ADDIO A GUIDO FANTI, INVENTORE DELLA “LEGA DEL PO”

di REDAZIONE

È morto a 85 anni Guido Fanti, esponente di primo piano del Partito Comunista, per cui era stato sindaco di Bologna, presidente della Regione Emila Romagna, deputato, senatore, europarlamentare e vicepresidente del Parlamento europeo.  Fanti è stato un personaggio importante soprattutto per la cultura autonomista in ragione del suo coraggioso tentativo di creare una unione sovraregionale padana nel lontano 1975: una iniziativa che  gli era costata la carriera e che lo aveva escluso – al di là dei formali riconoscimenti successivi – dal reale potere sia nel partito che nelle istituzioni.

A ricordo di Fanti, sfortunato padanista di sinistra, pubblichiamo alcune pagine che lo ricordano, tratte dal  libro La questione settentrionale di Gilberto Oneto (Editoriale Libero, 2008).

Ci sembra il modo più serio di celebrarne la memoria, in mezzo alla vergognosa sbrodolata di retorica e di ipocrisia che in questi giorni stanno riversando sinistri di ogni sfumatura: nessuno di loro – neppure il distratto Prodi – ricorda il coraggioso e sfortunato tentativo autonomista di Fanti e non serve cercarne troppo le ragioni.

La Lega del Po

Nel 1970 viene approvata la legge per l’istituzione delle Regioni a statuto ordinario con l’opposizione dei nazionalisti, che gridano all’attentato all’unità della patria, e con più di venti anni di ritardo, visto che l’attuazione del dettato costituzionale avrebbe dovuto avvenire entro il 31 dicembre 1948. Finalmente le strutture regionali si organizzano e nella primavera nel 1975 vengono eletti i Consigli regionali: sembra che – pur con più di un secolo di ritardo e in termini piuttosto blandi – si possa finalmente costruire quel decentramento che era negli auspici dei più accorti patrioti risorgimentali.

Il 6 novembre del 1975 su La Stampa compare un articolo di Francesco Santini dal titolo “Ma nascerà davvero la super regione della Padania? Fanti spiega la sua proposta per una grande Lega del Po”. È una intervista esplosiva al comunista Guido Fanti, primo presidente della Regione Emilia Romagna, che  descrive il suo progetto di aggregazione delle cinque regioni ordinarie della Valle padana, per coordinare e rendere più efficienti alcune funzioni e servizi che superano la dimensione regionale, ma in realtà anche per dare più forza al Nord nel confronto con lo Stato centrale e per rimediare ad alcuni degli squilibri con il Sud nella gestione e distribuzione complessiva delle risorse. La Padania di Fanti viene concepita  come modello geopolitico funzionale, di organizzazione di interessi socio-economici rispetto a un centro politico governato dalla Dc, in coerenza con l’idea pluralista di Europa delle regioni tratteggiata in quegli anni da Denis de Rougemont.

Vale la pena di riportare alcuni dei passi più significativi dell’articolo.

Alla vigilia dell’incontro Governo-Regioni fissato a Roma per metà novembre, Guido Fanti Presidente della Giunta dell’Emilia Romagna, rilancia con il tema Padania il ruolo dell’area del Po e giudica improcrastinabile un accordo tra Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto ed Emilia per superare la crisi che ha colpito il Paese.

C’è sul tavolo del governo Moro il piano di intervento a medio termine e Guido Fanti propone la partecipazione delle Regioni al dialogo per il rilancio economico.

Chiede perciò che al discorso con i Sindacati, il Governo affianchi in parallelo quello con le Regioni impegnate in queste settimane ad attuare i decreti anticongiunturali e a preparare i bilanci del prossimo anno.

“E’ un’occasione che il Paese non può perdere – dice – un appuntamento al quale gli Enti locali, proprio per le funzioni loro attribuite, non possono mancare”.

Inserisce su questo punto il progetto di un accordo tra le cinque Regioni dell’area del Po e subito aggiunge che la proposta non nasconde l’insidia di scaricare una nuova forza sul governo centrale: vuole al contrario, “convogliare l’apporto coordinato di un’area geografica che ha in comune un groviglio di problemi irrisolti, di scelte non fatte”.

“Nessuno vuole indebolire il governo Moro – dice – anzi la nostra è una proposta di sostegno” e liquida i timori di una aggregazione tra Regioni forti, fatalmente contrapposte ad un Mezzogiorno debole, chiarendo: “Nel Centro-Nord la crisi economica non si è tradotta come al Sud, in crisi sociale: quindi in un discorso ampio di programmazione, la strategia di intervento non si deve risolvere sulla testa del Meridione d’Italia, anzi le cinque Regioni del Po sono chiamate a incidere come fattore di equilibrio”.

(..) Il Presidente della Giunta emiliana, individua nel superamento delle vecchie strutture dello Stato centralistico e nella rapida attuazione del nuovo Stato decentrato, “la via d’uscita per il Paese”.

“Le Regioni – dice Fanti – rifiutandosi di chiudersi in se stesse, sono chiamate a svolgere il ruolo di protagoniste della politica nazionale e il consolidarsi dei rapporti permanenti, nell’area padana, rappresenta un contributo decisivo”.

Le singole realtà regionali sono per Fanti limitate e i grandi temi, da quello dell’industrializzazione e dell’occupazione a quello degli investimenti “si estendono su aree geografiche ben più vaste; le risorse potenziali del Po sono disperse e inutilizzate, la crisi dell’agricoltura investe pesantemente anche le zone padane tradizionalmente più avanzate. Il patrimonio zootecnico si depaupera di giorno in giorno mentre il più grande fiume italiano è oggi una minaccia naturale, non una fonte di ricchezza”.

Il progetto di aggregazione per le Regioni della Valle Padana è in formazione e si annunciano i primi contatti tra i Presidenti delle Giunte regionali. Fanti individua i punti al primo posto e le Regioni padane, nel tentativo di collaborare debbono tenere presenti essenzialmente, con gli sbocchi professionali dei giovani, il lavoro nelle campagne.

(..) Dall’agricoltura passa all’industria: “C’è da tener conto della domanda sociale, ma è necessario individuare tutti insieme, gli sbocchi sui mercati interni e su quelli esteri, ecco la necessità del confronto fra le Regioni del Po. Non si può ignorare la politica delle localizzazioni industriali, per uno sviluppo equilibrato del territorio”.

(..) Questa della Padania, è per Fanti una proposta essenzialmente politica. Ne ha parlato a Bruxelles, la settimana scorsa in sede CEE con il Presidente Ortoli e dice: “E’ inutile andare a Bruxelles a chiedere soldi per le Regioni quando non ci sono: la nostra proposta è stata diversa: chiediamo piuttosto che siano le Regioni e non la Cassa per il Mezzogiorno a gestire i fondi riservati in sede comunitaria, alle aree depresse del nostro Paese”.

Fanti è uomo di sinistra che ha evidentemente ben presenti le posizioni di Turati e di Grieco, è stato partigiano ed ha respirato a fondo il Vento del Nord; prima di disertare era stato anche ufficiale della Rsi e non si può non pensare che qualcosa di quella esperienza sia rimasto nell’idea stessa di raccogliersi a difesa attorno alla valle del Po.

Il disegno fantiano è supportato da una serie di studi di dettaglio redatti da un gruppo di esperti, fra i quali spicca  il giovane ricercatore Romano Prodi.

Il suo progetto per la nascita della Padania trova scarso favore; con l’eccezione del presidente della Liguria, tutto il mondo istituzionale manifesta  forte opposizione: partono subito il coro dei patrioti e l’ostensione delle icone tricolori. Il repubblicano Francesco Compagna stigmatizza – con poca originalità –  i pericoli per l’unità, vedendo nel “mito della Padania” la “premessa, se non di una scissione dell’Italia, certo di una erosione della sua unità”,  oltre al pericolo che “si potesse innestare il separatismo del Nord, armato di interessi ben più consistenti di quelli che operavano nell’arcaico retroterra del separatismo siciliano”.

Negli stessi giorni, la Montedison organizza un convegno sul tema per discutere “la proposta, di particolare rilevanza sotto il profilo politico-istituzionale, di dar vita ad una forma di coordinamento tra le regioni padane”. É ancora Compagna che si incarica di  contrastare l’iniziativa, attribuendo alla Montedison di Cefis (e a Miglio, che ne è il consigliere) l’intenzione di sganciarsi dal Sud. Gli argomenti che utilizza sono i soliti del piagnisteo meridionalista.

Ma sono anche gli stessi comunisti che osteggiano Fanti. Togliatti era infatti stato fin troppo chiaro quando in un discorso in preparazione dell’Assemblea costituente pubblicato su L’Unità del 30 dicembre 1945, aveva scritto: “Noi non siamo federalisti, noi siamo contro il federalismo, noi riteniamo che lo Stato italiano deve essere organizzato come uno stato unitario (..). Uno Stato federalistico sarebbe una Italia nella quale risorgerebbero tutti gli egoismi e particolarismi locali ostacolando la soluzione di tutti i problemi nazionali nell’interesse di tutta la collettività. Una Italia federalistica su base regionale sarebbe un’Italia nella quale in ogni regione finirebbero per trionfare delle forme di vita economica e politica arretrate, vecchi gruppi reazionari”.

Su questa iniziativa Fanti si gioca la sua carriera politica. E perde.

Fra i pochissimi che comprendono la portata del progetto e che lo difendono c’è Gianfranco Miglio, che, con un articolo su Il Corriere della Sera del 28 dicembre 1975,  ripropone il tema delle  tre Italie: “Considerata la pietosa esperienza dello Stato “nazionale-unitario” (..) l’unica esperienza alternativa da tentare è quella costituita dalla consapevole integrazione tra grandi aggregazioni geo-economicamente omogenee: il Nord, il Centro, il Sud (più le due isole autonome)”.

Sia Fanti che Miglio hanno perfettamente compreso che le Regioni nascono vecchie e che devono essere superate da aggregazioni con ben diversa valenza socio-economica e identitaria: così come sono concepite, esse infatti  riproducono tutti i mali dello Stato centrale, e rischiano di diventare  la parte più conservatrice del vecchio e corrotto apparato unitario, e – per queste ragioni – di trovare nell’opinione pubblica o l’indifferenza o un giudizio francamente spregiativo.

Fanti torna sull’argomento più di 20 anni dopo in occasione della marcia leghista sul Po, in una intervista a Il Giornale. Vi si legge: “Allora Romano Prodi era un giovane economista (..) pieno di voglia di fare, di lavorare alla creazione di questa macroregione. Io lo stimavo molto e così gli ho affidato un incarico delicato che lui ha egregiamente portato avanti.

- Quale esattamente?

Di presidente del Comitato scientifico per la politica di programmazione economica della giunta dell’Emilia Romagna.

- E che ruolo aveva questo organismo?

Studiare la fattibilità di una sorta di aggregazione regionale ampia che comprendesse tutte le regioni che si affacciavano sul Po.

- E come volevate chiamarla questa aggregazione?

Beh, il termine appunto era Padania, oppure Lega del Po: rendeva bene.

- Che regioni dovevano confluire a quel progetto?

Quelle più forti: Lombardia, Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Liguria.

- Quando è nata l’idea di Padania?

Subito dopo la creazione delle Regioni, istituite nel ’70. In quel periodo c’era molto fermento sul ruolo di questi enti locali. La legge consentiva poca libertà d’azione soprattutto nelle aree strategiche. Così il nostro comitato scientifico aveva studiato una ricetta che garantiva un maggiore decentramento e più potere alle Regioni nel campo della programmazione economica.

- Dunque Prodi era favorevole all’idea di un decentramento forte, forse anche a una creazione di un nucleo politico diverso da quello nazionale?

Io, Prodi e gli altri esperti che avevo chiamato a far parte di questo comitato, eravamo in perfetto accordo sulle cose da proporre. Noi volevamo creare un soggetto regionale ampio molto forte, con dei poteri di gestione su materie strategiche, l’economia, le infrastrutture. Ma a Roma non ce l’hanno permesso. Ci hanno bloccato tutto.

- Chi vi ha bloccato tutto?

Il partito a cui appartenevo. Il Pci in testa. Ricordo un attacco violentissimo fatto da Gerardo Chiaromonte sull’Unità. Diceva che la nostra proposta politica era antimeridionalista, razzista, invece non era affatto così. Non avevano capito nulla o forse volevano nascondersi dietro quel falso problema per non perdere il potere decisionale sulle cose che contavano.

- E Prodi cosa pensava delle critiche che piovevano addosso alla sua proposta?

Sono passati troppi anni, non ricordo le parole precise, ma Romano diceva che sbagliavano, che non capivano, la pensava esattamente come me, era dalla mia parte. Del resto lui stesso aveva confermato scientificamente la validità di un progetto di decentramento spinto in cui il gruppo delle regioni all’avanguardia rivendicavano un ruolo strategico nella politica di programmazione nazionale e internazionale.

- Una sorta di piccolo stato autonomo?

Non era un problema di nazionalismo. Noi volevamo più poteri per evitare che Roma bloccasse iniziative importanti per le regioni del Nord. E da Roma ci hanno bloccato.

- Hanno avuto paura, secondo lei?

Certamente. Tutta la partitocrazia ha avuto paura di perdere consenso e potere. Cinque regioni ricche messe insieme costituivano una mina vagante per il potere centralista. La Padania avrebbe potuto avere una forza contrattuale fortissima e un peso politico nella politica economica enorme. Così hanno subito affossato l’idea politica di cui io rivendico la paternità ed è finito tutto sotto silenzio. Peccato”.

Print Friendly

Articoli Collegati

4 Commenti

  1. etnaus says:

    mi spiace però che lui ed altri, vedi Cacciari, non abbiano ma abbandonato Pci e Psi per costruire un movimento autobnomista di sinistra. Hanno tutti preferito rimanere nei partiti marxisti o nelle loro varianti ammosciate tipo Pd o Sel. La sinistra italiana mi sembra irriformabile.

  2. Alberto says:

    Molto bello l’articolo/intervista di Fanti. Non è detto che in futuro la paternità verrà scritta nero su bianco con il nome di Guido Fanti.

  3. fabio ghidotti says:

    addio, compagno Fanti. Uno dei pochi autentici in questa terra che di politica capisce poco e fa ancora meno.
    Dobbiamo anche alla tua lungimiranza se oggi abbiamo, grazie alla piccola sinistra autentica cui appartenevi, qualche punto di appoggio anche costituzionale da cui partire.

  4. Antonio Baldini says:

    Addio a Fanti, alla sua intelligenza e alla sua lungimiranza, stoppata già a suo tempo dalla mentalità togliattiana (stalinista), diffusa e interessata nei papaveri di quel partito, che ha largamente contribuito a creare l’attuale melma maleodorante di questo paese, ormai impresentabile nel mondo. Miglio stimava Fanti perchè quest’ultimo aveva capito la natura dei problemi e ne aveva indicato iniziali, possibili soluzioni. Entrambi contribuirono, molto prima che arrivasse la Lega, all’idea di Padania, a riprova del fatto che la soluzione andava molto al di là delle ideologie e che aveva un carattere di competenza tecnico-scientifica. Con buona pace delle baggianate che abbiamo sentito ripeterci negli ultimi quindici anni, funzionali a un ceto politico di sfruttatori.

    AB

Lascia un Commento