Furti nei Comuni piacentini: Unione Padana interviene

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

E’ evidente come da troppo tempo, quasi quotidianamente, venga violato quello che dovrebbe essere il nido famigliare, e far sentire sicuro il cittadino: la propria casa. In alcuni comuni negli ultimi anni sono state installate telecamere per la videosorveglianza, un servizio che se funzionasse sarebbe molto utile per far stare più tranquilla la gente e demotivare i malintenzionati. Ma prendendo come esempio il comune di San Giorgio, per il quale UP ha ricevuto molte segnalazioni, non risulta che siano state utili. Una delle segnalazioni raccolte da UP riguarda un furto che ha visto come protagonista un povero ed indifeso cittadino che si è trovato in casa due persone, probabilmente di nazionalità nordafricana, ancora armate dei cacciavite utilizzati per forzare la porta d’ingresso ed entrare abusivamente. Il cittadino coraggiosamente li ha rincorsi e durante l’inseguimento hanno incrociato il padre della vittima, che spaventato ha colto i ladri sulla scena del crimine, un settantacinquenne, che era uscito qualche minuto per delle commissioni. Nella fuga, il lunotto dell’auto dei rapinatori all’interno del quale ad attenderli c’era il terzo nordafricano pronto a fuggire, è andato in frantumi, ed i ladri sono riusciti a far perdere le proprie tracce lasciando con un ” Ti ammazzo ” il povero cittadino spaventato per l’accaduto.

Questa persona però è stata lucida nel memorizzare 5 dei 7 caratteri della targa, il genere di automobile ed il colore che ha poi comunicato ai carabinieri intervenuti poco dopo. Nella stessa giornata inoltre ci sono stati altri furti. Ora, con una videosorveglianza, che è costata parecchi soldi al contribuente, come può essere che non si trovi  un’auto che viaggiava con il lunotto posteriore sbriciolato, sapendo anche, colore e quasi tutta la targa?

Sono questi i quesiti che tutti i cittadini si pongono e che hanno spinto UP a far depositare un’interrogazione al sindaco di San Giorgio nel quale si chiede se sono stati visionati i video, com’è possibile che non sia stata individuata l’auto, perché non è stato reso pubblico l’accaduto, anche considerato il fatto che sono stati resi pubblici i furti di rudo, ai quali sinceramente nessuno è particolarmente interessato.

Interviene sull’accaduto Luigi Ferraroni segretario provinciale di UP Piacenza- “La situazione è grave, ma la videosorveglianza potrebbe aiutare tantissimo, se fosse utilizzata in modo corretto e dopo gli ingenti investimenti effettuati coi soldi dei contribuenti, onestamente ci si aspettava tutto un altro tipo di risultato. Evidentemente, l’amministrazione non è capace di far fruttare gli investimenti, anche quando idealmente sarebbero giusti; l’impianto, evidentemente, o non funziona come dovrebbe o non viene sfruttato a dovere, molta fretta nell’investire il denaro pubblico, poca voglia e capacità di far funzionare correttamente quanto realizzato. Abbiamo uno strumento che potrebbe dare maggior sicurezza ai cittadini”,-conclude Ferraroni- “ma utilizzato così è inutile e così lo diventa anche l’ingente investimento. Verrebbe voglia di far pagare l’impianto di videosorveglianza di tasca propria a chi non lo fa funzionare correttamente e cioè agli attuali amministratori di San Giorgio perché questo è spreco di denaro pubblico.”

Direttivo Provinciale – Unione Padana Piacenza

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment