla mano, dalla Lega 2.0 alla Lega che va a Sud, cosa registrino i bilanci. E quanto non sia rientrato, sempre ovviamente per colpa dei tagli dei costi alla politica di Renzi.

Gli immobili, quali?

Una cosa poi i dipendenti se la chiedono: quali sono gli immobili di proprietà della Pontida Fin? Qual è il loro valore?  2, 5,  7 milioni o quanto? E’ vero che ci sarebbero anche, tra gli immobili, i mattoni della sede della Scuola Bosina, i cui ex dipendenti hanno anticipato l’uscita dei dipendenti di via Bellerio? Destini incrociati.  Curiosità: c’è anche il prato di Pontida? E’ in vendita?

Fidejussioni, a chi?foto 1

La Lega, si legge nel bilancio, ha stanziato due fidejussioni sia nel 2012 che nel 2013, entrambe di 195mila euro, verso terzi. E per il 2014? Si attendono i dati. Chi riguardano, si interrogano i dipendenti? Tutto lecito, ci mancherebbe, ma i dipendenti guardano al bilancio di casa loro, e potrebbero chiedere: ma prima non venivamo noi?

Spese legali

Il 2012 si è chiuso con 538mila euro di spese alla voce spese legali. Il 2013 ha registrato a bilancio un   più 2,5 visto che si legge: 3,1 milioni di euro. Nel 2014 si attende di vedere come si è chiuso.

Manifesti: più 400mila euro

Nel 2012 per manifesti e propaganda sono usciti 638mila euro, nel 2013 1 milione e 44mila.

Sorpresa: ci sono i diamanti, 90mila euro

A pagina 14 torna un residuato del passato: i diamanti. L’importo? 90mila euro. Ma non era stato detto che sarebbero andati alle sezioni più meritevoli?

Una delle tante ragioni  per cui saltò in aria un partito, fino alle dimissioni di Bossi: 90mila euro. Nell’immaginario collettivo si immaginavano cifre diverse. Sarebbero ancora lì, a meno che nel 2014 siano stati venduti. Si legge a pagina 14 del rendiconto di bilancio, alla voce “Rimanenze e altre attività”: “Afferiscono al valore attribuito ai gadget e materiale propagandistico oltre che al controvalore dei preziosi dissequestrati nel 2012 dal Tribunale, adeguati al presumibile valore di realizzo operando specifica rettifica”.

E le voci sono: gadget e merchandising 389mila euro (un bel fondo di magazzino), preziosi 90mila… per un totale di 479mila euro ma calcolando un fondo di svalutazione pari a 395mila euro, gadget della Lega e diamanti non varrebbero più di 83mila euro, si legge. Saldi.

 

Per quanto saltò nel 2012 il partito? 

Per l’investimento contestato di 90mila euro (apprendiamo il valore dal bilancio) e per gli investimenti in Tanzania che, riportano le cronache di allora, dovevano ammontare a circa 8 milioni di euro. Più il capitolo spese “the family”, dalla contestata laurea alle spese attribuite ai figli. Poi, si parlò nel 20111 di 3 milioni di presunte sottrazioni indebite da parte del tesoriere. Una gestione indimenticabile.

Per quanto chiude via Bellerio oggi?

Per quanto chiude, per colpa di Renzi, il bilancio oggi?

 

I dipendenti davanti al bilancio

Il bilancio langue, ed è colpa di Renzi. Ergo, bisogna licenziare. Meno 14 milioni di patrimonio netto, meno 17 milioni di depositi… E altri meno, perché la politica ha i suoi costi. Ragazzi, ci dispiace, si sbaracca, è costretto a dire il segretario Matteo Salvini. Che però a gennaio e luglio 2014, incontrando i dipendenti, avrebbe affermato, secondo quanto affermano gli stessi lavoratori, che ci sarebbero stati sacrifici per tutti, ma nessuno sarebbe rimasto a casa. Invece, il 27 ottobre, dopo la mobilitazione della manifestazione del 18 ottobre in piazza Duomo, l’amara notizia. La matematica non è un’opinione. Riorganizzazione… esternalizzazione per contabilità, legislativo… Parole nuove, glaciali. A casa.

La solidarietà, ultima fermata

Sul piatto ci sarebbero 500mila euro e non di più per garantire la prosecuzione dei lavori. Colpa di Renzi. I dipendenti invece chiedono che la Lega rilanci accettando i contratti di solidarietà: aggiungendo 1 milione di euro, tutti lavorerebbero ancora per un anno, almeno. Dai parlamentari e dagli amministratori le erogazioni ammonterebbero a 3,9 milioni di euro. Chi fa ora quadrare i conti?

Gli autisti, ma non si era già deciso?

Nel calcolo dei tagli al personale vi sono anche loro, gli uomini-macchina. Ma i dipendenti si pongono una domanda. C’è stata o non c’è stata una transazione tra la Lega e Umberto Bossi per quanto riguarda le spese per gli uomini della sua scorta? O non se ne è fatto nulla? Chi risponde alla domanda?

Bilanci certificati

I bilanci sono certificati, a prova di bomba. E se i dipendenti, nel caso di un muro contro muro, volessero chiedere come sono usciti nel dettaglio i soldi spesi dal 2012 al 2013? E nel 2014?

 Botta risposta Bossi-Salvini

“Non ho tempo per le polemiche interne, c’è un governo da mandare a casa senza perdere un giorno in più. Credo Bossi sia stato frainteso, soprattutto sui soldi… diciamo che il bilancio del Movimento che ho trovato non è certo dei migliori”, replica il 30 dicembre scorso  il segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini, alle critiche mosse dal Senatur, compresa la stoccata sui soldi, con l’ex capo del Carroccio che assicurava di aver lasciato in ‘eredità’ un bilancio floridissimo. Intanto, oggi saldi.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

3 Comments

  1. Giancarlo Pagliarini says:

    Sono fuori dalla politica da anni, ma a questo punto un po’ di curiosità è lecita. Salvini, o meglio Giorgetti, che di numeri “se ne intende di più” dovrebbe pubblicare e commentare i bilanci della Lega degli ultimi 10 anni. Se vogliono il lavoro glielo faccio io, ” a gratis”

  2. guglielmo says:

    Non dimentichiamo che nel periodo fra la segreteria Bossi e la segreteria Salvini la Lega Nooodde ha avuto la segreteria di BOBY TARONI ………
    Domanda….da 8 milioni di euro……..quanto è veramente costata la campagna elettorale di Boby Taroni per farsi eleggere governatore della Lombardia ???

  3. luigi bandiera says:

    Abbiamo il nuovo Robin Hood: ruba ai poveri per darlo ai ricchi.
    Ma la storia non era viceversa..?
    Mondo davvero che va a rovescio e a catafascio.
    Auguri…

Leave a Comment