EMERGENZA NEVE: MA LA GUARDIA NAZIONALE PADANA DOV’E’?

di TONTOLO

In questi giorni di grande neve e non parlo di quella romana, che ancora tutto il mondo ride, ma dei metri scesi tra l’Emilia Romagna e le Marche, ho sentito parlare di molti volontari che hanno raggiunto quelle zone flagellate per dare una mano a raggiungere interi paesi isolati. Ad esempio stamattina ho letto che gli alpini bergamaschi sono scesi a Cesena a spalare. E allora mi son detto: ma una volta non c’era anche la Protezione civile della Guardia Nazionale Padana e chissà se i suoi volontari si sono mossi a dare una mano alle popolazioni padane in difficoltà? Così, anche se son Tontolo, mi son messo a navigare in Rete per cercare qualche traccia dell’esercito volontario verde in spedizione magari nel Montefeltro. Macché non ho trovato nulla. In compenso ho rivisto il bel video dell’inaugurazione, avvenuta il 13 marzo 2011, della sede della GNP-Protezione Civile in quel di Crosio della Valle, in provincia di Varese, con tanto di mezzi fiammanti e di simbolo della Regione Lombardia. Il video lo potete vedere qui sotto.

Ho pensato di essere un poco tontolon e di aver cercato male in internet, così faccio un appello ai prodi volontari della Guardia Nazionale Padana – Protezione Civile: fateci sapere dove state spalando la neve facendo colare puro sudore padano. Basta poco, con un telefonino di quelli moderni potete mandare un messaggio sotto questo articoletto. E così tutto il mondo saprà che il vostro sedere non è assiso al caldo, ma in movimento nella neve fresca!

Saluti padani!

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

16 Comments

  1. zenzero says:

    Ho letto sul libro di Leonardo Facco della fedina penale del generale Pollini, da rabbrividire.

  2. luigi bandiera says:

    Caro Tontolo,

    la guardia nazionale padana non serve a spalar neve…

    Ah un ruolo fittizio, come il sindacato…

    Serve a far vedere che qualcosa si muove…

    Lo scrivo da tanto, troppo tempo: noi padani SEGNAMO IL PASSO..!!!!!!!!!!!!

    Ma poi, leggendo i trattati e ecc. come scrissi in altro post, piu’ di la non vai.

    O ti imponi con la forza o segni il passo o sei SEGATO..!!

    Se i trattati internazionali fossero in difesa dei diritti dei popoli, GLI OTTO SERENISSIMI NON SAREBBERO FINITI MAI IN GALERA. VIGLIACCAMENTE MESSI IN GALERA…

    MA A CHI RIVOLGERSI, come ho scritto in altro post, PER AVERE GIUSTIZIA in questo mondo STRACOLMO DI BRIGANTI, RAPINATORI e MANTENUTI..??

    Questi vivono sulle spalle dei soliti noti a dimostrazione che la mia e’ super vera: il palazzo poggia da sempre verso il baso..!

    Vero architetto..??

    Ma se non prendiamo COSCIENZA, perche’ lavati e risciacquati dalla KST, i nostri disk sono INUTILI. Solo esercizio didattico.

    A presto e, MAI UN RE SI FARA’ UNA LEGGE CONTRO..!

    Amen

    Scusate ma meglio riportare il significato:

    K = Kantina (dove ti ubriakano col trikoglions)

    S = Sociale (raduna tutti i giovani da lavorare in testa)

    T = Talibana

    Talibana = i Tali della repubblica della BANANE.

    Insomma = a scuola itagliana o KOMUNISTA.

    E non scherzo.

  3. Luke says:

    Stanno aiutando Alemanno con l’ultimo centimetro di neve a Roma….scherzi a parte ma non è al quanto pietoso e ridicolo continuare a creare concorsi padani, guardie nazionali padane quando la Padania manco esiste.
    Posso capire l’essere fiero di appartenere ad una zona piuttosto che un altra ma inventarsi cose del genere è da malati mentali ed infatti il vostro leader è Bossi, va be contenti voi…

  4. clyde says:

    caro tontolo e tu dove sei andato a spalare la neve, con la lingua possente che ti ritrovi? certo che ve ne deve fare di paura la lega, se la tirate in ballo anche e proprio quando gli eventi dimostrano che ha ragione da vendere!

    • gianluca says:

      Peccato che la sua ragione da vendere la Lega spesso l’ha buttata nel cesso e molti ci sono finiti insieme alla ragione!
      Tontolo

    • wanda51 says:

      Paura…a chi fa paura la Lega cara compagna di bonny…sei scompagnata come la tua affermazione. I ‘ragazzi’ e non che leggono e scrivono i loro pareri sull’indipendenza non hanno certo paura e nemmeno peli sulla lingua. Il problema è che la Lega doveva fare, e forse per un periodo davvero ha fatto, paura al potere, al centralismo, al marcio. Poi si è adeguata e adagiata. E non fa piùà paura a nessuno. Questa è la verità. Ora è sola una cosa malata e destinata a finire. Con il suo buono (poco) e il suo tanto cattivo.

    • Claudio says:

      No clyde, la lega non fa paura, forse e ripeto forse, ci si può preoccupare per tutti quegli onesti militanti che ancora ci credono e che con il loro voto, senza aver niente in cambio, permettono ai loro capoccioni di continuare a promettere senza mantenere.

  5. Peter Corrin says:

    guardia nazionale padana????? ahahaha che coglionata stratosferica…se volete la padania andate nel sahara li c’è tutto lo spazio disponibile per farla, negrun :P:P:P

  6. camuno says:

    Emergenza neve? dove? dove la si trova? chiamate subito Caparini!!!!!!!!!!

  7. enrichetto says:

    Si comunica che la guardia nazionale padana opera ogni giorno, escluso sabato-domenica, festivi infraasettimanali, luglio agosto settembre, feste di pasqua e natale, dalle ore 11.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 17.15, previo appuntamento di almeno una settimana di anticipo e in condizioni agevoli. Grazie.

    • Guardia Nazionale Padana says:

      I nostri orari d’apertura sono i seguenti dal lunedì al sabato:
      – pausa mattutina 8:30 – 12:30
      – pausa pomeridiana 13:30- 18:30
      Avviso: per piacere, non distrurbare tra le pause.

  8. valerio says:

    Tranquilli, adesso appena sgela e fa meno freddo arriviamo!

  9. max says:

    Il popolo dovrebbe mangiargli il cuore a questi cialtroni!

  10. bironti says:

    Semo qui a Catania, perchè quel mona de Carcano ha sbagliato strada. Ma ades viene Salvini con Iezzi e le motoslitte del socorso alpino de Sondrio e vien anca el Sartori presidente de Sondrio che è forte, cussi rientriamo e demo una man. Perchè sull’Etna abiam liberato dal giazzo el povero Zaia che l’era impilà. col Calderoli a magnar pistacchi!

Leave a Comment