I Faraoni esistono e sono a Bankitalia. Ecco i loro stipendi

bankitalia 1di ROBERTO BERNARDELLI – Periodicamente, l’Agi, Agenzia giornalistica tra le più storiche del Paese, mette sotto la lente le sparate dei politici. Un vero e proprio fact checking che vale come pagella politica. Nei giorni scorsi è stata esaminata la denuncia di un esponente politico sui costi dei dipendenti della Banca d’Italia. A dire il vero, come leggerete, c’ha quasi azzeccato. L’Agi ha provveduto a rivedere in modo più preciso e analitico ogni singola voce. Sono redditi importanti, e visto l’andamento del nostro sistema bancario, ci si chiede: ma qualcuno pagato per vigilare allora c’è! Poi i risultati giudicateli voi.

 

rassegna stampa

Guido Crosetto, coordinatore nazionale di Fratelli d’Italia, ha scritto il 12 aprile un tweet molto critico nei confronti di Banca d’Italia, in cui tra le altre cose si legge che l’istituzione ha “6000 dipendenti (pagati molto di più, in media, dei 945 parlamentari e dei 2300 ex)”.

Si tratta di un’affermazione imprecisa, ma non di molto: la media degli stipendi dei dipendenti di Bankitalia e quella dei parlamentari in carica è in effetti abbastanza simile.

Quanti sono e quanto guadagnano i dipendenti di Bankitalia

Secondo quanto risulta dall’ultimo bilancio dell’istituto di Palazzo Koch, i dipendenti al 31 dicembre 2017 erano 6.799 (4.536 nell’amministrazione centrale e 2.263 nelle filiali). Quindi anche più dei seimila citati da Crosetto, ma comunque una cifra simile.

Il costo (“Stipendi ed emolumenti”) del personale in servizio, sempre nel 2017, è stato pari a a 651.772.404 euro. Se a questa voce aggiungiamo gli “Oneri previdenziali e assicurativi”, che ammontano a 165.920.192, il totale lordo sale a 817.692.596.

Dunque il costo lordo medio a dipendente nel 2017 è stato di 120.266 euro all’anno.

Possiamo raffinare ulteriormente il dato, sottraendo dal totale gli stipendi più elevati, che vanno ai vertici dell’istituto. In particolare possiamo sottrarre lo stipendio lordo  del governatore (450.000 €), del direttore generale (400.000 €), dei tre vice-direttori (315.000 €) e dei dirigenti  nove capi dipartimento (215.125 € di media), 57 capi servizio/direttore di filiale regionale (171.107 € di media) e 19 direttori di filiale provinciale (144.085 € di media).

Il totale del costo lordo scende così a 801.470.757 € che, diviso per 6.709 dipendenti, corrisponde a uno lordo medio annuo pari a 119.462 € per dipendente. Un dato non molto distante da quello ottenuto secondo il calcolo precedente.

Il confronto coi parlamentari, in carica ed ex

Vediamo ora quanto guadagnano i 945 parlamentari in carica(630 alla Camera + 315 al Senato, senza contare i senatori a vita). In base a quanto riporta il sito della Camera, a decorrere dal 1° gennaio 2012 l’importo lordo dell’indennità parlamentare, corrisposto per 12 mensilità, è pari a 10.435 euro. Si tratta di 125.220 euro all’anno: circa 5 mila euro in più di quanto guadagnino, in media, i dipendenti di Bankitalia.

Consideriamo solo l’indennità parlamentare, e non gli altri introiti economici, i rimborsi e le agevolazioni di cui godono i membri di Camera e Senato, perché questo imporrebbe un confronto a tutto campo anche su eventuali altri introiti dei dipendenti e dei dirigenti di Bankitalia.

Per quanto riguarda gli ex parlamentari, possiamo elaborare una stima media di quanto ricevano suddividendo per 2.600 – il numero approssimativo di ex parlamentari che ricevono il vitalizio, citato dal presidente dell’Inps Tito Boeri in un’audizione alla Camera del 2016  di 300 unità superiore al dato citato da Crosetto – i 207 milioni di spesa per vitalizi che, sempre in base a tabelle Inps, lo Stato dovrebbe stanziare nel 2018. Il risultato è di 79.615 euro a testa. Dunque circa 40 mila euro in meno rispetto alla media dei dipendenti di Bankitalia.

Conclusione

Crosetto è leggermente impreciso, per difetto, sul numero dei dipendenti di Bankitalia: secondo il più recente bilancio si avvicinano più ai settemila (6.799) che ai seimila.

Sbagliato poi sostenere che guadagnino più di un parlamentare in carica. Guardando solo alla cifra media, il loro stipendio è inferiore di circa 5 mila euro rispetto a quello degli onorevoli.

Corretto invece dire che guadagnino più degli ex parlamentari (di cui pure Crosetto sbaglia per difetto il numero complessivo): questi ultimi hanno un costo medio per lo Stato di 80 mila euro all’anno in vitalizi, mentre i dipendenti di Bankitalia hanno – sommando stipendi ed emolumenti con oneri previdenziali e assicurativi – un costo lordo di circa 120 mila euro all’anno.

(fonte agi)

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

3 Comments

  1. luigi bandiera says:

    Me ne scappa un’altra.
    I FARAONI, ripeto, sono gli stati odierni (non invento mai nulla. L’e’ tutto scritto li’ comunque). Hanno tutti i diritti immaginabili e possibili su di noi.
    I membri sottoposti a loro sono i funzionari di stato che godono di un privilegio unico: NEMMENO I RE di un tempo ERANO COSI’ TANTO PAGATI E RISPETTATI.

    Pensiamo alla rivoluzione in INGHILTERRA (Oliver CROMWELL) e poi in FRANCIA (Maximilien de Robespierre).

    Hanno eliminato parecchi MANTENUTI di quel tempo, ma non hanno RISOLTO NULLA sebbene separavano la testa dal corpo di quelli definiti di sangue blue. Se si accorgevano che era rosso sai che fine facevamo noi di sangue rosso per tutti gli appunti..?

    La sapete l’ultima sebbene non e’ ultima..?

    SONO RITORNATI..!

    Non risorti come il GIUSTO, ma tornati come il figliuol prodigo.

    Adesso festeggiano tutti i santi di’.
    Va ben, diciamo che commemorano…

    Hanno e stanno, invece, creato e creando TANTA CONFUSIONE e in italia in particolare e in altri stati. Sembra che a governarla (l’italia) sia davvero una regina che e’ di nome CONFUSIONE.

    Tuttavia pare che il GREGGE ne sia anche molto contento e ne vada fiero de sti pastori del menga… che chi ce l’ha in tel posto se lo tenga.

    Le comiche continuano…

    Bacio le mani…

  2. Walter Zanier says:

    L’unica colpa dei parlamentari, di tutti i parlamentari, è che sono degli incapaci. Non sono in grado di tutelare gli interessi dello stato (cittadini) in quanto succubi e in balia dei burocrati di ogni risma e grado i quali pensano solo loro tornaconto economico.
    Per Lutero roma era una cloaca….continua a essere una cloaca e l’unico rimedio e fare come lui, una riforma…piccolo è bello.

  3. luigi bandiera says:

    Non sono ancora stato smentito nelle mie varie esternazioni.

    Scrivevo: da sempre capitribu’ e stregoni hanno governato il popolo.

    Piramide grande..? Uguale a FARAONE GRANDE… come il conto in banka, estera o local non c’entra.
    Si puo’ anche dire: impresa grande uguale imprenditore grande…
    E ma anche grande lo stato uguale a statista grande.
    Denominatore comune e’ il GRANDE… paga, pensione e ecc…!

    Chi lo paga..???

    Dz sempre il palazzo poggia verso il BASSO per cui i BASSI, o anche detti POVERI sosterranno i PALAZZI dei RICCHI..!

    Quindi..??

    Avremmo conottieri POVERI AL SERVIZIO DEI POVERI..??

    Davvero credete a ste kazzate..?
    Credete ai SOGNI..?

    A questo punto, vi ho senzaltro nauseato data la mia ennesima ripetizione e ma continuo con la prossima affermazione (DAI FATTI LI RICONOSCERETE) quale:

    Negli stati (nostri padroni come lo erano un di’ passato i FARAONI) ci sono DUE categorie:
    1) dei VERSANTI
    2) dei FIGURANTI IL VERSAMENTO.

    Se i versanti sono sempre meno a breve avremmo la CATASTROFE.

    Ascoltando i media televisivi, gestiti da esimii laureati in non si sa bene cosa, sembra che tutto sia lecito e che basti dei semplici rittocchi nei conti della cassa statale.

    In passato il rimedio era AUMENTO TASSE.

    Oggi pare l’esatto contrario: diminuzione tasse.

    Ma se non diminuiranno i FIGURANTI che percepiscono molto di piu’, sia in paga che in pensione, dei VERSANTI un toin sopra l’altro e che solo loro RIEMPIONO LE CASSE DELLO STATO, non si avra’ GIUSTIZIA SOCIALE..!
    Men che meno il risanamento dello stato touut court e delle sue KASSE..!

    POVERI NOI… basta far parlare sapiens ignoranti o truffaldini…

    AUGURI..

Leave a Comment