Garibaldini e Veneti della battaglia di Lissa: veneti di serie A e B?

di ETTORE BEGGIATO*

Qualche giorno fa mi sono imbattuto, a Fossona di Cervarese S. Croce (Pd) in una recente lapide che ricorda la casa natale di Antonia Masanello, “donna animata da ideali risorgimentali che si unì alla spedizione dei mille”, una garibaldina che seguì l’eroe dei due mondi e che morì a Fiorenze nel maggio del 1862; un’altra lapide la ricorda nel cimitero fiorentino di San Miniato al Monte…ma questa fa meno notizia:  laggiù in Italia le lapidi per i garibaldini non si contano…

Quattro anni dopo la dipartita di Antonia Masanello, durante la cosiddetta “Terza guerra d’indipendenza”, si svolse nel Mar Adriatico, la battaglia di Lissa (20 luglio 1866), che vide il successo della marina austro-veneta sulla marina tricolore.

Lissa viene ricordata come l’ultima vittoria della Serenissima, visto il gran numero di veneti, friulani,  istriani e dalmati presenti nella  marineria austriaca che fino al 1848 veniva ufficialmente chiamata “Imperial e regia veneta marina”.

E, in una fonte inattaccabile  come la “Rassegna Storica del Risorgimento” pubblicata nel 1978,ho  trovato in un articolo di Pietro Giorgio Lombardo intitolato “Chioggia dal 1849 al 1866. Appunti”  questo elenco dei decorati:

Medaglie d’oro:

PENSO TOMMASO                                                       Chioggia

VIANELLO VINCENZO detto GRATAN                        Pellestrina – Venezia

Medaglie d’argento di prima classe:

ANDREATINI ANTONIO                                              Venezia

PENZO TOMMASO detto OCCHIAI                              Chioggia

MODERASSO ANTONIO                                              Padova

PREGNOLATO PAOLO                                                Loreo – Rovigo

GHEZZO PIETRO                                                          Malamocco – Venezia

DALPRA’ MARCO                                                        Venezia

FILIPUTTI ANGELO                                                     Palmanova – Udine

DINON GIROLAMO                                                      Maniago – Udine

VARAGNOLO ROMA PIETRO FERDINANDO            Chioggia

FILIPPO GIUSEPPE                                                      Palmanova – Udine

VIDAL BORTOLO detto STROZZA                              Burano – Venezia

Medaglie d’argento di seconda classe:

GAMBA FRANCESCO                                                  Chioggia

ROSSINELLI FEDERICO                                              Venezia

CAVENAGO GIOACCHINO                                         Padova

SCARPA ANGELO ZEMELLO                                      Pellestrina – Venezia

BOUTZEK IGNAZIO                                                     Venezia

BUSETTO GIOVANNI ANTONIO                                 Pellestrina – Venezia

PITTERI  LUIGI                                                             Venezia

GIANNI GIUSEPPE                                                       Chioggia

CEROLDI LUIGI GIOVANNI                                        Venezia

MOLIN LUIGI                                                                Burano – Venezia

RAVAGNAN GAETANO                                               Donada – Rovigo

SCARPA TOMMASO                                                    Chioggia

BORTOLUZZI FERDINANDO                                       Venezia

PREGNOLATTO DOMENICO                                      Contarina – Rovigo

GALLO EUGENIO PAOLO                                           Adria – Rovigo

BOSCOLO LUDOVICO                                                 Chioggia

FERLE REDENTORE                                                    Venezia

GRASSO LUIGI ANTONIO                                           Chioggia

MARELLA LUIGI ANTONIO                                        Chioggia

NARDETTO DOMENICO                                              Padova

LAZZARI FRANCESCO                                                Venezia

GARBISSI PIETRO                                                       Venezia

AMBROSIO ANSELMO                                                Latisana – Udine

FANUTO DOMENICO                                                   Venezia

SALVAZZAN ANTONIO                                               Padova

ALLEGRETTO LUIGI                                                    Burano – Venezia

VIDALI MASSIMILIANO                                              Maniago – Udine

MARCOLINA ANTONIO                                               Maniago – Udine

VARISCO FRANCESCO                                               Chioggia

BENETTI PASQUALE                                                   Padova

BUSETTO CARLO                                                        Pellestrina – Venezia

PENSO LUIGI  detto MUNEGA                                     Chioggia

NOVELLO RINALDO                                                    Venezia

SCOLZ PASQUALE                                                       Palmanova – Udine

BOSCOLO CASIMIRO                                                  Chioggia

VENTURINI ANGELO detto CIOCOLIN                       Chioggia

DONAGGIO FRANCESCO                                           Chioggia

NORDIO LUIGI                                                             Venezia

MELOCCO detto MEOCCO GIOVANNI                       Venezia

BOSCOLO VINCENZO                                                 Chioggia

SFRIZO AUGUSTO                                                       Chioggia

ALLEGRETTO (NEGRETTO) AUGUSTO                    Burano – Venezia

GALIMBERTI GIOVANN                                              Chioggia

Di tutti questi veneti (e friulani) che si sono battuti in maniera così meritoria da essere decorati, nei libri di storia non c’è traccia; come pure non c’è traccia nella toponomastica dei nostri comuni, di lapidi neanche a parlarne…; è troppo chiedere agli amministratori locali e al mondo della cultura un sacrosanto omaggio a questi veneti?

Oppure i veneti vanno divisi  fra quelli  buoni che meritano di essere ricordati (coloro che si batterono per l’Italia)  e quelli cattivi che vanno lasciati nell’oblio (tutti gli altri)?

*Già assessore regionale del Veneto

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

3 Comments

  1. gigi ragagnin says:

    i Veneti “cattivi” erano la stragrande maggioranza.

  2. Maurizio Bedin says:

    Ciao Ettore, come ben sai la lista delle medaglie d’oro che hai riportato, sono medaglie d’oro date da casa Asburgo d’Austria ai combattenti che si distinsero a Lissa con la Marina Austriaca (non più Oesterreich Venetische, dopo il 1848 degli insorti veneziani di Manin e Tommaseo), quindi non certo assegnate da casa Savoia. Del resto li comprendo, ‘sti Itaglioti. Perché mai, loro, dovrebbero dare onorificenze a chi gli ha distrutto una flotta navale nuova di zecca e fatto perdere la faccia davanti al mondo intero? E’ il medesimo ragionamento che, noi Veneti, dovremmo sempre tenere a mente…Itaglia e la sua Storia, la insegnarono a noi (50-60enni) a scuola già falsata e condita di moltissimo nazionalismo, se non esaltazione, ed hanno continuato coi nostri figli e nipoti in maniera anche peggiore! Che dire, poi, se andiamo a verificare e rendere noto il numero dei morti Veneti nelle file dell’esercito Austriaco in tutte le altre battaglie sostenute dall’Itaglia per la cosidetta “indipendenza”, dal 1848 in poi? Voglio ricordare, e se puoi, Ettore, correggimi, che a parte qualche RARO volontario Veneto nell’esercito piemontese (non Itagliano), le truppe erano in gran parte mercenarie (almeno i comandanti) e moltissimi battaglioni francesi. Se si studiasse questo a scuola, i conflitti ideologici sarebbero palesi e difficile poi negare che l’unificazione della penisola, fù solo guerra espansionistica e nulla più. Altro che alti sentimenti ideologici unitari. Non credi? A tutti, Serenissimi saluti! WSM.

  3. U.nione K.onfederale C.isalpina says:

    …è troppo chiedere agli amministratori locali e al mondo della cultura un sacrosanto omaggio a questi veneti? …

    direi DOVEROSO al punto in kùi siamo giunti
    e dal momento ke il Risorgimento ha cessato d’esistere nel lontano 1929 (firmando la sua resa x mano di Mussolini), skonfitto dallo stesso nemiko ke pretendeva esautorare il kuale, invece, ha reinstaurato il suo antiko dominio nella mistifikatrice statualità italika attuale ke, nuova e diversa nell’apparenza essa è di fatto l’ancien regime e Stato della Kiesa o Stato italiano della Kiesa di Roma …

    dicevo, celebrare kuei valorosi kombattenti ke rikordi è sakrosanto dovere dei veneti e cisalpini giakkè, kome i fratelli nostri ke kombatterono konvinti x la nostra libertà nelle file mazzinian_garibaldine, sono entrambi skonfitti dal sekolare tiranno, tutt’ora imperante e spadroneggiante, senza ke l’una né l’atra parte abbia avuto modo di prevalere e dimostrare kuindi, la giustezza dei propri konvincimenti geopolitici e stili di vita e progresso …

    Il Tiranno d’allora è ankòra oggi lo stesso … subdolo, insinuante, mimetizzato … ma sempre spietato, illiberale, autoritario e nemiko del bene del popolo …

Leave a Comment