Gli impresentabili della Bindi

di REDAZIONErosi bindi

Sono 17 gli ‘impresentabili’ che la commissione Antimafia ha individuato tra i candidati alle imminenti elezioni regionali: 13 in Campania e 4 in Puglia.

“A chi dice che ho rallentato i tempi per proteggere il mio partito, faccio rispondere da chi nel mio partito dice che ho fatto questo lavoro per una lotta interna al partito: mettetevi d’accordo perché nessuno dei due ha ragione”, spiegava Rosy Bindi presentando la lista degli “impresentabili” stilata dalla Commissione Antimafia, da lei presieduta. “Sia chiaro che questa lista non ha il potere di una legge, è solo una servizio fatto ai cittadini perché conoscano la qualità dei candidati che si apprestano a votare”.

Nella lista compaiono:  il candidato presidente del Pd Vincenzo De Luca, Antonio Ambrosio (Forza Italia), Luciano Passariello (Fratelli d’Italia), Sergio Nappi (Caldoro presidente), Fernando Errico (Ncd-Campania popolare), Alessandrina Lonardo (Forza Italia), Francesco Plaitano (Popolari per l’Italia), Antonio Scalzone (Popolari per l’Italia), Raffaele Viscardi (Popolari per l’Italia), Domenico Elefante (Centro democratico-Scelta civica), Biagio Iacolare (Udc), Carmela Grimaldi (Campania in rete) e Alberico Gambino (Meloni-Fratelli d’Italia-An). I quattro candidati della Puglia, come noto, sono Fabio Ladisa (Popolari per Emiliano), Enzo Palmisamo (Movimento per Schittulli), Giovanni Copertino (Forza Italia) e Massimiliano Oggiano (Lista Oltre con Fitto).

 

L’Antimafia segnala infatti che dagli atti trasmessi dal procuratore della Repubblica di Salerno risulta che pende un giudizio a carico di De Luca, nel procedimento per il reato di concussione continuata commesso dal maggio 1998 e con “condotta in corso” (e altri delitti, quali abuso d’ufficio, truffa aggravata, associazione per delinquere). La prossima udienza e’ fissata per il 23 giugno 2015. La procura di Salerno ha comunicato, con una nota del 25 maggio 2015, che l’imputato De Luca “ha rinunciato alla prescrizione relativamente ai delitti per i quali era maturato il relativo decorso”.

Sono due le donne tra i 17 ‘impresentabili’ scovati dalla commissione Antimafia e una di loro e’ Alessandrina Lonardo, ex presidente del consiglio regionale della Campania moglie di Sandro Mastella. Lonardo, oggi candidata con Forza Italia per Stefano Caldoro, e’ in attesa di giudizio per il reato di tentata concussione.

 

 

Print Friendly

Recent Posts

Leave a Comment