Giallo sul referendum veneto. Chi l’ha visto? VivereVeneto sposa l’appello di Storti

di ANNA ISEPPON

 

farsi-domandeAbbiamo parlato in più occasioni delle leggi 15 e 16 del 2014 per l’indizione – rispettivamente – dei referendum su autonomia e indipendenza del Veneto Passata la campagna elettorale, passata (almeno in parte) la polemica conseguente al risultato del voto regionale, passata anche la sentenza della Corte Costituzionale, che cosa rimane dei referendum?

Referendum sull’indipendenza del Veneto (Legge 16/2014)

noLa sentenza 118 della Corte Costituzionale del 25 giugno scorso ha sancito – come era previsto – l’illegittimità costituzionale della L.16/2014 della Regione Veneto. Tradotto: la legge italiana ritiene illecita la richiesta dei Veneti  di esprimersi sulla questione indipendentista attraverso un referendum consultivo. A tal proposito vorrei ricordarvi che l’avvocatura dello Stato si era espressa prospettando “un rischio quando la libertà di opinione diventa chiamata alle urne”; ciò la dice lunga sul concetto di democrazia italiano!

Rimane il progetto di ricorrere ad organismi internazionali per far valere il diritto all’autodeterminazione dei Veneti, come in più occasioni sostenuto da Indipendenza Veneta, e rimane il progetto di mandare avanti un percorso istituzionale veneto per arrivare comunque al referendum,  come da obiettivo dell’intergruppo consiliare “Parola ai Veneti”, costituitosi il 20 luglio scorso.

Riguardo al conto corrente istituito dalla Regione Veneto per raccogliere i 14 milioni necessari per finanziare il referendum, se ne sono quasi perse le tracce! I movimenti indipendentisti non ne parlano più, la Regione ancor meno… e i pochi dati pervenuti parlano di appena 114mila euro raccolti. Silenzio anche sul secondo conto corrente che doveva essere istituito per bypassare quello regionale ed evitare che i fondi raccolti confluissero nella tesoreria unica. Sarà per questo che c’è chi inizia a chiedere indietro i soldi versati?

Referendum sull’autonomia del Veneto (Legge 15/2014)

scelgozaiaLa sentenza della Corte Costituzionale che ha bocciato il referendum indipendentista, ha bocciato solo parzialmente, invece, la legge 15, voluta dagli allora consiglieri regionali Toniolo e Tesserin (NCD). La Corte ha infatti dichiarato legittima la domanda «Vuoi che alla Regione del Veneto siano attribuite ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia?», in quanto conforme alla Costituzione (art 116, comma 3); inammissibili invece i quesiti relativi a statuto speciale e tassazione.

Cosa significa? La Regione Veneto NON diventerebbe come il Trentino Alto Adige e NON potrebbe trattenere sul territorio più tasse, ma a fronte di un “si” referendario, potrebbe ottenere maggiori forme di autonomia in alcuni campi – sia ripartiti con lo Stato sia esclusivi – tra cui (attenzione!) l’istruzione, la tutela dell’ambiente, dell’ecosistema, dei beni culturali, l’organizzazione della giustizia di pace. Ricordiamo inoltre che in questo caso, la spesa referendaria (4milioni di euro) verrebbe coperta attingendo ad un apposito capitolo del bilancio regionale, senza quindi contributi di privati cittadini.

Quindi, la legge c’è, il finanziamento pure, il via libera (seppur parziale) della Corte Costituzionale anche…a quanto pare manca solo la volontà politica per dare attuazione al referendum! Che ne è del nono punto del programma elettorale di Zaia: l’autonomia?

Certo è, che come prospettato da Alessandro Storti di “Avanti Lombardia” in un suo articolo (http://www.lindipendenzanuova.com/la-tempesta-perfetta-del-lombardoveneto/), lo scenario al prossimo election day si farebbe decisamente interessante qualora Lombardia e Veneto dovessero andare al voto chiedendo maggiori spazi di autonomia, ed il governo centrale chiedendo l’approvazione della riforma centralista dello Stato in corso di approvazione!

(https://venetostatofederale.wordpress.com/2015/08/18/che-fine-hanno-fatto-i-referendum/)

 

Print Friendly

Related Posts

3 Comments

  1. GPaolo says:

    L’ Indipendenza del Veneto si é dissolta con l’ uscita di scena di Alessio Morosin e così pure l’ Autonomia. Il resto… solo fumo!

    • caterina says:

      se sei interessato ad aggiornarti sull’andamento dei lavori, ti consiglio di presenziare alla prossima riunione del Parlamento Provvisorio Veneto che si terrà entro agosto…verificare nel sito Plebiscito.eu o su facebook.

  2. caterina says:

    staremmo freschi noi Veneti se ci dovessimo aspettare dalle istituzioni nazionali e regionali, che ne sono l’appendice che serve a prendere stipendi come i parlamentari e a tener buona la gente, quello che sappiamo di possedere già, per nostra iniziativa e per ora solo sulla carta: l’indipendenza della Repubblica Veneta.
    L’abbiamo già votata a larghissima maggioranza la primavera dello scorso anno e da quando abbiamo avuto la certificazione internazionale, abbiamo creato il nostro parlamento che, senza clamore, ma chi vuol seguire può sapere, nella commissioni in cui si è articolato sta lavorando a pieno ritmo perché una nuova realtà statuale non si può improvvisare, e possiamo conoscere il procedere dei lavori se ci diamo la briga di andare sul sito Plebiscito.eu, o se accediamo via facebook per quelli che si iscrivono… da aprile, cioè da quando la Commissione Internazionale Osce ha consegnato a Venezia, Palazzo Vendramin Calergi, nella mani del Presidente Busato la certificazione sottoscritta facendoci gli auguri per il prosieguo, non è passato mese senza che ad ogni seduta pubblica del parlamento subito eletto non sia stato presentato il lavoro fatto…
    Niente piove dal cielo, i politici naturalmente sperano tutti che niente succeda, ma gli oltre due milioni di Veneti che hanno votato per l’indipendenza sono nell’attesa, silenziosa ma vigile, della svolta che tutti si aspettano… e sicuramente ci sarà… sono anche stati ipotizzati i tempi, se aveste voglia di andare a cercare… perché, è certo, non abbiamo televisioni e testate che ci corrono dietro… hanno altri da accontentare, quelli da cui gli derivano i schei per sopravvivere…per ora!

Leave a Comment