Gli ex di Bellerio: Lega fa solo campagna elettorale, non una lira dall’accordo sulla Cig

riceviamo e pubblichiamo dalle rappresentanze sindacali degli ex dipendenti Lega Nordprima bellerio

Spett.le Amministrazione Federale “Lega Nord per l’Indipendenza della Padania”,

nonostante numerose richieste inviate alla Vostra attenzione, e nonostante le Vostre risposte contenenti promesse di interessamento nei confronti della questione “anticipo Cassa integrazione”, ci troviamo purtroppo ancora a dover sottoporre alla Vostra attenzione una questione di importanza sostanziale.

L’accordo sottoscritto in sede ministeriale tra la Lega Nord e le Organizzazioni Sindacali lo scorso 4 febbraio prevedeva tra l’altro la possibilità – questione assolutamente dirimente per tutti i dipendenti collocati in Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria – di usufruire immediatamente, per compensare la mancata riscossione dell’assegno di CIGS (che non arriverà ai dipendenti Lega Nord prima del prossimo Autunno), di una convenzione con gli istituti bancari Credito Valtellinese e Intesa San Paolo che avrebbe anticipato ai lavoratori cassaintegrati gli importi degli assegni mensili di CIGS.

Le Organizzazioni Sindacali hanno firmato l’accordo con la Lega Nord anche e soprattutto perché la stessa aveva garantito l’immediato avvio della convenzione di cui sopra; è doveroso quindi far notare che la Lega Nord al momento della firma avrebbe dovuto essere perfettamente consapevole delle tempistiche relative all’avvio della convenzione, così da aiutare i propri dipendenti scegliendo eventualmente un’altra formula (ovviamente ben diversa dall’anticipo “una tantum” del TFR).

In poche parole: avreste dovuto informarvi PRIMA.

Purtroppo, in queste ultime settimane, le promesse giunte dalla Lega Nord di intervenire in maniera concreta e tempestiva per risolvere la questione sono state ancora una volta disattese. Allo stesso modo ci preme ricordare che proprio lo scorso 15 maggio, in sede di Tavolo di confronto per il controllo/monitoraggio dell’andamento dell’accordo di Cassa integrazione tra la Lega Nord e Organizzazioni Sindacali, è stato ribadito da parte dei consulenti legali della PriceWaterhouseCoopers che la Lega Nord avrebbe sbloccato la situazione di stallo quanto prima. In quella occasione sarebbe stata peraltro molto utile la PRESENZA di un Dirigente qualsiasi della Lega Nord al quale avremmo voluto illustrare i problemi economici di numerosi nostri colleghi, ma evidentemente l’incontro non è stato considerato meritevole di attenzione.

Ad oggi quanto detto e promesso – attraverso comunicazioni e per mezzo degli avvocati della PWC – stride purtroppo con quanto effettivamente posto in essere.

La situazione economica generale, come tutti sappiamo, è molto grave: risulta però indubbiamente più gravosa per quei lavoratori cassaintegrati che non avranno a disposizione alcuna entrata mensile fino a che non interverrà l’erogazione dell’assegno mensile di CIGS (che se tutto va bene inizierà in Autunno, come scritto poc’anzi). L’anticipo della Cassa Integrazione mediante convenzione bancaria faciliterebbe quindi la situazione economica dei dipendenti.

La mancanza di volontà della Lega Nord nel soddisfare queste richieste sta purtroppo comportando per numerosi lavoratori un forte aggravamento della propria situazione, sia economica che sociale. Ci rammarichiamo profondamente che la Lega Nord, in questo caso, abbia dato la propria preferenza alla campagna elettorale per le elezioni regionali e amministrative, a discapito di persone e famiglie che hanno dedicato la propria vita alla causa della Lega e che adesso si trovano senza risposte.

Oggi ci premeva sottolineare soprattutto questo; altri aspetti relativi all’andamento dell’accordo, riguardanti anche lo svolgimento delle cosiddette “rotazioni”, verranno approfonditi nel corso del prossimo Tavolo di verifica.

Chiediamo quindi per l’ennesima volta che gli impegni e le promesse fatte nelle scorse settimane possano finalmente trovare concreta e soprattutto rapida attuazione, per mettere in essere quanto il Segretario Federale dichiara incessantemente ogni giorno: dare la massima priorità alle questioni sociali e ai problemi di TUTTI i cassintegrati e i disoccupati.

Un cordiale saluto,

Roberto Callegari – RSA UILTucs
Roberto Marraccini – RSA Filcams
Franco Quaglia – RSA Filcams

Print Friendly

Recent Posts

Leave a Comment