Grana Padano: il prodotto Dop più consumato al mondo

di REDAZIONE

‘Grana Padano festeggia il Natale confermandosi il prodotto Dop piu’ consumato, oltre che in Italia, nel mondo. Un dato che, quest’anno, e’ supportato anche dal record di produzione di sempre: nel 2012, infatti, le forme hanno ampiamente superato la cifra dei 4 milioni e 700 mila pezzi”. Lo si legge in una nota del Consorzio.

”Gli ultimi e recentissimi dati Istat -spiega Stefano Berni, direttore generale del Consorzio Grana Padano- confermano anche che la tendenza dell’export nel 2012 e’ superiore del 7% e raggiungera’ 1.400.000 forme”. Un prodotto, il Grana Padano, che trasforma 2,4 milioni di tonnellate di latte proveniente rigorosamente della pianura padana e pari al 50% di quello prodotto in quest’area  (Lombardia, Veneto, Trentino, parte del Piemonte e provincia di Piacenza), ovvero oltre il 22% di tutto il latte italiano.

L’auspicio del Consorzio Grana Padano e’ che nel 2013, a livello comunitario, entrino in vigore nuove norme sull’etichettatura che impongano ai similari esteri, quasi tutti prodotti nell’est Europa, di indicare in etichetta la provenienza ”smettendola finalmente -dice Berni- di confondere i consumatori. Quello delle contraffazioni e delle scimmiottature -prosegue il direttore del Consorzio- rimane il problema piu’ rilevante da risolvere non solo per i produttori di DOP, ma anche per i cittadini che hanno diritto di essere informati e oggi non lo sono perche’ sui formaggi similari vige ancora la regola ‘dell’etichetta muta’, quella che non dice da dove proviene il prodotto copiato”.

Un prodotto, il Grana Padano, che trasforma 2,4 milioni di tonnellate di latte proveniente rigorosamente della pianura padana e pari al 50% di quello prodotto in quest’area (Lombardia, Veneto, Trentino, parte del Piemonte e provincia di Piacenza), ovvero oltre il 22% di tutto il latte italiano. L’auspicio del Consorzio Grana Padano e’ che nel 2013, a livello comunitario, entrino in vigore nuove norme sull’etichettatura che impongano ai similari esteri, quasi tutti prodotti nell’est Europa, di indicare in etichetta la provenienza “smettendola finalmente – dice Berni – di confondere i consumatori”.
“Quello delle contraffazioni e delle scimmiottature – prosegue  il direttore del Consorzio – rimane il problema piu’ rilevante da risolvere non solo per i produttori di DOP, ma anche per i cittadini che hanno diritto di essere informati e oggi non lo sono perche’ sui formaggi similari vige ancora la regola ‘dell’etichetta muta’, quella che non dice da dove proviene il prodotto copiato”.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

5 Comments

  1. Flit says:

    La grana dei Padani, il prodotto DOP più consumato in terronia !

    Mungi, trasforma, stagiona e taci, somaro padano !

  2. Salvo says:

    “se c’è il grana padano vuol dire che la Padania esiste” cit. Bonanno

  3. Albert Nextein says:

    Io vorrei sapere, e forse Giorgio Fidenato ne sa qualcosa, se i produttori di Padano ricevano sovvenzioni di sorta da europa,italia, o quali altri organismi.

    • Leonardo says:

      Tutto il comparto agricolo riceve sussidi e/o sovvenzioni. Inoltre, cosa che pochi ricordano, il Grana Padano è prodotto con latte di mucche alimentate con prodotti ogm

      • Albert Nextein says:

        Ho chiesto ora,via mail , al consorzio grana padano tali informazioni.
        Sono curioso di veder se mi trasmettono qualcosa.
        Mesi fa chiesi ad Hera,che raccoglie carta e vetro con la differenziata in regime di monopolio da noi, quanto le venisse pagata questa materia.
        Sul loro depliant che pubblicizza tale raccolta c’era indicato la quantità che riescono a raccogliere.
        Volevo fare due conti,anche solo per curiosità.
        Sono mesi che aspetto.
        Nessuna risposta.
        I cittadini devono raccogliere,regalare queste materie ad Hera monopolista in nome del sano e disinteressato spirito ecologico,senza vantaggio.
        Per la patria.
        Io preferirei che ci fossero più aziende nel medesimo segmento operativo.
        E non mi spiacerebbe esser pagato o compensato in qualche modo se apporto metallo,vetro,carta,plastica.

        Io non faccio più raccolta indifferenziata e caccio via tutto alla brutta nel medesimo cassonetto.
        Che si arrangino loro.

Leave a Comment