FT: per i problemi dell’Italia non bastano le riforme, ci vuole riflessione sull’euro

di REDAZIONE

 L’establishment italiano pro euro deve avviare un dibattito aperto sulla moneta unica e spiegare come possa funzionare l’euro nell’economia nazionale. È quanto scrive sul Financial Times l’editorialista Wolfgang Munchau, secondo cui il rischio è che altrimenti possano prevalere «per inerzia» le ragioni degli euroscettici. «I sostenitori della moneta unica hanno fallito nello spiegare come l’Italia possa prosperare all’interno di una unione monetaria con la Germania», ha sottolineato Munchau, che ricorda come il dibattito sull’euro sia molto più forte in Italia che in altri Paesi Ue. Anche se l’editorialista sostiene di non aver ancora sentito una spiegazione convincente sul fatto che l’Italia debba uscire dalla moneta unica, come chiedono alcuni partiti come la Lega Nord, resta il fatto che il dibattito è fondamentale. «Non ha senso dire che i problemi dell’Italia non abbiano nulla a che fare col cambio del regime monetario – si legge nell’intervento – la globalizzazione è stata uno shock asimmetrico… non sarebbe insensato per un Paese rispondere a uno shock asimmetrico attraverso una svalutazione del tasso di cambio», ha affermato Munchau, secondo cui per risolvere i problemi del Paese non bastano riforme strutturali ma deve essere avviato un ampio e maturo confronto sulla moneta unica.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

7 Comments

  1. Castagno 12 says:

    Lorsignori, che difendono l’Ue e l’€uro, si allarmano inutilmente per il tanto parlare e per le varie .proteste.
    Ma possono stare tranquilli.

    E’ impensabile, da parte del popolo italiano, una doverosa reazione contro queste due trappole infernali che ci succhiano soldi e salute.

    Se la maggioranza degli italiani avesse sanità mentale, provocherebbe, INEVITABILEMENTE, l’uscita del Paese da queste due imposizioni truffaldine, agendo, anche nel quotidiano, nel rispetto della Legge (ho già indicato il da fare).

    Ue ed €uro sono in realtà già fallite perchè i gestori, MENTENDO, ora si limitano a dire che così non vanno, necessitano di modifiche e aggiornamenti.
    Non ci avevano garantito che Ue ed €uro avrebbero comunque migliorato le nostre condizioni di vita ?

    Il cittadino italiano che vuole effettivamente liberarsi di queste due entità, dovrebbe ignorare le promesse fasulle dei soliti imbonitori che nell’ambito del Parlamento europeo non potranno ottenere alcun risultato.
    Detto Parlamento è privo del potere decisionale.

    Non votare il 25 Maggio significa NON RICONOSCERE L’UE E LA RELATIVA MONETA UNICA.

    Si dimostra anche di non credere alle proposte dei politici, irrealizzabili e spiritose, riguardanti le possibilità per uscirne.

    Solo il popolo ha la possibilià di togliersi QUESTE DUE CROSTE.
    I politici, alle dipendenze del Nuovo Ordine Mondiale, POSSONO SOLO MANTENERCELE !

  2. Roberto Porcù says:

    Gli stessi politici che ieri hanno voluto la moneta unica per fottere altri europei affibbiando loro il debito da loro accumulato in Italia, oggi scoprono che gli altri europei non sono così grulli da farsi abbindolare e che anzi, per la rimessa in ordine dei conti, è necessario essi si diano una calmata con gli appannaggi, le spese avventate, le regalie agli amici e, soprattutto, abbiano a togliere le mani dalla marmellata.
    A queste condizioni vanno dicendo che è meglio un ritorno alla lira, con la tassa occulta di una inflazione da loro programmata per far pagare da tutti i Cittadini un continuo saccheggio di fondi pubblici senza che costoro abbiano a rendersene conto.
    Attenti al lupo! Anzi, attenti ai lupi, che in Italia il loro branco ha avuto modo di crescere molto, ultimamente tirano un po’ la cinghia e sono affamati, hanno pellicce di tanti colori e ci circondano ululando.

  3. Mentre la scienza studia per il miglioramento della qualità della vita, la Politica studia come fottere i propri cittadini per privilegiare la Casta.
    Bisognerebbe eliminare la Politica, oggi sposa l’Unione Europea, l’Euro, la Costituzione e domani dice voi cittadini avete sbagliato, bisogna cambiare tutto perché non siete all’altezza di questo Paese, dove la corruzione é il nostro pane quotidiano per la sopravvivenza dello Stivale.
    Anthony Ceresa.

  4. Rustego Piovan da Molin says:

    A faso na provocasion… se economie difarenti le dovaria anca aver monéde difarenti, no saria xusto far el steso par el nord e ‘l sud Italia?
    (Xe solo na roba che gò pena pensà… ma el sud no xe penalixà da l’unione monedaria co, par exenpio, el Vèneto?)

  5. Fabio says:

    nessuna soluzione possibile fin quando ci sarà imposta una banconota con la violenza del monopolio di stato.

  6. Albert1 says:

    L’ “establishment”, adesso si chiamano così i salottini buoni… che si fottano! Merdacce autoritarie!

Leave a Comment