Gli attentatori sono i figli dello ius soli. Tutti nordafricani di seconda generazione

economist francia

di MARCELLO RICCI Le stragi alla metro e all’aeroporto di Bruxelles, quelle di Charlie Hebdo, del Bataclan e ora quella della Promenade de Anglais sono tutte legate allo ius soli. Nordafricani in prevalenza algerini , tutti di seconda generazione, cresciuti in Europa, carichi di odio sanguinario che esplode seguendo un algoritmo perfetto. Questi i fatti. Ma il perché?

La Francia ha un vergognoso passato coloniale ed in questo non è sola. La questione algerina è un brutto capitolo della storia che, come Guernica ispirò Picasso, spinse Matta a dipingere vari quadri che rappresentano la condanna di quel colonialismo, di tutti i colonialismi predatori. L’opposto di questi sono le missioni dove grandi servi di Dio si sono trasferiti per dare senza mai prendere.

Gli autori delle stragi hanno come comuni denominatori l’origine, il trasferimento in Europa, di essere di seconda generazione cresciuti nell’odio atavico fomentato dall’insegnamento islamico e dal ritrovarsi nella civiltà europea in cui non si integrano per differenze razziali, culturali, religiose, ideologiche. E’ sempre la seconda generazione che non si ritrova, subisce, ma allevata nell’odio, esplode.

Il non ritrovarsi, sentirsi inferiori, innesca sentimenti di rivalsa che alimentati dalle scritture del Libro finiscono come è noto. Quanto accade era prevedibile e in tutto il mondo scrittori e pensatori lo hanno annunciato. Sono stati ignorati e da alcuni anche disprezzati. Oriana Fallaci ha esattamente tutto previsto , ma è stata tacciata di catastrofismo. La grande Ida Magli recentemente scomparsa ha studiato e esposto il problema sotto il profilo antropologico, non ha avuto miglior sorte. Non erano entrambe in linea con il non pensiero dell’accoglienza oltranzista e devastatrice alla Bergoglio.

Le razze le ha create Dio e l’uomo non può annullarle e quando ci prova compie un attentato alla divina creazione. Quel che preoccupa è che gli imbecilli al potere non si rendono conto che gli attentati si moltiplicheranno. come il giocattolo “ misirizzi “ si preoccupano di non decadere e come l’asino di carducciana memoria incollati alle poltrone seguitano a brucare il loro cardo fatto di effimero e dissennato potere e a vomitare vacui e insensati.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

One Comment

  1. lombardi-cerri says:

    Fatemi capire ! In base alla teoria dei buonisti se io frequentassi assiduamente la squadra dei calciatori azzurri diventerei un azzurro ? Ditemelo, per favore!

Leave a Comment