Genova non è un caso. Ovunque decide il mercato e cioè non vince il migliore ma il ribasso…

pontedi MARCELLO RICCI –  Le grandi catastrofi, come quella del crollo del ponte Morandi, provocano indignazione. La rabbia, fine a se stessa, risulta essere sterile. Molto utile l’analisi di eventi lontani e recenti e non limitata alle cause strutturali, ma estesa a tutto il contesto socio-economico e alle radici dello stesso e a future proiezioni veramente connesse con la vicenda.

Nello specifico non si tratta solo di stabilire se  le risultanze peritali sulla struttura, sulla progettazione, sulla manutenzione, sulla sorveglianza e su tutto quello che è nei protocolli sia stato fatto. Essendo la catastrofe avvenuta, omissioni e errori ci sono stati. Non è nell’ordine delle cose che quel ponte abbia chiuso il proprio ciclo, senza dar segni della propria imminente fine. Colpe in eligendo e vigilando, sono certe, ma non è questo il solo cruccio. Incompetenza, superficialità , avidità, ignoranza, mercato… Certamente tutto il pensabile. Ipotizzabile che ci sia stato  lo zampino , la coda e le fauci dei mostro nomato gruppo Bilderberg o club Bilderberg. Il dramma ha radici più profonde e più lontane.

E’ pensabile che il rigore scolastico e l’orientamento selettivo abbiano un peso non marginale, ma assolutamente determinante. Non sembra così essere. Basti pensare che la finanza speculativa internazionale ha i suoi uomini ovunque e anche se hanno nazionalità italiana sono al servizio e al soldo di comitati d’affari anglo-americani.

Dal generico allo specfico. Gian Maria Gros-Pietro. Mario Draghi, Romano Prodi, Mario  Monti, Giuliano Amato, sono i gestori fedeli di interessi della finanza internazionale che tengono saldamente unite  le maglie dei poteri economici in Italia.
Romano Prodi il liquidatore dell’IRI, lo svenditore dei gioielli dell’Italia industriale ha in Nonisma Gian Maria Gros-Pietro, presente anche in Atlantia s.p.a. dei Benetton, che a prezzi di saldo è subentrata ad Autostrade  l’Italia. Solo un marginale esempio di come sempre gli stessi uomini chiave, legati strettamente al capitalismo oppressivo internazionale svolgano  funzioni di erosione…

Mezzi infiniti, ma tutti imperniati sulla mineralizzazione della culture, sul degrado della scuola, sulla mortificazione economica di molte professioni e sulla premiazione di altre.
Qualche esempio. Al ministero che fu di Benedetto Croce, la Valeria Fedeli portatrice di un diploma di assistente sociale.

Nelle scuole sono state cancellate le mitiche sezioni A in cui i presidi raggruppavano i ragazzi più dotati. E’ prevalso il concetto classista di mescolare i vasi di coccio con quelli di ferro. Nella scuola si è operato in modo difforme dalle attività sportive ove si seleziona per capacità e attitudine.
Istruzione al ribasso. Lauree brevi, mini lauree, programmi snelliti, promozioni facili, università che spuntano come funghi, tanto che un titolo di dottore si concede a tutti, ha sostituito l’usuale signore.  Maestri e professori sottopagati, di contro calciatori con ingaggi milionari. Meglio laurearsi o tirar calci?

La Normale di Pisa non è molto affollata. Le facoltà di ingegneria sono in cerca di allievi, quasi deserti i dipartimenti di matematica, affollatissima quella di scienza della comunicazione.
Gente che “autorevolmente” esprime pareri sui vaccini come la Taverna.
Sono certo che molti della mia generazione e anche successive costudiscono il ricordo dei docenti di latino e greco da cui hanno avuto i cardini della sintassi del ragionare incasellando i concetti con la propedeutica e la sequenzialità che il sapere esige.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

2 Comments

  1. Alessandro Guaschino says:

    Non riesco a vedere una soluzione: se lo Stato costruisce qualcosa finisce per costare 4 volte rispetto agli altri paesi e non si ha la certezza di un lavoro ben fatto. Se lo fanno i privati risparmiano su tutto, pur di guadagnare e non si ha la certezza di un lavoro ben fatto e come succede con la privatizzazione dell’acqua, si ha solo lo stesso servizio (pessimo) che fornirebbe lo Stato ma con tariffe più elevate.
    O si da la certezza di controllo e verifiche punendo pesantemente sia chi viene corrotto che chi corrompe e chi, come nel caso del Ponte di Genova ma come nel traforo del Tenda, sbaglia, ruba, uccide, finisce in galera, perde tutto e si getta via la chiave oppure rinunciamo a qualsiasi grande opera, pubblica o privata che sia….

  2. caterina says:

    è una fotografia triste dello scivolamento generale verso il basso… la Cina che ha costruito dighe per portare acqua alle pianure e costruisce silenziosi treni aerei che penetrano nella foresta dei suoi grattacieli in città da 17 milioni di abitanti ci sommergerà… altre filosofie di vita… noi ci teniamo la nostra e ovviamente scompariremo vittime di noi stessi, dove ciascuno pensa al proprio portafoglio o al massimo alla propria effimera affermazione, muoia pure Sansone e tutti i filistei…

Leave a Comment