Gibelli farà la “sentinella” di Formigoni con elmetto e baionetta!

di TONTOLO

E’ nata la nuova e ultima giunta regionale lombarda presieduta dal Celeste Formigoni. E’  una formazione di “passaggio”, che porterà alle elzioni anticipate in gennaio o in aprile a seconda se prevarrà la posizione del presidente usciente o quella della Lega. Nel nuovo governo lombardo il Carroccio entra con la “garanzia” del vice presidente confermato, Andrea Gibelli, già chiamato come la “sentinella” dei lumbard a Palazzo Lombardia. Il segretario della Lega Lombarda Matteo Salvini ha fatto capire che entrarvi a far parte, piu’ che un piacere, per la Lega, e’ stato un “dovere”. I ‘padani’ non vedono la nuova formazione con grande entusiasmo. Ma hanno ottenuto l’unica condizione che avevano posto. Gibelli e’ rimasto il vice di Formigoni e la Lega, in questo modo, mette gia’ un’ipoteca su Palazzo Lombardia: se il ‘Celeste’ dovesse dimettersi in queste settimane o mesi che separano dal voto, in seguito a qualche nuovo problema giudiziario, Gibelli prenderebbe il suo posto fino alle elezioni.

Dunque Gibelli farà la sentinella con elmetto e baionetta! Ma non sono mica così sicuro che la base leghista capirà questa scelta: dopo aver fatto ruzzolare il Celeste, non era forse meglio e anche più coerente lasciarlo lasciarlo al proprio destino? Bel dilemma…

Print Friendly, PDF & Email

5 Comments

  1. Ma questa Veritas è l’Aurora o il tramonto leghista? Veritas raccontaci qualcosa del grande dentista bergamasco e che fine ha fatto?

    • Guarda che nessun consigliere leghista si è dimesso!
      Gli assessori dimessisi, ad eccezione di uno solo, rimangono in Consiglio con relativa indennità !

      Sono stati per anni a sostenere Formigoni ed ora, come han sempre fatto e sempre faranno, si atteggiano a guardiani della legittimità !

      Ma vadano a…..!
      Tu, Veritas, reggi il pitale con mano salda !

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Sarà Maroni il candidato della Lega per la Regione Lombardia

Articolo successivo

Più Toscana: accorpare la regione con l'Umbria. Massa alla Liguria