I 5Stelle freddano l’invito di Salvini: non saremo in piazza con te

di CASSANDRAgrillo 5 stelle

“L’invito di Salvini al M5s di unirsi alla Lega nord per far cadere il governo Renzi con, udite udite, lo sciopero del fumo e del gioco, rende giustizia dell’idea che il segretario del Carroccio ha per il futuro: scommettere sul fallimento del paese”. Cosi’ il M5s Luigi Di Maio che definisce la serrata della Lega un’ “armata Brancaleone”.

 

Salvini aveva aperto la mano proponendo ai 5 Stelle di unirsi alla Lega nella protesta annunciata di tre giorni contro il governo Renzi.

“Chiamiamo tutti quelli che sono stufi di questo governo a protestare nelle forme che decideremo. L’obiettivo è far cadere Renzi. Faremo presidi davanti alle prefetture, alle banche, alle Agenzie delle entrate. Inviteremo a non acquistare i prodotti che finanziano lo Stato, le Cinque Giornate di Milano iniziarono cosi’, con lo sciopero del fumo e del gioco. Lavoratori, artigiani, allevatori, agricoltori, tassisti, partite Iva, trasportatori, poliziotti, nessuno escluso. Sarà una serrata, più che uno sciopero. Insieme ai nostri sindaci e presidenti della Regione stiamo studiando anche il modo di rimandare il pagamento delle tasse”.

Intervistato da repubblica e Tempo, il leader della Lega Matteo Salvini rilancia la tre giorni di “blocco totale” e lancia un appello a Beppe Grillo: “Porta i grillini in piazza con noi”. “Vorrei che fosse tutto il centrodestra a partecipare e a organizzare: Forza Italia, Fratelli d’Italia e così via. Posso anticipare che finiremo con una grande manifestazione”, dice Salvini. ‘

‘Non penso di coinvolgere solo il centrodestra ma tutti quelli che almeno a parole dicono di essere contro Renzi. I sindacati, ad esempio. E vorrei con noi anche i grillini”.

Print Friendly

Articoli Recenti

Lascia un Commento