/

Gli ultimatum del Nord. Il Primo d’Aprile di Salvini e del “bravo Giorgetti”

di STEFANIA PIAZZO – Riforme, basta la parola. Era il primo d’aprile 2013 e non era un pesce. Era il tempo delle mele, quello in cui si cercava di arrivare alla prima Pontida senza Bossi segretario con qualcosa in mano che non  fosse un pugno di mosche. E allora, ecco cosa usciva dal cilindro di Matteo Salvini, a quel tempo non ancora segretario federale. Riportiamo fedelmente l’agenzia.

saggi quirinaleCome andò a finire? Per quanto restò nel gruppo dei saggi il “bravo Giorgetti”? E come finì?

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Giornalisti, il 40% sotto i 5mila euro di reddito. Grasso: siamo alla deriva globale dell'informazione

Articolo successivo

Dalla Le Pen Lombarda alla spaccatura di Verona, al flop election day per i referendum, al congresso rinviato. Tanto "Salvini premier" non ha paura di niente