Giannino, tra le balle raccontate anche quella dello Zecchino d’oro

di REDAZIONE

A lanciare il sassolino, pardon, il pietrone è stato Vittorio Feltri, nelle battute finali di un’intervista a Panorama: «Il vero Giannino è una via di mezzo tra Bossi e Di Pietro. Un illusionista, un millantatore, uno che si è inventato di aver cantato allo Zecchino d’Oro e quando gli hanno fatto notare che non figurava nell’albo dei partecipanti si è inventato di esserci andato con un nome falso».

Ed ecco che la curiosità s’incendia, poiché se avesse ragione Feltri la vicenda di Oscar Giannino ascenderebbe dalle minuzie della cronaca alla grandezza dell’arte. Da materiale per cronisti diverrebbe materia da letterati e cinefili. Stralunata fantasia strappata alle Avventure del Barone di Münchhausen,  il nobiluomo tedesco che raccontava di aver battuto i fondali marini a cavallo e di aver duellato con un mantello ammalatosi di rabbia dopo il morso di un cane. O, per volare un po’ più bassi, la millanteria del leader di Fare rientrerebbe nel campo delle allucinazioni fantozziane, del genere: «Sono stato azzurro di sci» (segue mostruosa caduta in pista).

Il mistero della partecipazione di Giannino allo Zecchino d’Oro origina da un’intervista rilasciata al Foglio (giornale per cui aveva curato l’economia) nel 2009. «Sì, c’ero anch’io. Ho cantato anch’io allo Zecchino d’Oro, in un’epoca in cui quel programma era un punto di riferimento assoluto per chi era bambino in quei primi anni del boom», disse Oscar a Maurizio Stefanini.

FONTE ORIGINALE: http://www.liberoquotidiano.it

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

5 Comments

  1. FrancescoMario says:

    Francesco Mario

    E’ probabile che carriera politicia di Giannino finisca qui, ma è un vero peccato. Sarebbe stato un grandissimo politico. Dove lo troviamo un ballista naturale come lui? Forse nemmeno Berlusconi.

  2. hc says:

    L’ha spiegato Giannino ieri alle invasioni barbariche.
    Ora, si può dar credito al sentito dire di Feltri o alla risposta del diretto interessato.

  3. eugenio ceroni says:

    Giannino, a parte le brutta figura, era anche poco informato:bastava andare all’Università di Tirana ed in 2 giorni poteva prendersi 2 lauree.

  4. Giacomo says:

    Basta guasconi, pagliacci e ciarlatani. Basta.

Leave a Comment