Grillo torna in Tv: domenica sarà su Sky Tg24 e su Cielo (in chiaro)

di REDAZIONE

Beppe Grillo interrompe il lungo digiuno televisivo. “Domenica 17 andrò in tv. Un’intervista di 30 minuti in diretta dal camper su Sky Tg24 alle 20.30 E su Cielo, in chiaro, alle 21”, annuncia su Twitter il leader del Movimento Cinque Stelle, dando seguito a quanto aveva anticipato nei giorni scorsi.

Dopo aver a lungo criticato i principali programmi televisivi, è la prima volta che Grillo accetta di essere ospite di una trasmissione. La presenza di amministratori del M5S ad alcuni talk show è stata anche occasione di feroci polemiche e di una “crisi” interna al movimento, con l’espulsione di alcuni esponenti emiliani molto popolari come il consigliere regionale Giovanni Favia e la consigliera comunale bolognese Federica Salsi. Oggi i due attaccano duramente: “Grillo in tv? Non è certo una novità. Ogni giorno, tutti i talk show lo trasmettono, a reti unificate e senza un contraddittorio, peggio di Berlusconi nella volontà di sottrarsi allo stesso”, afferma Favia. Salsi ironizza invece sul fatto che Grillo “va in tv ora che gli conviene“.

Anche da Pier Luigi Bersani arrivano parole dure al leader del M5S: “Beppe Grillo e Silvio Berlusconi sono uguali”, dice il segretario del Pd parlando ad un comizio ad Avellino: “Caro Grillo, tu nomini i deputati come fa Berlusconi. Li nomini”.

In attesa di tornare sul piccolo schermo, Grillo oggi si è concesso alla radio, affrontando in un colloquio con 105 e Radio Montecarlo i temi del difficile scenario che si aprirà all’indomani del voto. Paradossalmente l’ipotesi di un trionfo sembra suscitare nel leader del M5S qualche apprensione. “Non lo so, se dovesse succedere sto botto saremmo anche un po’ in difficoltà dovremmo organizzarci e scegliere le persone in fretta”, dice. “Qualche Scilipoti ce l’avremo anche noi – aggiunge – ce li stanno già portando via gli altri movimenti a cui siamo grati”. Grillo nega comunque la possibilità di alleanze con altri schieramenti. “Saremo l’ago della bilancia, non sono solo per niente – risponde – siamo milioni di persone, voi non avete capito con chi avete a che fare. “Come in Sicilia – assicura – Sono loro che seguiranno noi e noi seguiremo le nostre idee. Se c’è un partito che sarà per l’acqua pubblica noi saremo d’accordo, se proporranno gli inceneritori diremo no”.

Quanto al primo provvedimento che il Movimento porterà in Parlamento, il fondatore spiega che sarà “il reddito di cittadinanza per salvare le persone”. Poi, rispondendo alle perplessità di Bersani sui costi di questo impegno, Grillo attacca: “Dite a Gargamella che i soldi li prendiamo dallo scudo fiscale, da 3 miliardi per i loro manifesti, da 1 miliardo per l’editoria. I soldi li prendiamo da 98 miliardi di evasione fiscale delle concessionari statali per le slot machine. I soldi verranno fuori dal tetto di 4mila euro che metteremo alle pensioni d’oro. Ci sono 100 mila persone che ci costano 13 miliardi che prendono dai 10mila euro al 90mila euro. Recupereremo 7 mld e altri, 2,2 dalla Tav che non serve a nulla. Possiamo prenderne altri 600milioni dalla guerra in Afghanistan, tagliando poi gli F35 e due sommergibili. Possiamo partire dai tagli al Quirinale che ci costa 240 mln annui e poi da doppi e tripli incarichi, dai vitalizi e dalle auto blu. Non possiamo prendere soldi da scuola, sanità, handicappati, Imu e pensionati” conclude.

Il leader del M5S se la prende poi con Monti che “è stato messo lì dalla Merkel per contrastare il Movimento 5 Stelle, ma lo vedi che non è adatto: fa comunicazione ancora col cagnolino! Io invece voglio ridiscutere tutti i trattati: siamo già entrati nell’euro senza essere considerati, adesso voglio fare un piano B di sopravvivenza e voglio fare un referendum sull’euro”.

Sino a questo momento la campagna elettorale di Grillo si era concentrata, oltre che su internet, anche su un lungo tour con comizi in tutte le principali citta italiane. Il leader del M5S in occasione delle sue iniziative ha sempre riempito le piazze all’inverosimile, compresa l’ultima manifestazione di ieri sera a Bergamo dove ad ascoltarlo erano in 2.500. “Non siamo impressionati dalle piazze di Grillo – commenta il segretario del Pdl Angelino Alfano – perché lo stesso protagonista una volta si faceva pagare il biglietto per dire cose simili, quindi l’attrattiva è significativa. Va però detto che Grillo fa da paravento a tanti candidati dell’estrema sinistra e dei No Tav”.

FONTE ORIGINALE: www.repubblica.it

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

9 Comments

  1. mogol_gr says:

    Come torna con web e grillini è la Beppe tv 24.

  2. Roberto says:

    Vorrei dire al Sig.Massimo Vaj di continuare a votare per quelli della “casta” e di non rompere i “cocomeri” Per fortuna la gente si sta svegliando ed ha voglia di un vero rinnovamento. Fuori dal parlamento i parassiti che hanno dilapidato la nostra finanza, che hanno portato al baratro questo nostro bel paese. Per fortuna non tutti la pensano come il Sig. Vaj.
    Siete stati la rovina del nostro bel paese, dovreste solo vergognarvi.

  3. FrancescoMario says:

    Francesco Mario
    Non apprezzo particolarmen Grillo, ma ancor meno il suo exconsigliere regionale emiliano Giovanni Favia e la sua ex consigliera comunale bolognese Federica Salsi, e meno di tuitti Repubblica.

  4. Massimo vaj says:

    Ma che fine hanno fatto quelli che sono stati delusi da berlusconi? Sono passati dal vergognarsi di dire che lo votavano all’entusiasmo col quale oggi si prendono un’altra inculata con Grillo, del quale esaltano un’onestà che non hanno ancora avuto modo di verificare. Poveracci…

  5. Luca Senettin says:

    Rimango sempre un po’ perplesso quando in fondo ad un articolo leggo: “fonte: repubblica.it”.
    Come saprete benissimo, La Repubblica, è un giornale di partito, cioè del PD.

    Se il vostro intento era volutamente quello di “provocare” una reazione nei lettori, allora mi trovate d’accordo.
    Altrimenti, come fonte mi sembra, se non “sospetta”, almeno sicuramente “di parte”. Il che va benissimo, ascolto volentieri tutte le opinioni, e anche i contraddittori stimolano la mente… ma questo articolo di Reubblica punto solo a “spalar me5da” sul M5S, come questo giornaletto sta facendo da sempre, e con argomentazioni che personalmente trovo ridicole.

    Di solito leggo volentieri l’Indipendenza proprio per che non ci trovo dentro gli articolacci di Repubblica, tutto qui.

    • gianluca says:

      Una volta ogni tanto, molto di rado, ce li trova e non sarà questo a farle venire una malattia… per di più l’articolo continene una notizia, quella delle apparizioni di Grillo su Sky e Cielo, e a me basta questo

  6. sal says:

    Potete levare quel rosso in evidenza per sottolineare che Grillo va in tv perché è andato anche altre volte a sky al tg24.
    NON vi è piu’ evidenza che in questo momento della paura e dell’avversità che il “SISTEMA” di casta dei poteri sta dando prova di voler distriggere e screditare chi si oppone ad esso.. Questo sistema E’ vivo e fa di tutto per contrastare un movimento fatto di persone normali, di noi tutti, persone reali fatte di carne ed ossa . Ma allora loro chi sono? chi sono questa gente che scrive , chi difendono? Vi abbiamo scoperto GAME OVER!!!!!!

  7. Alberto says:

    Favia e Repubblica due termometri “Obiettivi”….Favia forse in tv tutti i giorni c’è lui…

  8. richard says:

    Piccolo dettaglio: Non è vero che “Grillo accetta di essere ospite di una trasmissione”: un giornalista Sky andrà a intervistarlo dentro il camper, in un territorio scelto da Grillo. C’è una bella differenza, checché ne dica lo Scilipoti-Favia.

Leave a Comment