Gli Stati Uniti si preparano alla nascita dei nuovi Stati europei più che Bruxelles?

autodeterminazioneicecdi LUCA POLO – portavoce ICEC per il Veneto – Il Congresso americano ha tenuto un dibattito circa i processi di auto-determinazione (U.S. Policy Toward National Self-Determination Movements). Lo scopo di tale iniziativa è rivolto allo studio delle politiche che gli Stati Uniti dovranno adottare riguardo questi fenomeni in divenire e relativamente alla nascita di nuovi Stati, ivi incluso ovviamente gli eventuali atti di riconoscimento degli stessi, ma anche potenzialmente azioni diplomatiche in corso d’opera. E’ interessante vedere come la Democrazia più potente del mondo stia tenendo nella dovuta considerazione queste eventualità, dimostrando maggiore sensibilità democratica ed una più che idonea dose di pragmaticissima “real politik” riguardo le istanze di autogoverno dei popoli storici europei, tra i quali viene più volte citato anche il Veneto. Ecco alcuni dei passaggi più interessanti dei report conclusivi degli esperti.

 

Jason Sorens (Comitato della Camera per gli affari esteri)

(..) il governo degli Stati Uniti deve affrontare decisioni sull’opportunità del riconoscimento di dichiarazioni di indipendenza, di entrare in relazioni diplomatiche con i nuovi Stati, e ad impegnarsi nella diplomazia con altri Stati e i movimenti per l’autodeterminazione all’interno dei loro confini (..)

(…) attualmente, partiti politici secessionisti che cercano un voto per l’indipendenza si trovano in Belgio (Fiandre), Canada (Quebec), Danimarca (Isole Faroe e la Groenlandia), Finlandia (Åland), Francia (Bretagna e Corsica), Germania (Baviera), Italia (Veneto e Sardegna), Spagna (Catalogna, le Isole Baleari, i Paesi Baschi, Navarra, Canarie e Galizia), Regno Unito (Scozia e Galles), e negli Stati Uniti (Alaska e Porto Rico). Inoltre, le parti irredentiste che cercano di spostarsi in un altro Stato sono presenti nel Regno Unito (Irlanda del Nord) e in Italia (Alto Adige).

(…) Francia, Spagna e Italia hanno tutte costituzioni che definiscono in modo esplicito i loro paesi come indivisibili (..)

(..) Tuttavia, una volta che una dichiarazione di indipendenza viene rilasciata, il Governo degli Stati Uniti non ha altra scelta che rispondere. In tal caso, il Governo degli Stati Uniti potrebbe prendere in considerazione non solo la interessi dello Stato ospitante, ma anche gli interessi dello Stato che nasce dalla secessione ed il suo effetto sulla stabilità regionale (..)

 

Ivan Vejvoda (Senior Vice President / Programs – German Marshall Fund of the United States )

(…) La questione di legittimità democratica è la chiave per queste considerazioni (…)

(…) il punto di vista del Presidente Woodrow Wilson presentato nel suo discorso del febbraio 1918: “Le aspirazioni nazionali devono essere rispettate, le persone dovrebbero ora essere dominate e governate solo dal loro stesso consenso. L’autodeterminazione non è un semplice frase, ma è un imperativo principio di azione …. “. O poi nel 1941 nella Carta Atlantica, oppure nella Carta delle Nazioni Unite (1945), che stabilisce che i rapporti tra le nazioni dovrebbero basarsi sul “rispetto del principio di parità di diritti e di autodeterminazione dei popoli ‘(Capo I, articolo 1)  (…)

(…) La scorsa settimana il ministro degli Affari Esteri della Danimarca Kristian Jensen parlando qui in  Washington DC presso il German Marshall Fund degli Stati Uniti ha detto: “Le frontiere possono essere spostate solo da penna e scheda elettorale” (..)

(…) Il progetto di pace politica che è stata la UE alle sue origini è stato il più ampio quadro delle controversie in materia di territorio che hanno o non hanno trovato soluzioni (…)

(..) Il referendum nel Regno Unito il 23 giugno di quest’anno, circa il rimanere all’interno dell’UE o uscire (Brexit) può essere visto come una sorta di referendum per l’autodeterminazione. Si pone tutta una serie di domande sul futuro dell’Europa, il futuro del Regno Unito. Provocherà un nuovo referendum in Scozia e una possibile dissoluzione del Regno Unito? Quali effetti avrà sull’Irlanda se il Regno Unito lascia? (…)

 

Dr. Paul Williams (Rebecca I. Grazier professore di diritto e relazioni internazionali presso American University )

Il Comitato ha notato che con la crescita della governance democratica in Europa, le questioni di autodeterminazione nazionale sono diventate sempre più popolari. In risposta, la politica degli Stati Uniti ha generalmente enfatizzato la stabilità e lo status quo dei confini esistenti. Il Comitato ha chiesto assistenza per verificare se la pace e la stabilità a lungo termine potrebbero essere meglio serviti nel sostenere l’autodeterminazione nazionale(..)

(…) Per capire se la pace a lungo termine e la stabilità in Europa ed Eurasia potrebbero essere meglio serviti attraverso il sostegno alla autodeterminazione nazionale, è importante capire la natura complessa e l’intrattabilità dei conflitti connessi con autodeterminazione nazionale (…)

(..) Non c’è accordo tra la comunità internazionale su come risolvere questi conflitti (..)

(..)Questi conflitti affliggono alcuni dei più stretti alleati e più importanti d’America, come il Regno Unito, la Francia, l’Italia e la Spagna (…)

(…) negli ultimi venticinque anni, più di tre dozzine di nuovi stati sono stati creati come risultato dei movimenti nazionali di autodeterminazione. Per fornire una prospettiva storica, nel 1945 c’erano solo 55 Stati-nazione, mentre oggi sono 195 (…)

(…) Il 9 novembre 2014, quasi 2 milioni di elettori si sono presentati in Catalogna per partecipare a un referendum non vincolante per l’indipendenza. L’ottanta per cento di coloro che hanno votato ha favorito l’indipendenza dalla Spagna (…) È interessante notare che, nonostante l’impatto potenzialmente destabilizzante di questa controversia in corso in Spagna, il dibattito giuridico interno può essere in gran parte irrilevante per l’Unione europea. Se catalani alla fine sceglie l’indipendenza, essi cercheranno il riconoscimento internazionale come stato indipendente in base alla volontà del popolo, non sulle disposizioni della Costituzione spagnola. Come ha osservato la Corte Internazionale di Giustizia (ICJ) verificando la legittimità della dichiarazione di indipendenza del Kosovo, non c’è un impedimento giuridico internazionale contro il fatto che un’entità sub-statale dichiari l’indipendenza (…)

(…) Se l’Unione europea dovesse considerare il riconoscendo della Catalogna, questa azione potrebbe incoraggiare ulteriormente i referendum in Belgio, Cipro, Slovacchia, Romania, e, eventualmente, in Italia, che sono tutti paesi alle prese con i propri movimenti di autodeterminazione (…)

(…) se l’UE nega il riconoscimento di Catalogna, questo può generare un conflitto congelato nel cuore economico dell’Europa che drenerebbe risorse economiche e capitale politico da una Spagna fragile economicamente. Questo conflitto economico congelato vedrebbe uno “Stato” con l’Euro come moneta e sette milioni di catalani potrebbero conservare la loro cittadinanza europea, vivendo al di fuori dell’UE. Inoltre, in molti stati europei, un non riconoscimento sarebbe percepito come anti-democratico. Tale mossa sarebbe estremamente difficile da giustificare, dato che quasi tre dozzina di Stati hanno ottenuto il riconoscimento da parte degli Stati membri dell’UE negli ultimi venticinque anni (…)

(…) Al fine di promuovere la pace e la stabilità a lungo termine è indispensabile che al momento di affrontare l’autodeterminazione nazionale, gli Stati Uniti passino da una politica che privilegia la stabilità e lo status quo dei confini esistenti ad una che privilegi la sovranità guadagnata. Utilizzare l’approccio della sovranità guadagnata consentirà agli Stati Uniti e ai suoi alleati una maggiore flessibilità nella gestione delle aspirazioni dei movimenti nazionali di autodeterminazione in un modo che riduce il potenziale di violenza e instabilità politica ed economica.

Ecco il link alla documentazione completa:

 

http://foreignaffairs.house.gov/hearing/subcommittee-hearing-us-policy-toward-national-self-determination-movements

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

3 Comments

  1. Giancarlo says:

    E’ chiaro che nonostante le varie interpretazioni di comodo di certuni paesi, alla fine, l’O.N.U. con la collaborazione degli USA e di altri paesi facenti parte la tavola rotonda del consiglio di sicurezza ,dovranno finalmente discutere e chiarire che il principio sull’autodeterminazione dei popoli è fondamentale per la pace nel mondo.
    Infatti in ogni parte del mondo ove vi furono soprusi, inganni, truffe, raggiri e prevaricazioni da parte dei paesi ” VINCITORI” sui Popoli ” PERDENTI LA LORO LIBERTA’ E SOVRANITA’ ” si dovrà riconoscere a questi ultimi il diritto a ritrovare se stessi e la loro indipendenza.
    E’ un fatto di diritto e di giustizia se riconosciamo che le guerre non sono più motivo di far prevalere le proprie ragioni sugli altri o addirittura farne scopo di invasione a fini territoriali o di espansionismo .
    La dichiarazione di Helsinki per l’Europa agli art. 28-29-30 in pratica con un colpo al cerchio ed uno alla botte rimanda all’O.N.U. la definitiva interpretazione sull’autodeterminazione dei popoli ed io aggiungo che finalmente si dovrà mettere nero su bianco la relativa prassi che ogni Popolo potrà e dovrà seguire per l’ottenimento definitivo della sua libertà ed indipendenza da qualsiasi paese occupante.
    L’italia è un paese occupante il VENETO poiché il plebiscito fatto a suo tempo nel 1866 è stato una truffa, un raggiro e confermo un’illegalità dato che fu effettuato senza alcun controllo internazionale come era previsto dal trattato di pace di Vienna e la prova fu che sulla gazzetta del Regno d’italia il risultato del referendum fu dichiarato a favore dell’annessione del Veneto all’italia ben due giorni prima che fosse realmente effettuato. Quindi anche giuridicamente, essendoci le prove provate dovrà essere denunciato il risultato come inapplicabile anche se a distanza di tempo e per dirla sino in fondo non furono fatti votare sia coloro che abitavano la parte Veneziana del trentino per non parlare poi dei possedimenti oltre mare come l’Istria e la Dalmazia. Insomma fu un vero atto di blasfemia giuridica e anche internazionale cui si dovrà denunciare anche le nazioni che non assolsero il loro compito di controllo come la Francia, l’Austria ,Germania ed Inghilterra.
    Come sempre l’italia e prima di essa i Savoia furono dei veri ladri della libertà ed indipendenza dei VENETI.
    Alla fine, ne sono sicuro, la storia farà giustizia di questo misfatto ai danni di un Popolo millenario che non solo non morirà mai, come l’italia vorrebbe e fece di tutto per ottenerlo, ma che saprà ritrovare sé stesso e la propria identità e cultura prima che l’italia sprofondi nel DEFAUTL ormai inevitabile. E’ solo questione di tempo.
    WSM

  2. Fil de fer says:

    Richiesta inoltrata al Presidente Obama per richiedere quale politica fattiva intende perseguire al fine di poter rendere effettiva l’autodeterminazione dei popoli.
    Necessita una prassi riconosciuta che oggi non è ancora ben chiara, salvo il precedente del Kossovo,e naturalmente della Crimea che si è auto dichiarata indipendente dall’Ukraina ed è stata subito riconosciuta dalla Russia.
    Tutto è in movimento e ne vedremo delle belle !!
    WSM

  3. Giancarlo says:

    Bella notizia.
    Desidero ricordare a tutti che quando gli Stati Uniti dichiararono la loro indipendenza dall’Inghilterra la Serenissima Repubblica Veneta fù la prima a riconoscere gli U.S.A.
    Vi sembra poco ?
    Vi sembra che se il Veneto chiedesse agli USA il riconoscimento della pripria indipendenza già dichiarata sopo il refeendum digitale del Marzo 2014 ce lo negherebbero ??!!!!
    Mah….è tutto da vedere ma le probabilità sono già a favore del Veneto per chi sa qualcosa !!
    WSM

Leave a Comment