Grillo: Sel, Lega e Fdi sono zombie politici, non arrivano al 3%

di REDAZIONE

Beppe Grillo attacca Sel, Lega Nord e Fratelli di Italia: sono ”zombie politici che non arriverebbero al 3%” e garantiscono ”una opposizione di facciata in Parlamento” per impedire ”che il M5S, primo partito italiano, possa governare (almeno in queste elezioni, poi si vedra’)”. Lo scrive il leader cinque stelle sul suo blog in un post dal titolo ”L’elettore non conta nulla”.

In testa all’articolo un fotomontaggio della ‘celebre’ immagine della nascita del governo ‘Abc’ con Mario Monti: nella foto originale c’erano Alfano, Bersani e Casini ospiti del premier a Palazzo Chigi. Nel fotoritocco i loro volti sono sostituiti da quelli di Berlusconi, Vendola, la Russa e Maroni. ”L’elettore non conta nulla. I partiti si scelgono, nominandoli, i loro parlamentari. Si scelgono il Presidente della Repubblica, si scelgono perfino l’opposizione – scrive Grillo -Con la legge porcellum, che da quando entrata in vigore nel 2005 nessun governo ne’ di destra ne’ di sinistra ha voluto cancellare, i partiti fanno il gioco delle tre tavolette con l’elettore. Per evitare che Sel, Fratelli d’Italia e Lega scompaiano del tutto con percentuali sotto il minimo elettorale si fa la coalizione con loro. In questo modo si ottengono tre obbiettivi. Il primo e’ di tenere in vita degli zombie politici che non arriverebbero al 3%, il secondo e’ di garantirsi un’opposizione di facciata in Parlamento, il terzo e’ di impedire che il M5S, primo partito italiano, possa governare (almeno in queste elezioni, poi si vedra’)”.

Grillo pubblica poi i dati delle ultime elezioni. ”Il Pd (menoelle) ha il premio di maggioranza per la coalizione piu’ ampia, dopo di che la coalizione si divide sia nel Pd (menoelle) che nel Pdl e il premio di maggioranza di oltre 100 deputati rimane al Pd (menoelle) anche se si e’ separato da sel – scrive il leader del M5S – Il Pdl si e’ separato dalla Lega e da Fratelli d’Italia. Che senso ha prendere il premio maggioranza come coalizione se poi la coalizione non c’e’? Non vi sembra sovvertire il risultato democratico? Il premio di maggioranza in realta’ sarebbe stato per il M5S, che ha la maggioranza come singolo partito visto che le coalizioni non ci sono. Inoltre alcuni partiti non sarebbero stati in parlamento perche’ sotto il 5 per cento come singolo partito fuori dalla coalizione vedasi Sel, Lega e Fratelli d’Italia”, conclude.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

14 Comments

  1. caterina says:

    nessuno che chieda con forza in parlamento la riduzione a metà di tutti i mega stipendi pagati dallo stato… non si vergognano neppure i grillini di trovarsi sul conto c. uno stipendio mensile (per 12 giorni di presenza) che equivale al reddito annuale della metà della popolazione italiana…

  2. Teresa says:

    vero bello condivisibile, però per serietà va detto che il premio di maggioranza per le coalizioni io ogni sistema elettorale nel mondo è pensato per favorire le coalizioni elettorali e non può incidere sulle scelte dei partiti dopo le elezioni. è un metodo che in linea di massima funziona, perchè spinge i partiti a comportarsi in un certo modo, ma non può costringerli a farlo. come tutti i metodi non è perfetto.

    • caterina says:

      tuttavia penso che nuovi partiti o vecchi dovrebbero avere la stessa soglia di accesso alla rappresentanza che mi sembra sia del 4%… comunque la questione è sempre quella, la mancanza della democrazia diretta e l’enorme difficoltà di diminuire il numero dei contendenti che è inversamente proporzionale all’efficienza… il sistema così come organizzato oggi è funzionale solo a salvaguardare la casta con tutti i suoi privilegi in dispregio del bene del paese e della decenza…. fin che dura!

  3. Miki says:

    Esagerato Grillo: la Lega Maroniana non arriva al 2

  4. arcadico says:

    Che il sistema dei partiti (participio passato del verbo defungere) sia cotto, bollito, bruciato non è certo Grillo che lo ha certificato ma gli Italiani che non vanno più a votare e se ci vanno, ci vanno incattiviti!!

    Il vero dramma è che ‘tecnicamente’ questa elezione ha certificato che l’Italiano non si sente più rappresentato o rappresentato molto parzialmente!

    Non esiste più un partito in cui ‘credere’ fidelisticamente e idealisticamente per cui all’elettore non rimane che navigare a vista … in attesa di un soggetto … appena, appena … presentabile su cui riversare il proprio sfogo elettorale!!!

    Allora la platea di zombie potrebbe ulteriormente allargarsi con una sola variante rispetto al concetto di zombie … non esiste nessun sale che possa far loro riprendere coscienza!!

    Comunque sulla Lega concordo … tra diamanti, cerchi magici, yatch nel taschino i barbari sognanti mi sembrano più … ‘ciucci’ frastornati !
    E le prossime amministrative lo certificheranno!!!

    – 5 Settimane alla debaclé terracquea globale!!

  5. luca says:

    Il movimento 5 stelle lancia la prossima bolla immobilare:

    http://www.beppegrillo.it/2013/05/social_housing.html#commenti

  6. Giuseppe says:

    Ha fior di ragioni, mi sembra. E fior di torti, anche…

  7. Dan says:

    Grillo si preoccupi piuttosto di quello zombie che sta diventando il suo movimento.

    I suoi deputati regolarmente eletti non possono permettersi di emettere fiato altrimenti vengono epurati: va bene che ci sono delle regole ma sembra sotto sotto che non ci si fidi di quello che possono dire in tv quasi che gli scopi dei fondatori del movimento divergano in qualche modo da quelli dei rispettivi deputati e senatori.

    Non contento fa terra bruciata anche intorno a Becchi che è puro e semplice buon senso: forse vuole imitare la lega quando ha lapidato Miglio…

    La gente in generale l’ha votato perchè vuole vedere arrivare un cambiamento e lo vuole adesso ma proprio da sto camperista in erba, siamo passati dal grande tsunami, dal parlamento aperto come una lattina alle retromarce da roma.

    Adesso, dopo aver tirato un colpo al cerchio con becchi, vuole darne uno alla botte mostrando questo strano caso del premio di maggioranza ma di nuovo non mette in moto niente di concreto per far cambiare le cose, si accontenta proprio di fare il grillo parlante, il moralizzatore da tastiera con qualche infiltrato dentro le aule parlamentari.

    Mi chiedo se Grillo punta veramente a cambiare le cose o solo a fare concorrenza a dagospia.

  8. beo modeo says:

    Ci mancava nella politica italiana uno come Grillo,bravo a parlare,a fare predicozzi a tutti,ma quando si è trattato di spendere i suoi parlametari per formare un governo di veri comunisti-statalisti i suoi si è tirato indietro.
    Carissimo chi tocca muore a Roma,e il pirla della Liguria l’ha capito benissimo,e allora giù insulti contro le presunte finte opposizioni,che guarda caso sono tutti partiti che una volta andati al governo del paese non hanno mantenuto le promesse fatte,ed ora o sono ai minimi termini oppure sono completamente sparite vedi idv,udc,vai a governare e poi vedi come sparisci al volo con la decrescita felice.

    • Ferruccio says:

      Nessuno ha chiesto al Movimento 5 Stelle di governare…..

      Hanno chiesto i loro voti per far in modo che altri potessero farlo

  9. Ric-81 says:

    Mah, avrà cavalcato l’antipolitica, avrà per molte cose ragione, ma io trovo che grillo sia estremamente pericoloso, per l’italia ma soprattutto per il nord. Voi direte cosa potrà mai fare peggio dei politici della seconda repubblica?? non lo so sicuramente i vecchi non hanno lasciato un bel ricordo anzi hanno distrutto i conti, e hanno contribuito a una crisi globale ma soprattutto europea devastante. Ricordiamoci che al peggio non c’è limite, lui come persona per quello che dice per quello che vuole attuare non mi dispiacerebbe nemmeno, ma sono i personaggi intorno a lui(casaleggio,deputati e senatori) che mi fanno paura….a parte che il movimento cinque stelle si dichiara apolitico e dice che non deve più esistere ne destra ne sinistra, però sicuramente nella rappresentanza in parlmaneto non è proprio così, quelli che sono a roma hanno bene o male le stesse idee di una formazione politica come sel, anche se di voti ne ha presi tanti da ex pdl,pd, lega molto delusi dalle loro ex rappresentanze. Diciamo che gli ex leghisti pidiellini dalla ciurma in parlamento non sono per nulla rappresentati. Staremo a vedere ma per ora questo partito non promette nulla di buono.

  10. Raoul says:

    UN SUNTO CHE NON FA UNA PIEGA. ( NOI SUDDITI ELETTORI NON CONTIAMO VERAMENTE NULLA)

  11. Ferruccio says:

    Dobbiamo ammettere che quanto detto da Grillo è la SACROSANTA VERITA’

    • Dan says:

      Dal momento però che grillo non è Dio e quanto dice non è Verbo, quindi niente mar rosso diviso a comando, sarebbe ora di passare dalle parole ai fatti.
      La gente muore. La gente si suicida e presto imiterà Preiti.

      Qui sembra che tutti quanti stiano spingendo o per un ritorno al nazi fascismo o agli anni di piombo.

      E’ ora di finirla prima che le cose degenerino.

Leave a Comment