Gentiloni, il governo col record di voti di fiducia…. Peggio di Monti.

chartrassegna stampa – di OPENPOLIS – In questi giorni il parlamento, principalmente occupato con la discussione sulla legge elettorale, deve anche convertire in legge il decreto n.50 del 2017, la cosiddetta manovra correttiva. Oggi il voto finale a Montecitorio, mentre nella giornata di ieri il governo ha posto e ottenuto la fiducia sul provvedimento. 315 favorevoli, 142 contrarti e 5 astenuti, e ora il testo passerà al Senato.

Diventano così 11 le occasioni in cui l’esecutivo guidato da Paolo Gentiloni ha utilizzato il voto di fiducia per velocizzare il dibattito e serrare i ranghi della maggioranza. Precedentemente era già successivo 7 volte al Senato, e 3 alla Camera. Nei 171 giorni di governo lo strumento è stato utilizzato circa 2 volte al mese, seguendo in pieno il dato già fissato dal governo di Matteo Renzi.

Il vero numero che emerge è quello che mette in relazione i voti di fiducia con le leggi approvate. Dal 12 dicembre 2016 (giorno in cui c’è stato il passaggio di consegne tra Renzi e Gentiloni) sono state approvate e pubblicate in gazzetta ufficiale 23 leggi. In media il 47,83% di esse ha richiesto un voto di fiducia, percentuale più alta fra gli ultimi 5 esecutivi. Il precedente record era del governo Monti (45,13%), seguito dall’esecutivo Letta (27,78%), quello Renzi (26,78%) e infine quello Berlusconi (16,42%).

tratto da: http://blog.openpolis.it/2017/06/01/voto-di-fiducia-numero-11-per-il-governo-gentiloni/15534?utm_source=Newsletter&utm_medium=email&utm_term=MailUp&utm_content=MailUp&utm_campaign=Newsletter

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

One Comment

  1. Attilio Bradamante says:

    Se vanno avanti così, Monti, Letta, Renzi, Gentiloni e compagnia bella rischiano di superare un certo Benito Mussolini che all’inizio di quello che non era ancora diventato un regime legiferò in pratica solo per decreti legge e corrispondenti fiducie…

Leave a Comment