GRANDE SUD, ALLE AMMINISTRATIVE UNENDO LE FORZE

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Agli amici e patrioti, impegnati e responsabili dei vari gruppi e partiti meridionali, dal partito del sud alle tante confederazioni sud, da insorgenza ai comitati due sicilie, noi meridionali, alle varie unioni-leghe e quant’altro di realtà meridionali.

Vi informo che la direzione del grande sud (che vi allego) ha deciso di riaprire i contatti con tutti quelli che continuano a battersi contro questo Regime (FdP), attualmente fallimentare che vuol far pagare le loro incapacità, soprattutto alla nostra gente del sud. E’ disponibile ad incontrarsi con qualsiasi realtà per realizzare questi obiettivi:

Quella unità meridionale, che ancor oggi non riesce a nascere ;

La partecipazione alle prossime amministrative di liste unitarie, soprattutto nelle grandi città;

La istituzione di un parlamento per i popoli napoletani e siciliani che possa far rinascere il nostro Paese.

Ora, vogliate esprimervi, quanto prima, per aprire finalmente in questo Paese, una stagione Nuova e politicamente rivoluzionaria. “DOBBIAMO DARE AL SUD QUELLO CHE MERITA, DA BEN 150 ANNI”. Infine, il Grande Sud, ritiene importante e necessario intervenire ad un primo incontro, che si terrà nel tarantino e precisamente nella sede del comitato lavoro di GS, nel Comune di Lizzano il giorno 19 febbraio, utile a preparare le linee guida di questa operazione che noi chiameremo “rinascita meridionale”, dove, sia i presenti che gli assenti porteranno i loro contributi sui tre punti da realizzare urgentemente (entro e non oltre il 10 marzo).

Un abbraccio dal grande sud.

Pompilio Rizzello della direzione

ALLEGATO

Nella Direzione di Grande Sud, si è approfondita e valutata la proposta del patriota Pompilio. Dopo ampia discussione si è arrivati alla seguente considerazione “ l’attuale situazione, in Italia come in Europa, potrebbe cambiare o già si sta trasformando, in quanto il nostro paese occupato da 150 anni ne è testimone. Ora, la storia si ripete, anche e soprattutto nel 900, vi furono simili sconquassi, che abbiamo conosciuto nella prima e seconda guerra mondiale e forse qualcosa o qualcuno sta lavorando per una terza guerra.

L’obiettivo di liberazione deve restare impresso in ognuno di noi, ma deve lasciare il campo a questo nuovo evento. Continuare la lotta contro i falsi meridionali, i tanti collaborazionisti ?? Oppure avere un ‘attimo di tregua”? Decidere una grande rimpatriata tra coloro che ci stanno, disponibili nel discutere questa situazione e conseguentemente agire sul territorio. Appellarsi a tutti, nessuno escluso, ad essere uniti (buoni e cattivi), contro questa crisi globale, che chiaramente rafforza il regime, attualmente non più credibile e rappresentativo.

La Direzione, dopo queste considerazioni, ha concluso di attuare una decisione che deve avere (in tempi brevi) i seguenti risultati:

L’unità dei meridionali;

La presentazione alle amministrative di liste su tutte le città;

La formazione di un parlamento del sud o di un contenitore aperto a tutti, che serva a dare indicazioni autorevoli quotidiane.

Pertanto, con riferimento alla proposta di Pompilio, il Grande Sud sospende la campagna di sensibilizzazione contro gli antiunitari, per consentire in questo periodo “infausto” quella tregua necessaria, sia per incontrare tutti i responsabili (di gruppi-movimenti-partiti e comitati), attorno ad un tavolo, affinchè si arrivi a discutere l’unità-le liste-il parlamento, sia per realizzare, entro e non oltre il mese di aprile 2012, con qualsiasi mezzo, l’unità meridionale, la presentazione alle amministrative di liste su tutte le città , la formazione di un parlamento capace di rappresentare le nostre comunità oppure di un contenitore valido, aperto a tutti, per avere quella rappresentanza rispettata che ogni popolo merita.

All’unanimità si dà mandato a Peppe Quaranta di contattare tutti i patrioti dispersi per darli questa preziosa notizia. Il Grande Sud, si riunirà stasera,  24 febbraio, a Lizzano per conoscere le volontà di tutti i gruppi meridionali, indipendenti e non.

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

8 Comments

  1. silvano says:

    Dimenticavo…. non voglio trovarmi in mezzo a siciliani e calabresi, e campani……. dobbiamo farcela da soli.!

  2. silvano says:

    Alleanza con grande sud…. cosa centra con noi…. non mi fido di chi non conosco….alla larga.!!!!

  3. Brixiano says:

    Sinceramente non ho capito cosa vogliono fare. Creare un sud indipendente tramite secessione, così come noi vogliamo per le le nostre terre e nel caso sarebbero da appoggiare, o creare un federazione che rimanga comunque sotto la bandiera italiota? Cito dal testo, peraltro abbastanza farraginoso: “…sospendere la campagna di sensibilizzazione contro gli antiunitari..” Unità d’italia o unità delle regioni meridionali? Mah, attendo lumi. Grazie.

    • Marco says:

      Mi associo alla tua richiesta di chiarezza; oltre a quello che hai citato c’è anche la frase in maiuscolo (l’unica del lungo comunicato) “DOBBIAMO DARE AL SUD QUELLO CHE MERITA, DA BEN 150 ANNI” che mi sembra eloquente; si tratta di meridionalisti che vogliono ottenere nuove risorse per il sud e mi vien difficile pensare che fra loro vi sia una significativa parte di indipendentisti.

      Rivolgo anch’io una domanda ai meridionalisti che seguono questo sito: cosa ne pensate della proposta del presidente della Campania Caldoro?

      Inoltre ribadisco anch’io una delle tue domande: signore che ha mandato il comunicato, cosa intende / intendete per “…sospendere la campagna di sensibilizzazione contro gli antiunitari..”? Di cosa si tratta?

    • Marco says:

      Comunque sul quell’ “antiunitari” secondo me si riferiscono alla loro nazione, l’Ausonia, non all’Italia.

      • Brixiano says:

        Giusto, voglio anch’io pensare che non si riferiscano all’italia, sarebbe stato sciocco postare proprio qui il comunicato. Per quanto riguarda il dare al Sud quello che merita da 150 anni, oggi mi sento buono e spero si riferiscano al sacco del loro territorio, operato in modo scientifico e criminale dai Savoia per alimenare il loro carrozzone all’indomani dell’invasione. Ma va da sé che non verseremo neanche un centesimo in più di quello che abbiamo dato in questi anni tra cassa del mezzogiorno e altre amenità. Vadano a chiedere il conto ai politici che hanno eletto.

  4. Castiglione says:

    Il grande Sus? (Pertanto, con riferimento alla proposta di Pompilio, il Grande Sus sospende la campagna di ) ma siete sicuri, Sus? Proprio Sus?

Leave a Comment