Guadagnini: accordo con Grande Nord per attuare articolo 2 Statuto Veneto, cioè autogoverno

guadagnini

“Ho il piacere di comunicare l’accordo raggiunto tra il ‘Partito dei Veneti’ e la confederazione ‘Grande Nord’ per aggregare in un’unica famiglia i principali movimenti autonomisti e indipendentisti veneti, con l’obiettivo di arrivare all’autogoverno del Veneto, ovvero a un partito territoriale, sul modello del Svp nella Provincia Autonoma di Bolzano, che si presenti solo in Veneto e che risponda esclusivamente agli interessi dei cittadini veneti”. Lo ha annunciato il consigliere regionale di Siamo Veneto,
Antonio Guadagnini.
“Vogliamo dare applicazione – ha aggiunto Guadagnini – all’articolo 2 dello Statuto del Veneto, che parla di
‘autogoverno del popolo veneto’ e dare vita a un partito territoriale, popolare, con l’obiettivo di assicurare l’autonomia finanziaria nell’ambito della cornice costituzionale. Tutto questo vuole essere ‘Il Partito dei
Veneti’ che si presentera’ per la prima volta alle Elezioni Regionali 2020 per fare unicamente gli interessi dei propri cittadini, senza subire condizionamenti esterni”, ha concluso.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

4 Comments

  1. giancarlo says:

    Nel frattempo, visto che nemmeno un referendum serve a qualcosa qui in Italia, sarà bene che il PARTITO DEI VENETI si cimenti seriamente sulla ricerca di dirigenti e di candidati all’altezza dei compiti al fine di essere pronti a prendere in mano le redini del VENETO allor quando l’Italia dovesse cadere nel DEFAULT.
    E’ un’ipotesi, quella del DEFAULT, che anche se oggi sembra lontana è sempre lì pronta a concretizzarsi.
    Senza una patrimoniale piuttosto allegra sulle grandi ricchezze ed una guerra feroce all’evasione fiscale, specie alle grandi evasioni questo paese è destinato al DEFAULT.
    WSM

  2. giancarlo RODEGHER says:

    Mi fa piacere tutto e che sia stato menzionato il Sued Tirol / Alto Adige.
    E’ un’argomentazione validissima che possono capire tutti i Veneti e serve a tenere buoni coloro che vorrebbero anch’essi passare ai fatti e non più alle parole o all’agire democraticamente.
    D’altronde è difficile agire democraticamente in un paese in cui la democrazia è diventata un optional e non una regola. I colpi di Stato a cui abbiamo assistito negli ultimi 15 anni mandando al governo gente non scelta o eletta dal Popolo la dice lunga in quale paese ci troviamo.
    Mattarella ha scelto la via più facile e cioè quella di assecondare le forze politiche e non la volontà del Popolo.
    Se questo governo non rispecchia il sentire comune della gente non doveva essere concretizzato.
    Mattarella deve ogni giorno sperare che non succeda niente perché se dovesse saltare per un motivo o un altro il responsabile è e sarà solo lui !!!!!!!!
    Vi è poi il fatto che anche l’autonomia non la si vuole concedere….od ottenere?!!?
    Come si vede la costituzione è un totem intoccabile e se si cambia qualcosa deve essere qualcosa che fa comodo ai partiti e non certo al Popolo…Bue.
    Come si faccia a non capire che questa costituzione permette di mandare al governo partiti che hanno perso le elezioni è cosa veramente inconcepibile dal mio punto di vista.
    Se un governo cade si va al voto , punto !!!!!!!!!!!!
    Ma qui da noi il potere del Popolo non vale, ci si affida ai soloni, ai boiardi di stato, alla mafia, ai burocrati e agli interessi personali prima ancora che istituzionali. Che qualcuno contesti se pensa di poterlo fare che mi interesserebbe per poterlo sbugiardare visto che di esempi ne abbiamo una lista interminabile.
    Poi, quello che non sopporto e di certi costituzionalisti che pur di non concedere nulla alla volontà del Popolo si arrampicano sugli specchi e si inventano mille cavilli talvolta inesistenti o poco supportabili.
    Insomma una somma di somme di proclami e di slogan per non fare nulla o se si fa qualcosa la si fa male, malissimo. WSM

  3. caterina says:

    non ci credo neanche un po’ che Roma lasci fare ciò che non le conviene…e noi dovremmo averlo capito, salvo che non si faccia finta per tirare a campà…come si dice altrove!
    Veneto Indipendente è l’obiettivo da perseguire e non va chiesto a nessuno ma realizzato…se ne siamo capaci!… E’ chiaro che non scappiamo da nessuna parte e perciò accordi si faranno per una pacifica convivenza!

  4. Paolo says:

    Grande Nord = Lombardia.
    Co i lumbard ze meio no far nesun acordo. ghemo za visto come ze andàa finir coi leghisti.

Leave a Comment