Giovedì Berlusconi lancerà la “Nuova Forza Italia”

di REDAZIONE

Le primarie restano appese alle decisioni di Silvio Berlusconi. Ma il segretario del Pdl, forte del sostegno della maggioranza del partito, si prepara a dare battaglia e, indicando l’ufficio di presidenza quale unico organo competente a decidere, di fatto lancia la sfida al Cavaliere: dica chiaramente cosa vuole fare e sara’ poi il ‘parlamentino’ a pronunciare l’ultima parola. Alfano, secondo i rumors delle ultime ore, non dovrebbe pero’ aspettare poi tanto: Silvio Berlusconi pare sempre piu’ deciso a lanciare il suo nuovo soggetto politico in settimana, molto probabilmente giovedi’, e non e’ escluso che lo faccia in televisione, lo stesso mezzo scelto per tutti gli annunci importanti. Il ‘piano’ berlusconiano prevede il lancio di un restyling di Forza Italia, che secondo alcuni potrebbe trasformarsi in ‘Forza Italiani’. Quasi certa la candidatura in prima persona di Berlusconi – questa l’intenzione confidata anche oggi ai suoi fedelissimi riuniti ad Arcore – affiancato da una squadra ‘rigorosamente’ selezionata dal Cavaliere nella quale ci sarebbe spazio solo per pochi esponenti ex azzurri, tra cui molti amministratori e giovani sindaci. Il progetto prevede uno ‘spacchettamento’ del Pdl, nelle mani di Alfano, e di un movimento di destra. E oggi, con i fedelissimi, Berlusconi sarebbe tornato a bocciare le preferenze ed esprimere il favore per un sistema che privilegi le alleanze, non disdegnando il mantenimento del Porcellum. In un lungo vertice a villa San Martino, tra i presenti anche Denis Verdini e la sondaggista Ghisleri, e’ stato svolto un focus sulla legge elettorale, viene riferito, per capire come coniugare il nuovo soggetto politico e quel che restera’ del partito con la riforma del voto. Alcuni dei presenti, viene spiegato, avrebbero messo in guardia il Cavaliere dal rischio che una ‘frantumazione’ dell’offerta possa rivelarsi controproducente. Ma dalle ultime rilevazioni in suo possesso, Berlusconi otterrebbe da solo una forbice di voti che va dal 15 al 20%.

Ufficialmente Alfano nega divisioni e attriti con l’ex premier e garantisce che “qualsiasi decisione sara’ presa d’amore e d’accordo”. In realta’, spiegano fonti pidielline, la tensione si taglia con il coltello e l’ex Guardasigilli studia gia’ le contromosse: in serata riunisce a via dell’Umilta’ i fedelissimi ex Fi e gli ex An, in vista di un ufficio di presidenza – che dovrebbe essere convocato in settimana, ‘mosse’ berlusconiane permettendo – che si preannuncia di fuoco. Molti nel Pdl, ma soprattutto gli ex inquilini di via della Scrofa, infatti, non hanno nessuna intenzione di annullare le primarie e offrire la testa al Cavaliere. Tanto che, viene spiegato, in diversi avrebbero ‘strigliato’ Alfano per la troppa fretta con cui ieri ha ipotecato il futuro della competizione interna qualora Berlusconi dovesse tornare in campo. Da qui la correzione di linea: “Le primarie ad ora si fanno, poi decidera’ l’ufficio di presidenza dove Berlusconi dira’ cosa vuole fare”. Nel partito cresce il timore che il Cavaliere voglia ‘azzerare tutto’ e i maggiorenti si stringono attorno al segretario aggrappandosi alle primarie. I piu’ agguerriti sono proprio gli ex An, convinti che lasciare spazio all’ex premier equivalga a una diaspora sicura e a una loro emarginazione in un soggetto di destra. Non che questa ipotesi venga scartata a priori. Anzi, per gli ex aennini se il futuro dovesse essere una riedizione di Forza Italia loro sono pronti a dire addio. Alfano, pero’, invita a non ipotizzare ora mosse azzardate e c’e’ chi riferisce che in fondo il segretario spera che all’ufficio di presidenza si ripeta il copione dell’ultima riunione, con Berlusconi in minoranza ‘costretto’ a dare il suo assenso alle primarie. Ma il Cavaliere, appunto, ha ben altri piani e non prevedono affatto le primarie. C’e’ chi sostiene che l’ufficio di presidenza non servira’, perche’ l’ex premier sgombrera’ il campo molto presto, con l’obiettivo innanzitutto di ‘liberarsi’ dei ‘vecchi apparati’ e dell’attuale nomenclatura, con l’ipotesi di formare gia’ gruppi parlamentari distinti.

FONTE ORIGINALE: AGI.it

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

One Comment

  1. Franco says:

    Certo Forza Italia.2,vi anticipo chi sarà il “nuovo” segretario:MARONI!

Leave a Comment