Grillo: sono solo prove generali, con noi nessun inciucio

di REDAZIONE

“Sono dei falliti e lo sanno. La sinistra, Bersani, Berlusconi…sono li’ da 25 anni e hanno portato questo paese alla catastrofe” ma adesso “noi siamo il vero ostacolo” contro “inciuci e inciucetti”. Ne e’ convinto Beppe Grillo che nella giornata che ha segnato l’indiscussa vittoria del Movimento 5 stelle, commenta il risultato con un collegamento in streaming, come da sua tradizione ormai. “E’ stata una fantastica avventura di amore, affetto… Abbiamo risvegliato sguardi che erano spenti – commenta a caldo – hanno una carica questi giovani che ora vanno in Parlamento… Se ne accorgeranno. Entriamo in Parlamento e ci perfezioniamo. E non pensino di fare inciucetti, inciucini. Faremo tutto quello che abbiamo promesso in campagna elettorale: reddito di cittadinanza, nessuno deve rimanere indietro. Abbiamo iniziato a cambiare le parole”. Del resto, “erano solo le prove generali”. Scherza sulla sua stanchezza dopo il tour de force elettorale, parla del “plaid a scacchi, come si usavano una volta” che la moglie, racconta per celia, gli ha messo sulle ginocchia. Scherza sul brodino corroborante che finge di vedersi propinare, ma e’ serissimo quando spazza il campo dall’ipotesi di un governissimo Pd-Pdl: “Contro di noi non ce la possono fare, si mettano il cuore in pace. Potranno andare avanti 6 o 8 mesi a fare un disastro, ma noi li controlleremo”.

In ogni caso, incalza Grillo, “restituire il Paese a Berlusconi, per 6 mesi, non di piu’, e’ un crimine contro la galassia”. I grillini dove siederanno in Parlamento? “Aspettateci in Parlamento, sara’ un grandissimo piacere – ribadisce – chiedono ‘dove vi siederete?’ Spero dietro ognuno di voi, per controllarvi”. E qui lo scherzo riguarda i, metaforici, scappellotti per tenere d’occhio “the others”, ‘gli altri’ come identifica militanti e generali dei partiti tradizionali. La voce comunque e’ soddisfatta quanto stanca mentre, raccontando di trovarsi “sul lettino” con il fatidico plaid, spiega con stupore che giornalisti e troupe ‘assediano’ la sua casa. Lui rimane barricato all’interno e si concede solo attraverso la Rete. Voce stanca dopo le parole urlate di comizio in comizio nelle ultime settimane. I suoi a Roma, candidati, volontari, staff, lo ascoltano via tablet e festeggiano in pizzeria. Domani, nuovo appuntamento al comitato nell’hotel Saint John per aspettare i risultati delle elezioni regionali.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. elio says:

    gli illusi da grillo capiranno da subito di aver votato il nulla, penso che a grillo quel lettino e quel paid presto diventeranno la sua quotidianità

Leave a Comment